Avellino, studenti fuori sede. Quanto costa alla famiglie e le città più care

2' di lettura

Costa sempre di più studiare fuori sede. Una spesa che aumenta vertiginosamente di anno in anno. Sia Immobiliari.it, sia soloaffitti.it, hanno certificato per il quinto anno consecutivo la crescita della spesa. E Milano, meta di un buon numero di ragazzi che partono dall’Irpinia, è stabilmente prima nella classifica dei fitti per studenti. A livello delle città più care d’Europa. Il che significa sacrifici sempre più grandi per le famiglie. O – ancora peggio – rinuncia a studiare in alcune università per ragazzi meritevoli ma che non hanno le necessarie basi economiche.

La fuga verso il nord dei ragazzi irpini

La fuga verso il nord di tanti ragazzi è una delle cause dell’aumento: cresce la richiesta salgono i prezzi. Che porta con sé anche un’altra conseguenza: il calo sempre più marcato del costo delle case per studenti nelle città meridionali. Diminuisce la richiesta e precipita il prezzo. Legge di mercato.

Il punto grave è che non ci sono agevolazioni, né politiche e neppure pubbliche per aiutare gli studenti. I ragazzi e le famiglie sono lasciate in balia di predatori immobiliari.

I governi hanno ormai rinunciato da anni a finanziare il diritto allo studio.

Studiare al Sud

Voi direte? Beh, se non puoi studiare fuori iscriviti all’università più vicina a casa. Vero, chiaro. E per molti quella è la scelta inevitabile. Ma la fuga degli studenti, porta con sé anche un altro problema: gli atenei meridionali sono sempre meno competitivi rispetto a quelli del settentrione. Al punto che tra una facoltà pubblica o privata di Milano e Torino e una di Napoli, Salerno o Bari, le differenze sono ormai notevoli. E si scontano dopo, quando si cerca di accedere al mondo del lavoro.

I prezzi delle case per studenti

Ma vediamoli questi prezzi (le famiglie che già hanno ragazzi fuori li conoscono bene). A Milano una stanza costa in media 573 euro. E l’aumento rispetto allo scorso anno è del cinque per cento. A Roma e Bologna è di 448. Seguono Torino e Pavia con 353. Tanto per dire, a Palermo una stanza costa 136 euro al mese.

Così all’estero

Per chi va all’estero i costi sono più o meno in linea con Milano (a Londra, Parigi e Stoccolma), un po’ meno a Madrid, Lisbona, Berlino ed Edimburgo. Ma in molte di queste città ci sono comunque agevolazioni per gli studenti (anche per i libri), che sono invece sconosciute in Italia.

Servirebbe calmeriare i contratti per agevolare gli studenti, ma anche potenziando le residenze pubbliche o aumentando le residenze universitarie. Anche così si favorisce il diritto allo studio.

Ascensore sociale bloccato

Oggi, inutile girarci intorno, la scala sociale è bloccata anche perché chi può frequenta università che garantiscono un futuro. Chi non può – e già parte svantaggiato – deve accontentarsi di quello che trova. E quello che trova non è spesso adeguato a un mondo del lavoro che si modifica a ritmi vorticosi. Molto più velocemente dei programmi di atenei fossilizzati dalla burocrazia e da una permanente mancanza di risorse.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie