Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Economia e Finanza » Fisco e tasse / Anno bianco contributivo, prorogati i termini

Anno bianco contributivo, prorogati i termini

Anno bianco contributivo, prorogati i termini per la presentazione della domanda di riesame se la richiesta era stata rigettata dall'Inps.

di The Wam

Marzo 2022

Anno bianco contributivo, prorogati i termini. L’Inps ha comunicato nel messaggio numero 1264 del 2022 che ci sarà tempo fino al 4 aprile per chiedere il riesame dell’esonero contributivo per i lavoratori autonomi. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

L’istituto ha anche specificato che è necessario allegare altra documentazione per accertare di avere tutti i requisiti indispensabili per ottenere il beneficio.

Come contestare una bolletta di luce e gas troppo alta

Anno bianco contributivo: la prima richiesta

La richiesta di esonero dal pagamento dei contributi doveva essere presentato non oltre il 30 settembre dello scorso anno. E riguardava i contributi da versare entro il 31 dicembre del 2021.

Nella legge di Bilancio per il 2021 (legge numero 178 del 2020) il governo ha previsto l’esonero dal pagamento dei contributi previdenziali per i lavoratori autonomi e professionisti iscritti alle gestioni previdenziali Inps e per i professionisti che risultano iscritti a diverse forme previdenziali obbligatorie. Sono stati esclusi solo i premi Inail.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook.

Anno bianco contributivo: tetto massimo

Il tetto limite era di 3mila euro.

Questi erano i requisiti necessari:

Ovviamente questi requisiti non possono essere applicati a chi ha avviato una attività durante il 2020.

Bollo auto quando scatta la massima sanzione di fermo

Anno bianco contributivo: prima verifica

Alla fine di novembre del 2021 l’Inps ha completato quelli che sono i primi controlli per l’accertamento delle condizioni che danno diritto all’esonero contributivo.

E in particolare:

Le persone interessate sono state informate del rigetto o dell’accoglimento della richiesta (compresi gli importi che sono stati riconosciuti, ma solo in via provvisoria).

Se la domanda è stata accolta gli autonomi e i professionisti avrebbero dovuto versare il residuo contributivo entro il 29 dicembre 2021.

Anno bianco contributivo: il ricorso

Contro il rigetto della domanda era possibile presentare ricorso entro 30 giorni dalla pubblicazione del documento, e quindi fino al 19 marzo. Proprio quel termine è stato ora prorogato al 4 aprile del 2022.

Le richiesta di riesame per le domande di esonero contributivo devono essere presentate nella stessa sezione del cassetto dove era già stata inoltrata la prima istanza.

Agevolazioni prima casa, sospesi i termini

Anno bianco contributivo: come presentare l’istanza

Questi sono i percorsi:

per i lavoratori iscritti alla Gestione speciale artigiani e commercianti:

per i lavoratori iscritti alla Gestione speciale autonoma dei coltivatori diretti, coloni e mezzadri:

per i professionisti iscritti alla Gestione separata:

Anno bianco contributivo: domande accolte o rigettate

Dai primi dati disponibili sembra comunque che il numero di domande rigettate sia discretamente alto:

Anno bianco contributivo: tempi lunghi

I tempi per questo benefici sono stati irragionevolmente lunghi fin dall’inizio. E infatti già durante la scorsa primavera per il decreto attuativo del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali (insieme al Ministero dell’Economia) è stato necessario attendere quasi tre mesi (da maggio a luglio) l’approvazione della Commissione Europea.

Il limite di spesa fissato per questo contributo è stato fissato a un miliardo e 500 milioni. Ovvero, se si pure quella cifra si riduce il tetto massimo di 3mila euro di sconto contributivo.

Ti potrebbero interessare:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp