Alice in Borderland, serie tv vs manga: la recensione

Alice in Borderland: la serie tv Netflix tratta dall’omonimo manga di sopravvivenza firmato da Haro Aso  incuriosisce gli utenti della piattaforma streaming e gli appassionati di manga. Ma è davvero all’altezza?

alice in borderland recensione
Gli appassionati di manga aspettavano da tempo un adattamento di Alice in Borderland, ma siamo sicuri che ne sia valsa la pena?
3' di lettura

Alice in Borderland ha tutti gli ingredienti per una serie tv survival di successo: una manciata di adolescenti alle prese con una vita complicata, competizioni al massacro, società che sfidano i più infimi istinti umani. Il live action è stato firmato da Shunsuke Sato, veterano nell’adattamento di famosi manga giapponesi. Ma questa trasposizione è davvero soddisfacente?

(A questo link tutte le notizie sul mondo della televisione e del cinema e qui il gruppo facebook con tutte le news)

Indice:


Alice in Borderland: la trama

La storia di Alice in Borderland racconta le avventure di Arisu (l’Alice del titolo) e dei suoi amici che, a passeggio per le trade del quartiere “all’occidentale” di Tokyo, Shibuya, vengono teletrasportati in una dimensione parallela.

I tre protagonisti si ritrovano all’improvviso in una Tokyo deserta, identica a quella che conoscono e vivono ogni giorno, ma priva di tutti i suoi abitanti e i suoi turisti. Nel corso della loro esplorazione, i ragazzi ricevono delle indicazioni che li guideranno all’ingresso di un palazzo. Qui saranno costretti a partecipare a una sorta di survival game la cui posta in gioco è la loro stessa vita. Nell’”arena” incontreranno una loro coetanea, Usagi: il suo nome può essere tradotto con la parola “coniglio”, un altro chiaro riferimento all’opera di Lewis Carrol.

Com’è la serie tv

La serie tv di Alice in Borderland è perfetta se siete alla ricerca di qualcosa a tema distopico: è ricca di azione, di scelte complesse che tengono i personaggi sul filo tra vita e morte e tanto sadismo che tiene incollati allo schermo. 

Tuttavia non si può certo dire che sia un’opera rivoluzionaria. Se il manga di Haro Aso, da cui è tratta la serie tv, trascinava sin dalle prime pagine in un mondo destabilizzante e crudele, conducendoci un passo alla volta verso la soluzione di un enigma ben congeniato, gli episodi live action non riescono altrettanto bene nell’intento.

Il ritmo dell’azione è serrato, ma si scontra severamente con gli avanzamenti di trama, che invece arrivano allo spettatore con il contagocce. Si crea così una discrepanza tra le velocissime scene di tensione e la trama orizzontale che a tratti lascia annoiati. Purtroppo, Alice in Wonderland soffre di lunghi frangenti “riempitivi” che finiscono per farci distrarre irrimediabilmente dalla questione che dovrebbe essere al centro della storia.

La Tokyo di Alice in Borderland

Alice in Borderland è una serie tv che si lascia guardare a patto che non ci si aspetti nessuna grossa variazione sul tema del teen drama dai toni thriller. I cliché sono inclusi nella visione.

In definitiva, si tratta di un prodotto che ricerca un punto di incontro di diversi generi televisivi: dal drammatico, al survival, passando per il fantascientifico distopico. Forse un po’ troppo per un progetto del genere. Il risultato purtroppo è una serie tv che manca di un’identità forte e stabile. L’idea alla base di Alice in Borderland era quella di regalarci una storia di sopravvivenza ambientata in uno scenario da brivido. In realtà, la Tokyo della serie tv risulta uno scenario un po’ grottesco che fa meno paura delle immagini delle città desolate durante la pandemia.

Ti può interessare anche:

Star Wars: tutte le novità in arrivo su Disney plus

Alien: serie tv per Fx sul capolavoro sci-fi

Docufilm sui miti della musica: i 5 più belli su Amazon

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie