Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno di inclusione » Bonus e Incentivi » Bonus fiscali » Edilizia » Fisco e tasse » Previdenza e Invalidità / Agevolazioni per chi ha la 104 nel 2024

Agevolazioni per chi ha la 104 nel 2024

Agevolazioni per chi usufruisce della Legge 104 nel 2024: ecco l'elenco completo, cosa spetta e quando richiederle.

di Carmine Roca

Aprile 2024

In questo approfondimento andremo a elencare le agevolazioni per chi usufruisce della Legge 104 nel 2024 (scopri le ultime notizie su Invalidità e Legge 104, categorie protette, diritto del lavoro, sussidi, offerte di lavoro e concorsi attivi. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Agevolazioni per chi usufruisce della Legge 104 nel 2024: elenco completo

Quest’anno sono state introdotte alcune agevolazioni e confermate diverse misure legate alla Legge 104.

Ecco l’elenco completo:

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno di Inclusione 2024 con risposte a oltre 100 domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

L’Assegno di inclusione: cos’è e a chi spetta?

L’Assegno di inclusione è la vera novità per il 2024. La misura di sostegno al reddito ha preso il posto del Reddito di cittadinanza e, in buona parte, gli somiglia.

La prestazione spetta ai nuclei familiari fragili, in difficoltà economica, tra cui quelli con almeno una persona con disabilità.

L’importo dell’Assegno di inclusione varia a seconda dell’ISEE dichiarato, con un tetto massimo fissato a 6.000 euro, mentre per le famiglie con all’interno persone con disabilità gravi o non autosufficienti, il limite ISEE da rispettare arriva a 7.560 euro annui.

Oltre all’assegno base spetta pure un contributo per l’affitto fino a 3.360 euro annui, con un incremento fino a 1.800 euro annui per determinate situazioni.

Fondo unico per l’inclusione delle persone con disabilità: cos’è e a chi spetta?

Con la Legge di bilancio 2024 è stato introdotto il “Fondo unico per l’inclusione delle persone con disabilità”, che riunisce tutte le risorse allocate in fondi diversi.

L’agevolazione per i titolari della 104 ha l’obiettivo di semplificare la gestione delle risorse e il finanziamento dei progetti per le persone con disabilità.

Assegno Unico Universale: cos’è e a chi spetta?

Per il 2024 sono state confermate le maggiorazioni previste con l’Assegno Unico Universale indirizzate anche ai nuclei familiari con persone con la 104.

Gli importi sono stati ricalcolati e adeguati alla variazione dell’indice del costo della vita: la rivalutazione per il 2024 è del 5,4%.

Gli aumenti sono i seguenti:

Indennità di accompagnamento: cos’è e a chi spetta?

Le persone con disabilità grave potranno richiedere e ottenere l’indennità di accompagnamento, riservata a quei soggetti che sono impossibilitati a deambulare o a svolgere azioni di vita quotidiana senza l’aiuto permanente di qualcuno.

L’importo dell’indennità è stato aumentato a inizio anno e portato a 527,16 euro al mese. Ricordiamo che non ci sono limiti anagrafici o reddituali da rispettare per poterla richiedere e non sono previste tredicesima e quattordicesima mensilità.

L’erogazione dell’accompagnamento però può essere sospeso nel caso in cui il beneficiario venga ricoverato con retta a carico dello Stato per più di 29 giorni di fila.

Detrazioni spese mediche: a chi spetta?

Anche per il 2024 chi ha carico una persona con disabilità grave potrà detrarre le spese mediche (al 19%) senza rispettare la soglia massima di 129,11 euro che viene applicata a tutti gli altri contribuenti.

Le spese mediche includono, tra le altre, quelle sostenute per acquistare protesi per la mobilità.

Tutte le spese mediche sostenute dalle persone con disabilità (tra cui i costi per l’acquisti dei farmaci o per le visite mediche di base) sono detraibili dal reddito complessivo.

Bonus barriere architettoniche: cos’è e a chi spetta?

Il Bonus barriere architettoniche ha subito delle modifiche per il 2024. A differenza dell’anno scorso, non sarà più possibile coprire con il Bonus questi lavori:

Il Bonus barriere architettoniche nel 2024 continuerà a essere applicato sugli interventi che consentono il miglioramento dell’accessibilità delle persone con disabilità grave in edifici già esistenti, attraverso la costruzione di rampe, l’installazione di ascensori, piattaforme elevatrici e servoscala o la modifica di scale.

Agevolazioni lavorative: a chi spettano?

Per quanto riguarda il tema lavoro, è entrata in vigore un’agevolazione per le assunzioni di persone con disabilità.

Si tratta di un contributo destinato agli enti e alle organizzazioni del terzo settore che assumono lavoratori con disabilità sotto ai 35 anni di età, a tempo indeterminato.

Nel 2024 si potrà continuare a fruire di permessi retribuiti (3 giorni al mese frazionabili in ore al giorno) e di congedi straordinari (fino a 2 anni di assenza retribuita in tutta la vita lavorativa).

I permessi possono essere richiesti sia dal lavoratore con disabilità grave che dal caregiver che lo assiste. Invece il congedo straordinario è un diritto del solo caregiver.

Agevolazioni fiscali: a chi spettano?

Con la Legge 104 sarà ancora possibile usufruire di agevolazioni fiscali per l’acquisto di veicoli, quali la detrazione IRPEF del 19% sul costo sostenuto per l’acquisto (fino a un massimo di 18.075,99 euro) e l’IVA ridotta al 4% (anziché al 22%) per l’acquisto di autovetture nuove o usate con cilindrata fino a 2.000 cc.

Sempre con la Legge 104 è prevista l’esenzione dal pagamento del bollo auto e del passaggio di proprietà per i veicoli che soddisfano i requisiti per beneficiare dell’IVA agevolata.

Sostegno per lo sport: a chi spetta?

Un altro milione di euro sarà destinato, nel 2024, al “Fondo unico per il potenziamento dello sport italiano“, l’insieme di misure volte a incentivare l’accesso allo sport per le persone con disabilità, facilitando l’uso di ausili sportivi.

Borse di studio e università: a chi spettano?

Nel 2024 i fondi ottenuti con le borse di studio saranno esentati dal computo del reddito per l’accesso a determinati benefici. Pertanto, l’importo delle borse di studio non verrà conteggiato nel calcolo dei limiti di reddito richiesti per ottenere altre prestazioni dedicate a tali soggetti.

Esenzione pagamento Canone RAI: per chi?

L’esenzione dal pagamento del Canone RAI è indirizzata ai disabili gravi. Ne abbiamo parlato in questo approfondimento.

Agevolazioni per chi usufruisce della Legge 104 nel 2024
Agevolazioni per chi usufruisce della Legge 104 nel 2024: in foto un block note aperto.

Faq sulla Legge 104

Che cosa fare se il verbale della Legge 104 arriva in ritardo?

È possibile usufruire dei benefici della Legge 104 anche se il verbale arriva in ritardo. In particolare, si può accedere a una certificazione provvisoria 104 che consente di ottenere agevolazioni lavorative temporanee.

Dopo quanto tempo arriva il verbale della Legge 104?

Il tempo previsto per il rilascio del verbale della Legge 104 è di 45 giorni dall’inoltro della domanda. In caso di patologie oncologiche, il tempo si riduce a 15 giorni.

Cosa succede se l’INPS non chiama a visita di controllo?

Se l’INPS non chiama a visita di controllo, la Legge 104 rimane valida fino a quando non viene rilasciato il nuovo verbale. Spetta all’INPS il compito di chiamare a revisione il cittadino.

Cosa succede se la Commissione medica rigetta la domanda di Legge 104?

Se la Commissione medica rigetta la domanda, l’interessato deve interrompere l’uso di tutti i benefici della Legge 104 e restituire all’INPS le somme relative ai permessi e ai congedi non dovuti se ha utilizzato la certificazione provvisoria e non aveva mai fruito in precedenza dei benefici sul lavoro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp