Come andare in pensione senza contributi: le alternative

Come andare in pensione senza contributi? In questo approfondimento vi spieghiamo quali sono le possibilità a disposizione.

7' di lettura

Scopri come andare in pensione senza contributi: le possibilità per chi non ha accesso ai trattamenti pensionistici cosiddetti “ordinari” (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Non hai mai versato contributi previdenziali e vuoi sapere se puoi ottenere una pensione senza contributi? In questo approfondimento ti spieghiamo quali sono le alternative a tua disposizione e quali requisiti devi possedere per averne accesso.

INDICE:

Pensione senza contributi: è possibile?

In un nostro precedente approfondimento ti abbiamo parlato di come avere una pensione minima con pochi contributi. Adesso ti parleremo delle alternative a disposizione per ottenere una pensione senza contributi.

In Italia, il diritto alla pensione si raggiunge al compimento dei 67 anni e solo dopo aver versato almeno 20 anni di contributi.

Ci sono in realtà altre alternative, previste dalle 3 deroghe della legge Amato del 1992, che permettono di accedere alla pensione sempre a 67 anni ma con 15 anni di contributi.

Un’altra possibilità è quella di accedere alla pensione anche con soli 5 anni di contributi. In questo caso, però, è necessario aver compiuti 71 anni di età e non aver versato alcun contributo prima del 1996.

Ti mostriamo queste possibilità per darti un’informazione completa sulle varie alternative, ma concentriamoci adesso sull’argomento di questo approfondimento, che riguarda proprio le pensioni senza contributi.

È possibile ottenerle? Sì, ma non si tratta di pensioni previdenziali vere e proprie ed è necessario avere determinati requisiti per ottenerle, come ti spiegheremo tra poco.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Come andare in pensione senza contributi

Come andare in pensione senza contributi? Se non hai mai versato contributi, non ti spetta una pensione previdenziale, come ti abbiamo anticipato poco sopra.

Tuttavia, l’Inps prevede anche un trattamento per chi non è mai riuscito a versare dei contributi, perché non ha mai lavorato o perché lo ha fatto ma in nero.

In questo caso però si tratta di un trattamento di tipo assistenziale, erogato a chi ha raggiunto i 67 anni di età e si trova in difficoltà economica. Il nome di questo trattamento è: assegno sociale.

Forza Italia ha proposto l’aumento delle pensioni minime a 100 euro. Scopri la reale fattibilità della sua proposta.

Vediamo a chi spetta e quali sono i requisiti per ottenerlo.

Pensione senza contributi: l’assegno sociale

Se hai raggiunto i 67 anni e non hai contributi versati, potresti accedere a una pensione senza contributi richiedendo l’assegno sociale, una prestazione assistenziale assegnata però solo a chi non supera una determinata soglia di reddito.

Al momento, le soglie di reddito per richiedere l’assegno sociale sono:

  • 5.983,64 euro all’anno se sei una persona singola;
  • 11.967,28 euro all’anno se invece sei coniugato.

Per l’anno 2022, l’importo dell’assegno sociale è di 460,28 euro per 13 mensilità. Ogni anno, il suo importo viene ricalcolato con la perequazione delle pensioni, in base ai dati dell’inflazione e al nuovo costo della vita.

Quest’anno, una prima rivalutazione dei trattamenti previdenziali verrà fatta a ottobre e fino a dicembre, in base a quanto stabilito nel nuovo Decreto Aiuti Bis.

Si tratterà di un incremento delle pensioni del 2,2%, che porterà l’importo dell’assegno sociale a 470,40 euro, con un aumento di 10,12 euro.

Da gennaio in poi, quando verrà applicata la piena percentuale dell’inflazione, che al momento è dell’8%, l’aumento sarà di circa 36,82 al mese, portando l’assegno sociale a 497,10 euro al mese per 13 mensilità.

Ecco quando arriverà la pensione di settembre: tutte le date e gli importi.

Come andare in pensione senza contributi: alternative all’assegno sociale

L’assegno sociale non è in realtà l’unica alternativa per ottenere una pensione senza contributi.

Ci sono altre casistiche che permettono di accedere a un trattamento assistenziale senza aver mai versato dei contributi.

In particolare, si tratta:

C’è ancora un’altra possibilità per ottenere una pensione senza contributi Inps, almeno non quelli ordinari previsti dall’Inps. In questo caso, però, devi essere una casalinga ed essere iscritta al Fondo pensione casalinga. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta nel prossimo paragrafo.

Potrebbe anche interessarti cosa devi fare dopo aver ricevuto il verbale di invalidità.

Come andare in pensione senza contributi: le alternative.

Pensione senza contributi Inps: l’opportunità di pensionamento per le casalinghe

Se sei una casalinga, anche se non hai mai lavorato hai la possibilità di ottenere una pensione senza contributi ordinari Inps.

In questo caso, però, devi iscriverti al Fondo pensione casalinghe e versare dei contributi in modo volontario. Possono accedere al Fondo pensione casalinghe sia donne che uomini di età compresa tra i 16 e i 67 anni.

Per accedere al fondo non devi essere titolare di pensione diretta né devi svolgere un’attività lavorativa per la quale è necessaria l’iscrizione all’Inps, ad altro ente pensionistico o a una cassa previdenziale.

Puoi però svolgere un lavoro parziale: in questo caso, otterrai un abbassamento delle settimane utili per aver diritto alla pensione.

L’importo minimo di contributi da versare per avere accesso alla pensione casalinghe è pari a 25,82 euro al mese. Ciò vuol dire che, un anno di contributi, corrisponde a 309,84 euro. Ovviamente, più contributi riuscirai a versare e maggiore sarà l’importo della pensione che potrai ottenere.

Per accedere alla pensione casalinghe, dovrai avere almeno 57 anni di età e avere versato un minimo di 5 anni di contributi.

L’importo minimo finale della pensione casalinghe è pari al 20% dell’assegno sociale, quindi circa 92 euro al mese.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie