Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Aiuti economici per cittadini stranieri: l’elenco (2023)

Aiuti economici per cittadini stranieri: l’elenco (2023)

La lista degli aiuti economici per cittadini stranieri nel 2023.

di Alda Moleti

Febbraio 2023

Ecco tutti gli aiuti economici per cittadini stranieri nel 2023! (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Aiuti economici per cittadini stranieri: elenco

Ecco in dettaglio tutti i bonus e le agevolazioni di cui possono beneficiare anche gli stranieri residenti in Italia.

Leggi la nostra guida a tutti i bonus per famiglie che hanno un ISEE basso.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Aiuti economici per cittadini stranieri: Bonus bollette

I bonus sociali Arera, anche detti bonus bollette, poiché rappresentano un contributo sotto forma di uno sconto sui costi delle utenze di luce, gas e acqua, non hanno vincoli legati alla cittadinanza e sono aperti ai cittadini stranieri.

L’importante è che all’interno del nucleo familiare vi sia l’intestatario delle utenze e che il reddito ISEE familiare non superi i 20.000 euro all’anno (per il bonus sociale luce e gas) o i 9.530 euro all’anno (per il bonus sociale acqua).

Si deve presentare la DSU 2023 per il calcolo dell’ISEE in corso di validità e lo sconto viene applicato in automatico. Qui il link alla pagina di Arera sul bonus sociale.

Aiuti economici per cittadini stranieri: Naspi e DIS-COLL

Naspi e DIS-COLL sono indennità che vengono assegnate ai disoccupati e perciò non hanno particolari requisiti legati alla cittadinanza per essere erogati, ma è importante aver avuto un regolare contratto di lavoro.

Nello specifico la Naspi è l’indennità che possono richiedere i lavoratori con un contratto di lavoro subordinato licenziati involontariamente, se hanno:

Tuttavia, alla Naspi non hanno diritto lavoratori extracomunitari con permesso di lavoro stagionale. Visita pagina del sito INPS dedicata alla Naspi per leggere tutte le informazioni utili.

DIS-COLL: come funziona

La DIS-COLL è invece l’indennità che possono richiedere gli iscritti alla Gestione separata INPS, compresi assegnisti e dottorandi di ricerca.

I requisiti per la DIS-COLL non includono vincoli legati alla cittadinanza, tuttavia è necessario essere iscritti in via esclusiva alla Gestione Separata INPS. Maggiori informazioni sono reperibili su questa pagina del sito dell’INPS.

Entrambe le indennità vanno richieste inviando domanda telematica all’Istituto di previdenza, dopo aver effettuato l’accesso al portale MY INPS con SPID, CIE o CNS.

Aiuti economici per cittadini stranieri: Cassa integrazione

La Cassa integrazione è un’integrazione salariale che l’INPS eroga ai lavoratori subordinati, in accordo con il datore di lavoro, che hanno subito una riduzione o una sospensione dell’attività lavorativa.

La Cassa integrazione è erogata dall’INPS e rappresenta l’80% dell’importo relativo alle ore in cui la persona non ha lavorato.

Quando un’azienda decide di mettere in Cassa integrazione i propri dipendenti non c’è differenza di trattamento per cittadini italiani e stranieri.

La Cassa integrazione spetta, quindi, a chiunque sia in possesso di un regolare contratto di lavoro.

Aiuti economici per cittadini stranieri: Assegno Unico

L’Assegno Unico è il contributo che l’INPS riconosce a tutte le famiglie con figli a carico che non abbiano ancora 21 anni. Non ci sono requisiti ISEE, ma l’importo decresce al salire del reddito ISEE familiare.

In base alla normativa ne hanno diritto tutti i nuclei dove il richiedente sia in possesso dei “requisiti di cittadinanza e soggiorno”. In dettaglio possono richiederlo i cittadini Italiani o di un Paese dell’Unione Europea, residenti in Italia.

I cittadini dei Paesi extra-UE che risiedono in Italia devono essere in possesso di uno di questi documenti:

Tutte le informazioni sull’Assegno Unico sono nella nostra guida aggiornata. Visita anche la pagina dell’INPS dedicata all’Assegno universale.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=urkY9ytjupM&w=560&h=315]

Aiuti economici per cittadini stranieri: Bonus edilizi

I Bonus edilizi (per esempio Superbonus, Bonus Casa, Bonus Verde) sono tutti quei contributi che servono ad ottenere un finanziamento per le ristrutturazioni di un immobile.

A cui si aggiunge il Bonus mobili che invece copre parte delle spese di acquisto di mobili ed elettrodomestici se l’abitazione è stata da poco ristrutturata.

Leggi la nostra guida sui bonus edilizi 2023 per scoprire come richiederli. Qui ci concentreremo sui requisiti legati a residenza e cittadinanza.

Come specifica l’Agenzia delle Entrate possono richiedere le agevolazioni per la ristrutturazione edilizia i contribuenti soggetti all’Irpef, residenti o meno nel territorio dello Stato, purché sostengono le spese di ristrutturazione dell’immobile.

Nello specifico il beneficiario può essere il proprietario, gli inquilini, il familiare convivente con il possessore o il detentore dell’immobile, il convivente more uxorio (per le spese sostenute a partire dal 1° gennaio 2016).

Anche nel caso del Superbonus la normativa specifica che a richiederlo può essere chi “detiene” l’immobile, anche con un contratto di locazione purché questo sia regolarmente registrato.

In ogni caso, si può consultare la normativa completa di ogni bonus sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Aiuti economici per cittadini stranieri: Bonus cultura

Il Bonus cultura è un contributo di 500 euro che il governo eroga a chi compie 18 anni, sotto forma di buoni per l’acquisto di materiale digitale, biglietti di musei, cinema, spettacoli, ecc.

Il Bonus cultura 2023, per cui le domande sono aperte fino al 31 ottobre, assegna nello specifico 500 euro ai nati nel 2004.

Il bonus si rinnova ogni anno ma possono ottenerlo solo i diciottenni che risiedono stabilmente in Italia e che, quando richiesto, siano in possesso di un regolare permesso di soggiorno.

Il bonus va richiesto con l’App IO dopo essersi autenticati con SPID o CIE, qui il link alla pagina ufficiale.

Aiuti-economici-per-cittadini-stranieri-bonus-cultura
In foto il sito ufficiale del Bonus cultura.

Aiuti economici per cittadini stranieri: Carta acquisti

La Carta acquisti è una carta ricaricabile su cui ogni due mesi vengono versati 80 euro ai beneficiari. L’importo può essere speso solo per fare la spesa nei supermercati e pagare le bollette della luce agli uffici postali.

Ne hanno diritto le persone, regolarmente iscritte nell’Anagrafe della Popolazione Residente (Anagrafe comunale), che hanno compiuto 65 anni o che hanno meno di 3 anni e che:

Per avere la carta sono necessari anche dei requisiti di reddito, poiché è un contributo per i nuclei in stato di bisogno. Potete controllare i requisiti necessari e trovare le istruzioni per presentare la domanda in questo articolo sui moduli per la social card. Qui, invece, il pagina ufficiale della Carta acquisti.

Aiuti economici per cittadini stranieri: Rdc e Pdc

Il Reddito di cittadinanza e la Pensione di cittadinanza non sono preclusi agli stranieri, ma hanno requisiti di residenza molto stretti. Possono infatti richiederlo solo quanti sono residenti in Italia da almeno 10 anni di cui gli ultimi 2 in modo continuativo.

Per il resto possono diventare titolari di Rdc:

Per la normativa in dettaglio e gli altri requisiti potete verificare il sito ufficiale dell’Rdc o la nostra guida al Reddito di cittadinanza 2023.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul Reddito di cittadinanza:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp