Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Bonus fiscali » Come trovare lavoro » Lavoro / Agevolazioni assunzione disabili: cosa esiste oggi (2024)

Agevolazioni assunzione disabili: cosa esiste oggi (2024)

Agevolazioni per l’assunzione di persone disabili: cosa è previsto nel 2024? Ecco l'elenco delle agevolazioni previste da INPS, INAIL e altri enti.

di Carmine Roca

Giugno 2024

In questo approfondimento vi parleremo delle agevolazioni per l’assunzione di persone disabili: cosa esiste nel 2024? (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Agevolazioni per l’assunzione di persone disabili: la legge 68/1999

Lo Stato viene incontro alle aziende e ai datori di lavoro che sono obbligati ad assumere lavoratori con disabilità, secondo quanto previsto dalla legge numero 68 del 1999 (le cosiddette quote di riserva).

L’articolo 13 della suddetta legge prevede il riconoscimento di un incentivo alle aziende che assumono lavoratori con disabilità (anche senza obbligo), erogato a queste condizioni e con queste caratteristiche:

Il datore di lavoro dovrà presentare all’INPS l’istanza di ammissione agli incentivi (ex art. 13 legge 68/1999), in seguito all’ottenimento del nulla osta all’assunzione dal collocamento mirato.

L’istanza va presentata solo per via telematica, accedendo al cassetto previdenziale delle aziende o, alternativamente, alla piattaforma “DiResCo”.

L’INPS, entro 5 giorni dalla richiesta, fornirà – sempre telematicamente – un riscontro all’istanza sulla spettanza dell’incentivo e sulla disponibilità di risorse.

In caso di esito positivo, entro 7 giorni il datore di lavoro dovrà procedere alla stipula del contratto ed entro 14 giorni dovrà comunicare l’assunzione all’INPS. In caso di mancato rispetto di tali termini il datore di lavoro decadrà dall’incentivo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Agevolazioni per l’assunzione di persone disabili: i contributi INAIL per l’inserimento lavorativo

Anche l’INAIL riconosce contributi ai datori di lavoro sia per l’assunzione di persone con disabilità da lavoro invalidatesi presso altro datore di lavoro, sia per realizzare progetti personalizzati per il reinserimento e l’integrazione nell’attività lavorativa di persone che, a causa di un infortunio o di una malattia professionale, hanno bisogno di interventi mirati per consentire o agevolare la conservazione del loro posto di lavoro presso il medesimo datore di lavoro.

I contributi erogati dall’INAIL sono diretti a tre tipologie di interventi, con un rimborso complessivo massimo pari a 120.000 euro per ciascun progetto, ma è possibile richiedere un anticipo fino al 75% dell’importo. 

I benefici sono previsti:

Non rientra nell’erogazione dei contributi INAIL il lavoro di tipo autonomo previsto, invece, per gli interventi di conservazione del posto di lavoro.

Associazioni dei datori di lavoro e dei lavoratori, patronati, enti bilaterali e associazioni senza fini di lucro hanno potuto inviare le richieste dal 6 al 17 maggio 2024 sul sito dell’Istituto.

Agevolazioni per l’assunzione di persone disabili: cos’è il Fondo regionale per l’occupazione dei disabili?

A seguire, tra le agevolazioni per l’assunzione di persone disabili troviamo il Fondo regionale per l’occupazione dei disabili, che finanzia programmi regionali di inserimento lavorativo, come determinati con Legge Regionale (art. 14).

Il Fondo eroga:

Il contributo può esser richiesto da:

per interventi finalizzati a favorire  l’accesso al lavoro e lo svolgimento della prestazione lavorativa delle persone con disabilità.

Possono essere finanziati interventi per:

Agevolazioni per l’assunzione di persone disabili: le altre agevolazioni

Per valorizzare e incentivare le competenze professionali dei giovani con disabilità, il Decreto Legge 4 maggio 2023, n. 48 (art. 28), convertito con modificazioni in Legge 3 luglio 2023, n. 85, ha previsto un fondo per il riconoscimento di un contributo in favore:

per ogni persona con disabilità, di età inferiore a 35 anni, assunta ai sensi della Legge 12 marzo 1999, n. 68, con contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Agevolazioni per l’assunzione di persone disabili
Agevolazioni per l’assunzione di persone disabili: in foto tre uomini in giacca e cravatta.

Faq su lavoro e disabilità

Cos’è l’accertamento della disabilità per il collocamento mirato?

L’accertamento della disabilità è fondamentale ai fini del rilascio della relazione conclusiva, che consente l’accesso al collocamento mirato.

Il sistema è diverso da quello adottato per il riconoscimento delle condizioni di handicap o di invalidità. L’articolo 1, commi 4, 5 e 6 della legge numero 68 del 1999 distingue i lavoratori con disabilità in tre gruppi:

Chi rientra nelle categorie protette come lavoratore con disabilità?

Hanno diritto al collocamento mirato queste categorie di lavoratori:

Rientrano nelle categorie protette anche:

Quali documenti sono necessari per la partecipazione ai concorsi come categoria protetta?

documenti richiesti possono variare, ma di solito dovrai fornire la documentazione che attesti la tua appartenenza a una categoria protetta.

Potresti quindi dover:

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp