Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Previdenza e Invalidità / Anziani non autosufficienti: chi paga la casa di riposo?

Anziani non autosufficienti: chi paga la casa di riposo?

Anziani non autosufficienti: chi paga la casa di riposo? Tocca al paziente e ai familiari o interviene lo Stato.

di The Wam

Agosto 2022

Anziani non autosufficienti: chi paga la casa di riposo? Vediamo a chi spetta sostenere il costo della retta quando la persona da assistere è in disagio economico. (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Come molti sanno c’è una legge che impone al Servizio Sanitario Nazionale di fornire le necessarie prestazioni socio assistenziali agli anziani che non sono più in grado di badare a se stessi. Questa norma viene poi applicata da Regioni, Comuni e Asl.

Scopri la pagina dedicata alla pensione di invalidità e le agevolazioni collegate.

E dunque, la quota socio assistenziale è coperta, per quanto riguarda la retta di una Residenza assistita (o per una casa di riposo), ma bisogna comunque pagare quella che riguarda, diciamo, l’ospitalità (semplificando, vitto, alloggio e pulizia). Ecco, queste spese, se l’anziano non è in condizione di far fronte alle spese, chi deve coprirle?

Ovvero: i figli, altri familiari, amici o un ente pubblico?

Potresti essere interessato a conoscere le misure di sostegno per anziani e invalidi, o quando spetta dopo una certa età l’indennità di accompagnamento. C’è anche un articolo riferito alla legge 104 quando si assistono i due genitori anziani.

Quindi, escludiamo le spese socio assistenziali. Come abbiamo visto quelle possono essere a carico dello Stato (tramite il Servizio Sanitario). Restano le altre.

Anziani non autosufficienti: ricovero

Vediamo come funziona la fase del ricovero (eventuale) e qual è la procedura che bisogna seguire.

È necessario contattare i servizi sociali del Comune di residenza. Può farlo lo stesso anziano o i suoi familiari. In qualche caso anche il personale di un ospedale, in particolare se dopo un ricovero l’anziano deve essere dimesso ma ha bisogno comunque di assistenza.

I servizi sociali non possono scrollare le spalle: hanno l’obbligo di ricevere la comunicazione e avviare la procedura. È anche importante allegare alla domanda la dichiarazione Isee, serve per accertare la situazione economica dell’anziano.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Ci sarà poi la valutazione di una commissione. I tempi cambiano da Comune a Comune. Queste commissioni hanno il compito di stabilireil grado di non autosufficienza dell’anziano. Il che significa in pratica valutare:

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Anziani non autosufficienti: tre possibilità

Proprio il secondo aspetto potrebbe essere determinante per verificare la necessità dell’eventuale ricovero in una Residenza Sanitaria Assistita (o in una case di riposo). In particolare se i familiari dell’anziano non hanno la possibilità di occuparsi del paziente (o sono mancanti).

Se i familiari sono disponibili, la commissione che opera per i servizi sociali del Comune ha due strade percorribili:

Ovviamente queste due ipotesi sono percorribili solo se c’è almeno una persona che può prendersi cura dell’anziano non autosufficiente la sera e la notte.

La terza possibilità è invece il ricovero in una casa di risposo o in una Rsa.

In questo caso il Comune, sulla base della retta mensile richiesta dalla struttura, calcola la quota che spetta all’ente pubblico e quella che invece compete all’anziano o ai suoi familiari.

Anziani non autosufficienti: suddivisione spesa

Vediamo ora come si suddivide la spesa per il ricovero di un anziano in una Rsa o in una casa di risposo:

Anziani non autosufficienti: se l’anziano non paga la quota?

Ora, se l’anziano non è in grado di pagare la sua quota (la parte di quella residenziale, parzialmente coperta dai servizi sociali), come si procede?

In genere ci si rivolge ai familiari del paziente, saranno loro a versare la quota che resta per garantire la permanenza dell’anziano nella casa di riposo.

Anziani non autosufficienti: familiari e l’obbligo alimentare

Accade spesso che il giorno del ricovero i familiari dell’anziano siano chiamati in causa per garantire il pagamento della retta, in particolare quando il reddito del paziente (magari la pensione di invalidità) non è sufficiente a coprire i costi.

Ricordiamo che bisogna sempre tutelare il diritto agli alimenti del genitore in stato di bisogno.

Questo obbligo alimentare va comunque suddiviso in base alla capacità economica e di reddito di ogni persona obbligata (in genere i figli) e quindi non necessariamente in parti uguali.

Anziani non autosufficienti: detrazioni e deduzioni

È giusto ricordare un aspetto: i familiari che pagato una parte della retta dell’anziano hanno diritto alla detrazione Irpef del 19%, anche nel caso di familiari non a carico. Detrazione che in automatico diventa deduzione nel caso di pazienti con disabilità. E comunque ribadiamo, la parte è sempre quella alberghiera, perché le spese mediche sono tutte a carico del Servizio Sanitario.

Anziani non autosufficienti: casa di riposo o Rsa?

Prima di andare avanti e per evitare confusioni, vediamo quali sono le differenze tra Rsa, Casa di Riposo e Casa di Cura:

Anziani non autosufficienti: quando non si paga la retta

Ma non sempre tocca ai familiari pagare quella quota. Il riferimento da prendere in esame è l’Isee del paziente. Se ha più di 65 anni, non è autosufficiente e ha una grave disabilità, i suoi familiari possono anche inviare una disdetta e non far fronte al versamento della quota.

In casi gravi, quando c’è anche una certificata invalidità al 100%, i giudici hanno stabilito che non spetta ai familiari versare una parte della retta. Infatti in alcune sentenze è stata disposta la restituzione delle somme già pagate.

I magistrati hanno applicato una principio della Costituzione e sancito che la spese debbano essere sostenute dal Servizio Sanitario e dal Comune, perché rientrano «nell’ambito della normativa di interesse pubblico che assicura ai cittadini le prestazioni socio-sanitarie necessarie, da garantirsi su tutto il territorio nazionale».

E quindi un anziano invalido al 100% e con insufficienti mezzi economici ha diritto a una assistenza sanitaria completa a carico dello Stato e di un ente pubblico.

Anziani non autosufficienti: conclusione

Quindi, sintetizzando, i familiari possono non partecipare alle spese della retta quando:

Ovviamente queste norme sono valide solo per le strutture pubbliche o private convenzionate con il Servizio Sanitario nazionale.

Se infatti il ricovero è in una casa di riposo privata la retta sarà tutta a carico dell’anziano o dei suoi familiari.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp