Bomba al tribunale: annunciata per il giorno della sentenza per omicidio

2' di lettura

Una coincidenza che non è sfuggita agli investigatori. Il messaggio che annunciava lesplosione di una bomba nel tribunale di Avellino, indicava una data precisa: il 25 settembre. Quel giorno è in programma un’udienza delicatissima, per omicidio. Di più: il giudice, Luigi Buono, dovrebbe leggere una sentenza che può costare l’ergastolo a uno degli imputati. Accusati del concorso nell’omicidio di Michele Tornatore.

Avellino, esplosione bomba annunciata per il giorno della sentenza per omicidio

La vittima è un 63enne di Montoro ritrovato carbonizzato in un’auto parcheggiata in una discarica del comune irpino di Contrada, nell’aprile del 2017, dopo che qualcuno gli aveva sparato due colpi di pistola in testa e uno al torace.

Un’inchiesta che ha anche fatto scattare una seconda indagine in cui sono coinvolte tre persone. Collegamenti che si intersecano, per gli investigatori della Dda, con la malavita attiva nell’hinterland di Avellino. Insomma, di dettagli inquietanti ce n’è più di uno, per spingere a teorizzare un legame con l’allarme bomba di questa mattina. E così è nata l’ipotesi investigativa. Anche se per ora, è bene chiarirlo, si tratta solo di un’ipotesi. I controlli in tribunale hanno dato esito negativo. Dell’esplosivo, nessuna traccia. Insomma non è escluso che si tratti del gesto di un mitomane.

Avellino, allarme bomba: biglietto annuncia esplosione in tribunale

Il messaggio dattiloscritto – che annunciava l’esplosione – era in una busta sigillata con una spillatrice, trovata ieri sera, 20 settembre 2019, all’interno dei bagni del bar Saint-Tropez. Locale frequentatissimo dagli addetti ai lavori del tribunale e non solo. Non deve stupire quindi che di venerdì sera, giorno in cui si registra una grande affluenza nel locale, i proprietari non abbiano notato nessuno di sospetto. Potrebbe essere stato chiunque dei clienti a recarsi in bagno per depositare la busta. Sull’intestazione c’era scritto proprio: “Tribunale di Avellino”.

Il titolare del bar, Ciro Covi, quando ha letto il contenuto della busta ha subito telefonato alla Polizia. La notizia è presto filtrata e, così, da ieri sera sono numerosi i messaggi che rimbalzano da un telefono all’altro e hanno finito per fare da cassa di risonanza alla vicenda.
Questa mattina l’unità cinofila, di supporto alla Polizia e al personale specializzato, ha ispezionato tutti i locali del tribunale, garage compresi. Per fortuna della bomba nessuna traccia.

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie