Vignola e Altobelli: Conte non avrebbe detto quelle cose al presidente Sibilia

Le parole di due grandi ex campioni, Altobelli e Vignola, che attaccano Conte affermando che con Sibilia non avrebbe mai detto quelle cose.



2' di lettura

Un caso che sta facendo parlare molto in queste ore, è quello innescato dalle parole di Antonio Conte contro la dirigenza e il presidente dell’Inter. Intervenuti a TMW Radio, alla trasmissione Maracanà, Spillo Altobelli e l’ex Avellino, Beniamino Vignola, hanno parlato del caso Conte, affermando come il calcio sia cambiato e il tecnico dell’Inter, 40 anni fa, non avrebbe neanche sognato di dire quelle cose ad un presidente, uno a caso, Sibilia dell’Avellino.

Queste le parole di Spillo Altobelli: “Conte? Ha fatto una discreta stagione, è arrivato secondo, è il secondo miglior attacco, è la miglior difesa, insomma, qualcosa di buono lo ha fatto. Ma non so perché attaccare la società dopo una stagione del genere e nel caso, se vuoi lamentarti, non farlo sui giornali o in conferenza stampa, ma dal presidente, in sede, in privato”.

Parole poi su Sibilia: “Il calcio è cambiato. Si è dato troppo potere agli allenatori, ma anche agli stessi calciatori. Abbiamo qui Vignola, vorrei vedere se Conte si sarebbe solo sognato di dire quelle cose ad un presidente come Sibilia dell’Avellino. Vero Beniamino? A te come andò con il fatto dello schiaffo?”.

Vignola: Con Sibilia se sbagliavi a parlare erano guai

Beniamino Vignola concorda con Altobelli sul fatto di Sibilia e rincara la dose: “Concordo su tutto con Spillo. Sono cambiati i tempi, il potere dei tecnici e dei procuratori, e dei giocatori è troppo forte. L’esempio di Sibilia è perfetto, Conte non avrebbe detto mezza parola, anzi, lo avesse fatto, il giorno dopo sarebbero stati guai per lui, perchè c’era chi ti faceva capire a modo suo l’errore”.

“Io – continua – ricordo l’episodio dello schiaffo. Volevo il premio salvezza dopo la stagione 1980-81, con terremoto e penalizzazione annesse. Andai nell’ufficio del presidente e mi prese a schiaffi. Magari ci fossero stati i procuratori già allora, almeno mandavo lui davanti e schiaffeggiava lui e non me. Al di là di tutto, io credo che così facendo, stia passando una società debole all’Inter. Io penso che Conte alla Juventus, sia quella con la dirigenza attuale che con i dirigenti di quarant’anni fa, non avrebbe detto una parola. Si, si lamentò alcuni anni fa anche con Agnelli, ma non i questi toni. La società Inter da questa storia ne esce con le ossa rotte”.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Entra in WhatsApp e ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Bandi, Bonus e Lavoro

  2. News dall'Italia e dal mondo

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie