Inchiesta Aias-Noi con Loro: rinviata a giudizio moglie di De Mita

Inchiesta Aias-Noi con Loro: rinviata a giudizio moglie di De Mita
2' di lettura

Il giudice per le udienze preliminari di Avellino, Marcello Rotondi, ha rinviato a giudizio dieci persone  finite nell’inchiesta sulle onlus irpine “Aias” e “Noi con Loro, specializzate nell’assistenza dei disabili. Dovranno perciò comparire in aula, il prossimo 9 ottobre dinanzi al collegio presieduto dal giudice Roberto Melone, Anna Maria Scarinzi, moglie dell’ex premier Ciriaco De Mita, le due figlie, Simona e Floriana, l’ex amministratore comunale di Avellino ed presidente Aias, Gerardo Bilotta (78 anni), il 37enne, Luca Catallo, il 56enne, Antonio Nigrelli, Carmine (34 anni), Massimo (62 anni), Annamaria (56 anni) e Marco Preziuso (31 anni).

I reati contestati a vario titolo sono di peculatoriciclaggiomalversazione ai danni dello Statotruffa aggravata.

Le ipotesi della Procura

I magistrati avellinesi, Rosario Cantelmo e Vincenzo D’Onofrio, hanno teorizzato l’esistenza di un sistema per distrarre fondi pubblici, destinati all’attività sanitaria, grazie alla collaborazione di aziende che si occupavano di settori differenti, da quello informatico all’edilizia. Nel mirino dei magistrati è finito un finanziamento da 190mila destinato alla digitalizzazione e alla messa in rete di biblioteche di “Noi con Loro”. Soldi che per la Procura sono stati ottenuti “mediante artifici e raggiri, che avrebbero indotto in errore la Regione Campania”, con l’inclusione di fatture inesistenti. Nel progetto in questione la moglie e le due figlie De Mita – secondo la ricostruzione dei Pm –  avrebbero ottenuto compensi di qualche migliaio di euro per consulenze ritenute fittizie perché le signore erano prive delle competenze necessarie. 

La Finanza ha scandagliato i movimenti in entrata e in uscita delle società riconducibili ai Preziuso ed ha scoperto – citando le parole dei magistrati – che “l’ammontare dei loro acquisti risulta di trascurabile entità rispetto alle vendite effettuate nei confronti di Aias Avellino Onlus”. Per i Pm Cantelmo e D’Onofrio, insomma, si tratta di fatture gonfiate.

Accuse sempre respinte dagli imputati. Ora dovranno dimostrarlo in aula quando saranno assistiti dagli avvocati Ferdinando Taccone, Giovanni Iacobelli, Generoso Pagliarulo, Quirino Iorio, Nello Pizza, Guglielmo Scarlato, Giovanni Antonio Cillo, Giovanni Caso, Gianluca Spera, Francesca Cavaliere, Matteo Melandri ed Emilio Capoano. L’Aias si è costituita parte civile con l’avvocato Raffaele Bizzarro, l’Asl con il legale Olindo Paolo Preziosi.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie