Affitti a breve termine: norme e obblighi

Affitti a breve termine: scopri quali sono le norme e gli obblighi da rispettare per affittare un appartamento per brevi periodi.

3' di lettura

Gli affitti a breve termine sono contratti di locazione dalla durata inferiore ai 18 mesi (entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook).

La categoria prevede dei sottogruppi a seconda del tipo di accordo: li analizzeremo nei prossimi paragrafi.

Ma quali sono le norme e gli obblighi da rispettare quando si affittano appartamenti per brevi periodi? Vediamolo insieme.

Affitti a breve termine: norme generali

Prima di addentrarci nel tema degli oneri amministrativi delle formule di locazione per brevi periodi, vediamo insieme cosa si intende per “affitti a breve termine”.

Gli affitti a breve termine si distinguono in:

  • affitti turistici fino a un massimo di 30 giorni;
  • affitti transitori, da un minimo di 30 giorni a un massimo di 18 mesi.

La prima tipologia non richiede la registrazione dell’accordo presso l’Agenzia delle Entrate e può essere gestita come una scrittura privata.

Diverso, invece, il caso dell’affitto transitorio che va regolarmente registrato e certificato con marca da bollo.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Obblighi per affittare per brevi periodi

Per gli affitti a breve termine, i proprietari degli immobili in oggetto sono chiamati a rispondere ad alcuni specifici obblighi stabiliti dagli organismi regionali.

Non si tratta di regole vigenti, in ogni caso, ma dovrai occuparti personalmente di capire quale sia la documentazione necessaria per iniziare ad affittare per brevi periodi.

Tra i documenti più richiesti per gli affitti turistici e transitori vi sono:

  • la dichiarazione di avvio dell’attività casa vacanza da presentare al Comune;
  • i dati degli ospiti da presentare alla Questura;
  • la dichiarazione del numero di ospiti che hanno soggiornato nell’appartamento in affitto;
  • raccolta e versamento della tassa di soggiorno nelle casse del Comune di riferimento.
Affitti a breve termine

Inoltre, per gli affitti a breve termine, è indispensabile che gli appartamenti in questione rispondano ad alcuni requisiti minimi.

In particolare le abitazioni devono presentare:

  • i prezzi massimi applicati per l’affitto in almeno due lingue straniere e ben visibili per gli ospiti;
  • una polizza di responsabilità civile;
  • una dichiarazione di conformità a regola per l’impianto elettrico e quello del gas.

Dal momento che, quello dell’affitto breve è un settore in atto di diffusione e crescita, è possibile che la regolamentazione subisca modifiche frequenti. 

Inoltre ti ricordiamo che le norme e gli obblighi che ti abbiamo illustrato possono variare da regione a regione.

Il nostro consiglio prima di affittare un appartamento per brevi periodi è di rivolgersi all’ente regionale di riferimento per poter raccogliere e presentare tutta la documentazione necessaria.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi sugli affitti a breve termine non esitare a scriverci su Instagram.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie