Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Mutui e Prestiti / Agevolazioni prima casa, benefici fino a ottobre

Agevolazioni prima casa, benefici fino a ottobre

Agevolazioni prima casa, benefici fino a ottobre: è stata prorogata la sospensione dei termini.

di The Wam

Febbraio 2023

Agevolazioni prima casa, la sospensione dei termini per accedere ai benefici è stata prorogata fino al 30 ottobre. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Il provvedimento è stato inserito nel decreto Milleproroghe che, dopo il passaggio alla Camera, sarà definitivamente approvato nelle prossime ore. La questione riguarda in particolare chi ha operato le transazioni prima o durante il covid e che proprio per l’emergenza sanitaria non è riuscito a rispettare le condizioni imposte per avere diritto all’agevolazione fiscale.

Potresti essere interessato a un post che spiega come vendere una casa popolare: prezzi e regole; c’è un articolo che riguarda il bonus casa 2023: agevolazioni, spese e tasse.

Agevolazioni prima casa,  di cosa si tratta

Le agevolazioni prima casa si applicano al momento dell’acquisto di una abitazione. Riguardano in particolare:

Scopri la pagina dedicata ai prestiti e ai mutui più convenienti.

Le agevolazioni si applicano per l’acquisto di questi immobili:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.                 

Agevolazioni prima casa, a chi serve la proroga

Durante gli anni le maglie della normativa si sono allargate. Se prima il beneficio fiscale era indirizzato solo a chi non aveva altri immobili, è stato poi reso accessibile anche per chi era già in possesso di un altro appartamento. Ma solo a una condizione: avrebbe avuto un anno di tempo per rivenderlo.

Tra i requisiti iniziali c’era anche questo: l’immobile acquistato doveva trovarsi nello stesso Comune dove il compratore ha fissato la residenza. Poi sono stati concessi 18 mesi dall’acquisto per perfezionare questa condizione. La dichiarazione di voler effettuare il cambio di residenza doveva essere contenuta nell’atto di acquisto (pena la decadenza).

E infine, altre due condizioni:

se si vende e si acquista entro un anno, si conserva quello che è già stato pagato sotto forma di credito di imposta;

e c’è un anno di tempo anche quando per acquistare un altro immobile se n’è venduto un altro e non si vuole perdere l’agevolazione fiscale.

Durante il covid si è creata una ovvia difficoltà per acquirenti e compratori nel rispettare questi termini. Infatti per quasi un anno è stato quasi impossibile concludere delle transazioni.

Una difficoltà che ha imposto al governo di decidere una prima sospensione dei termini, proprio durante i mesi caldi della pandemia.

La sospensione è stata poi prorogata al 31 marzo del 2022. Con l’ultimo decreto Milleproroghe i tempi sono stati ulteriormente congelati fino al 30 ottobre 2023.

Questo significa che dopo questo periodo di sospensione, chi ha acquistato una “prima casa” potrà utilizzare i mesi che non sono stati consumati per perfezionare i requisiti che consentono di avere diritto alle agevolazioni.

Un esempio per maggiore chiarezza: chi ha acquistato la prima casa nell’ottobre del 2019, ha “consumato” cinque mesi prima della sospensione per covid. Per raggiungere l’anno entro il quale dovrà, ad esempio, vendere l’altro mimmobile, ne avrà a disposizione altri sette a partire dal primo novembre. Quindi potrà arrivare a maggio 2024.

Agevolazioni prima casa, se si è mossa l’Agenzia delle Entrate

C’è una questione da valutare e riguarda l’Agenzia delle Entrate. L’ente della riscossione potrebbe aver già avviato il recupero delle somme che corrispondono ai benefici che non sarebbero più spettati.

In questo caso se le persone interessate hanno già versato la somma richiesta, non potranno ottenere il rimborso.

Se invece l’Agenzia delle Entrate non ha inviato atti, i contribuenti potranno stare tranquilli e perfezionare le condizioni richieste.

Agevolazioni prima casa, anche per gli under 36

Sempre sul tema prima casa nel decreto Milleproroghe c’è anche un’altra importante proroga: il rinnovo del fondo di garanzia per i giovani under 36

Il beneficio che era in scadenza il 31 marzo è stato esteso fino al 30 giugno.

Si tratta di un’agevolazione importante e che ha avuto un enorme successo nei mesi scorsi contribuendo in modo sostanziale alla ripresa del mercato immobiliare nazionale.

Cosa prevede questa misura? Vediamo:

Nell’immagine l’interno di una abitazione

Agevolazioni prima casa, anche per gli under 36 (requisiti)

I requisiti sono rimasti gli stessi:

Negli ultimi mesi le banche hanno avuto maggiori difficoltà a concedere questi mutui per l’aumento dei tassi di interesse. La situazione dovrebbe essere cambiata, almeno si spera, anche perché la spinta inflattiva sembra aver rallentato e ci dovrebbe essere una volatilità minore, da qui alla fine dell’anno, rispetto a tassi. Anche se non si può escludere qualche ulteriore aumento imposto dalla Bce nel tentativo di riportare l’inflazione a livelli normali, intorno al 2 per cento (oggi è poco al di sotto del 10 per cento).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su mutui, prestiti e risparmio personale:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp