Rubriche

A teatro col Clan H: quel sogno che divora

0
1' di lettura

Il  laboratorio creativo teatrale  è un valido strumento espressivo comunicativo che, grazie alle sue caratteristiche, consente ai partecipanti di crescere e sviluppare le forme di comunicazioni e la relazione con gli altri. Mette in relazione, quindi capacità di ascolto, improvvisazioni guidate e capacità di espressione, sia singola ma soprattutto di gruppo.

Con il Teatro Laboratorio del Clan H si cerca a ri-cercare e ri-creare nuovi spazi di comunicazione e teatralità. Gli allievi-attori lavorano su forme e sperimentazioni voce-corpo-movimento-dizione dando vita ad un tipo di Teatro-Workshop, in questo modo rappresenta un’esperienza complessa e sperimenta le relazioni , creative ed emotive,  così da “ esprimerle”.

Leggi anche  Se vai in ospedale cambiati le mutande a mammà

A questa modalità viene riconosciuto il pregio di evitare le difese che i metodi di formazione tradizionali possono a volte suscitare, e di innescare, così, un processo attivo di interpretazione e ristrutturazione della realtà particolarmente utile in ambiti di apprendimento adulto. Giocando con i paradossi si da’ vita ad una conoscenza individuale e collettiva, capace di unire il livello percettivo, le energie fisiche e psico/fisiche con i processi intellettivi e cognitivi. Ci piace pensare che nei nostri laboratori si perpetui il raggiungimento di un sogno, che non resta chiuso in un cassetto ma che si puo’ raggiungere ma è un sogno che divora ma libero.

Leggi anche  Il pallone per me è tutto: da Avellino a Torino per il mio sogno

Il teatro-laboratorio è abbattere le barriere tra te e me, innalzare l’animo al disopra dei formalismi e della quotidianità, ri-vivere in tanti e in uno,accettarsi e accettare lo sguardo dell’altro, condividere.

Così il teatro diventa un’esigenza personale, una follia, una salvezza. Lo si vive come una poetica libertà, un bisogno vitale, un rituale unico ed essenziale.

Dei 20enni ci raccontano in un film l’Italia malata di consumismo

Articolo precedente

Addio Bertolucci. Quell’Ultimo tango che scandalizzò la cattolicissima Italia

Articolo successivo

Commenti

Rispondi