A luglio via le mascherine, scontro sullo stato di emergenza

A luglio via le mascherine mentre si inasprisce lo scontro sulla proroga dello stato di emergenza, l'ipotesi a luglio via le mascherine è molto probabile. Per l'addio alle protezioni per il volto c'è un'ampia convergenza, se nei prossimi 14 giorni i dati continuassero a scendere non ci sarebbero dubbi.

5' di lettura

Le stato di emergenza sarà prorogato, ma a luglio via le mascherine. Sulla prima questione non manca il consueto scontro politico, tra un centrodestra che è contrario e il premier Mario Draghi che nonostante l’ottimismo si mantiene prudente e prima di eliminare lo stato di emergenza vuole verificare due cose: la conclusione della campagna vaccinale, prevista a fine settembre, e attendere la ripartenza del Paese, sempre all’inizio dell’autunno.

A luglio via le mascherine, dunque. Per il presidente del Consiglio è quello un segnale di normalità, piuttosto che lo stop allo stato di emergenza. O meglio: è sicuramente un segnale più evidente per i cittadini italiani.

A luglio via le mascherine, Speranza: ipotesi probabile

Lo stesso ministro della Salute, Roberto Speranza, ha ammesso: «È una ipotesi realistica».

Ma perché Draghi vuole prorogare lo stato di emergenza? Il ragionamento del premier segue questa logica: non per disporre eventuali restrizioni, ma per poter decidere azioni immediate in caso di necessità.

Stato di emergenza: prima chiudere la campagna vaccinale

C’è anche un’altra motivazione: lo stato di emergenza garantisce l’operatività piena sia del Cts, sia, e diremo soprattutto, del commissario per l’emergenza, Francesco Paolo Figliuolo. Piena operatività che è necessaria fino alla chiusura della campagna vaccinale e dopo aver organizzato nei dettagli e le eventuali terze dosi.

Il no del centrodestra allo stato di emergenza

Ma chi è favorevole allo stop dello stato di emergenza? Tutto il centrodestra, quasi compatto. Si capisce la motivazione, un po’ meno la logica. Per Salvini «non prorogarlo sarebbe un bel messaggio». È probabile, ma forse il messaggio più esplicito per i cittadini (e i turisti) sarebbe “a luglio via le mascherine”.

In fondo se il governo non emette dpcm lo stato di emergenza neppure si concretizza.

La posizione di Forza Italia, in ambito centrodestra, è un po’ più defilata. E cioè, si passa con disinvoltura da «non bisogna abusare dello stato di emergenza», a un più prudente «la variante Delta non può essere sottovalutata», per concludere (Annamaria Bernini): «Difficile dirsi contro la proroga dello stato di emergenza se serva a mantenere la struttura commissariale in vista della terza dose di vaccino».

Fratelli d’Italia non ha mezzi termini: «La proroga sarebbe una follia».

Resta fino a quando il covid non sarà sconfitto

In realtà Draghi non avrebbe voluto iniziare questa discussione con tanto anticipo. Inutile perdere tempo a un mese e mezzo dalla scadenza dello Stato di emergenza.

La posizione del centrosinistra è racchiusa in un intervento dell’ex ministro, Francesco Boccia: «Lo stato di emergenza sarà prorogato fino a quando il Covid non sarà sconfitto definitivamente. È da ipocriti pensare di cancellarlo proprio in questa fase. A chi ancora lo utilizza come arma politica, voglio ricordare che serve per le procedure amministrative delle Regioni e dello stesso commissario Figliuolo. Tutto questo non significa limitazioni alle libertà personali dei cittadini, ma velocità di azione per la ripartenza e per essere sempre pronti nel caso in cui ripartissero i contagi».

A luglio via le mascherine: c’è convergenza

Resta l’altro nodo: a luglio via le mascherine. Su questo fronte c’è maggiore convergenza. Da qui a luglio mancano due settimane e se i contagi dovessero continuare a calare mentre nel frattempo i crescono i numeri della campagna di vaccinazione, l’ipotesi sarebbe altamente probabile.

A luglio via le mascherine, dunque. In particolare all’aperto. Per i locali al chiuso la misura potrebbe restare fino al raggiungimento dell’immunità di gregge, obiettivo possibile, se non ci sono intoppi, entro la fine di settembre (così ha dichiarato il commissario Figliuolo).

Ma l’eventuale proroga dello stato di emergenza fino a quando arriverebbe? Probabilmente fino al 31 dicembre 2021.

Gran Bretagna osservata speciale per la variante indiana

La precauzione è dettata quindi da due motivi: la fine della campagna vaccinale e l’imprevedibile effetto che potrebbe avere sui contagi la diffusione in Italia della variante indiana.

Si tiene sotto osservazione la situazione inglese dove, in poche settimane, la mutazione delta è diventata nettamente dominante facendo schizzare i nuovi contagi da poco più di mille a novemila.

In Gran Bretagna i contagi riguardano soprattutto (ma non solo) i più giovani, ossia chi non ha ancora ricevuto il vaccino. Anche per questo velocizzare in Italia la campagna di immunizzazione coinvolgendo chi ha meno di 30 anni è fondamentale per evitare sorprese.

Poi a luglio via le mascherine, con o senza stato di emergenza.

Per seguire le news e i video di TheWam usa questi link:

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie