Gli aiuti per pagare la badante se i soldi non bastano

Quali sono gli aiuti per pagare la badante se i soldi non bastano? Scoprili in questo articolo insieme alle detrazioni fiscali a cui puoi accedere.

5' di lettura

Aiuti per pagare la badante. Se i soldi non bastano come puoi fare? Vediamo in questo articolo quali sono le agevolazioni ancora attive in Italia (leggi su Telegram tutte le news sul lavoro domestico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Nei prossimi paragrafi approfondiremo nel dettaglio anche a chi sono riservati i sussidi e come accedervi. Parleremo poi delle varie detrazioni fiscali di cui puoi usufruire.

INDICE:

Aiuti per pagare la badante: l’indennità di accompagnamento

Come pagare la badante se la pensione non basta?

Una delle soluzioni più usate è l’indennità di accompagnamento.

Si tratta di un assegno economico extra a quello previdenziale che spetta però solo se si verificano le seguenti condizioni:

  • invalidità civile del 100 per cento riconosciuta dall’Inps;
  • impossibilità di camminare senza l’aiuto di un accompagnatore o di compiere gli atti quotidiani della vita con conseguente necessità di assistenza;
  • cittadinanza italiana o europea o di un Paese extraeuropeo (in questo caso è necessaria la presenza di un regolare permesso di soggiorno);
  • residenza in Italia;
  • non essere ricoverati presso strutture sanitarie pubbliche.

L’importo dell’indennità varia di anno in anno. Per il 2022 è pari a 525,17 euro al mese, per dodici mesi. È giusto ricordare che questi assegni sono esenti da tassazione Irpef e quindi non devono essere inseriti nel modello 730 o nella dichiarazione dei redditi.

Scopri la pagina dedicata al mondo delle badanti per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Per beneficiare di questa agevolazione è necessario fare domanda all’Inps o tramite la piattaforma web oppure con l’aiuto di un patronato o di un’associazione di categoria.

RDC AGOSTO IN ANTICIPO E STIPENDI PIÙ ALTI DA SUBITO?

Aggiungiti al gruppo Telegram sul lavoro domestico ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Aiuti per pagare la badante: Home Care Premium

Un altro progetto interessante che consente di ottenere contributi economici per pagare la badante si chiama Home Care Premium: gestito dall’Inps, è dedicato a dipendenti e pensionati pubblici con una disabilità riconosciuta.

In particolare il sussidio consente di accedere a:

  • un contributo economico come rimborso spesa per l’assistenza domiciliare certificata con l’assunzione di un lavoratore con contratto di lavoro domestico;
  • servizi di assistenza alla persona erogati dagli ambiti territoriali o da enti convenzionati con l’Inps, dopo l’avvenuta accettazione del piano socio-assistenziale.

Per beneficiare di questi servizi, che dipendono in parte dalla gravità della disabilità riconosciuta e in parte dal valore dell’Isee in corso di validità presentato, puoi:

  • usare il servizio online dedicato dal nome “Domande welfare in un click” accedendo con una delle identità digitali riconosciute (Spid, Cie o Cns);
  • chiamare il contact center Inps ai numeri 803 164 (gratuito da rete fissa) oppure 06 164 164 (a pagamento da rete mobile);
  • chiedere aiuto ai patronati.

Puoi consultare l’elenco delle prestazioni e degli ambiti convenzionati con questo progetto nel 2022 scaricando il file successivo cliccando il pulsante “Download” (la lista è aggiornata all’ultima pubblicazione Inps risalente al 5 luglio 2022).

Aiuti per pagare la badante: rimborso Cassacolf

Cassacolf, che segue e gestisce l’assunzione e la regolamentazione dei contratti dei lavoratori domestici, dal 2019 emette dei rimborsi per i datori di lavoro che hanno versato i contributi contrattuali per quattro trimestri consecutivi.

L’aiuto per pagare la badante può arrivare fino a 300 euro al mese per tutto l’anno ed è necessario rispettare dei requisiti anagrafici e sanitari (specifiche patologie certificate o invalidità riconosciuta).

Tutte le informazioni le puoi trovare sul sito ufficiale di Cassacolf.

Aiuti per pagare la badante: quali sono e come beneficiarne
Aiuti per pagare la badante: quali sono e come beneficiarne

Aiuti per pagare la badante: le detrazioni fiscali

Come pagare la badante se la pensione non basta? Esistono le detrazioni fiscali. Questo è un metodo molto utile che, se sfruttato bene, consente di vederti restituite importanti cifre di denaro dallo Stato. In particolare sono riconosciute le detrazioni fiscali per:

Per sapere di più nel dettaglio sulle varie detrazioni fiscali, a quanto ammontano e a chi sono riservate, contatta un commercialista o uno specialista del settore. Al momento della dichiarazione dei redditi dovrai comunicare tutte le spese affrontate nell’anno precedente e la detrazione ti sarà applicata in automatico.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul lavoro domestico:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie