Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Domanda Ape Sociale entro il 15 luglio: come fare

Domanda Ape Sociale entro il 15 luglio: come fare

Ape Sociale entro il 15 luglio: come fare domanda per l'anticipo pensionistico ed entro quanto tempo l'INPS risponde? Ne parliamo in questo articolo.

di Carmine Roca

Luglio 2023

Vediamo insieme come presentare domanda per l’Ape Sociale entro il 15 luglio (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ape Sociale entro il 15 luglio: chi può fare domanda?

Entro domani, sabato 15 luglio 2023, si può presentare domanda per l’Ape Sociale.

Può inoltrare richiesta all’INPS, per ricevere l’anticipo pensionistico, chi non ha presentato domanda entro il 31 marzo 2023 (istanza tempestiva).

Successivamente, dal 16 luglio al 30 novembre 2023 sarà ancora possibile inviare la domanda per l’Ape Sociale (istanza tardiva). Ma la domanda verrà presa in considerazione soltanto se sono a disposizione le risorse finanziarie per coprire la spesa.

Oltre il 30 novembre non sarà più consentito presentare domanda.

https://www.youtube.com/watch?v=TmcEVjV9klE

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ape Sociale entro il 15 luglio: l’INPS quando risponde?

L’INPS impiega fino a 3 mesi per rispondere alle domande di pensione con l’Ape Sociale:

Come presentare domanda per l’Ape Sociale entro il 15 luglio?

La procedura per richiedere l’Ape Sociale è rimasta invariata rispetto al 2022. Chi avrà i requisiti in regola (63 anni di età e un’anzianità contributiva di 30, 32 o 36 anni, a seconda della categoria di beneficiari) entro il 31 dicembre 2023, deve produrre due domande:

Entro quando si presenta l’istanza di verifica per l’Ape Sociale?

L’istanza di verifica va presentata dal 1° gennaio al 30 novembre. Più si ritarda l’invio della domanda, maggiori saranno i rischi di non poter rientrare nell’elenco dei beneficiari, considerato che le risorse a disposizione dell’INPS possono esaurirsi.

Ricordiamo che, per l’anno in corso, sono stati stanziati 63 milioni di euro e che i potenziali beneficiari dell’Ape Sociale sono circa 20.000.

A chi inviare la domanda per l’Ape Sociale entro il 15 luglio?

La richiesta di certificazione dei requisiti e la successiva domanda per l’Ape Sociale vanno inviate telematicamente all’INPS, accedendo al sito dell’ente previdenziale e registrandosi con una delle credenziali in vostro possesso.

Quindi:

In alternativa potete chiedere assistenza a un patronato o a un intermediario abilitato e riconosciuto dall’INPS.

Dopo aver verificato le condizioni di salute o lavorative necessarie per accedere all’Ape Sociale, l’INPS comunicherà al richiedente la decorrenza della sua prestazione.

Chi può andare in pensione con l’Ape Sociale nel 2023?

L’Ape Sociale è un anticipo pensionistico che accompagna il lavoratore e la lavoratrice fino all’età per la pensione di vecchiaia.

Possono accedervi:

Compiuti 63 anni, se si è in regola con l’anzianità contributiva richiesta, a seconda del profilo tutelato dalla legge, si potrà presentare domanda per l’Ape Sociale.

Ape Sociale 2023 con quanti contributi?

I requisiti contributivi sono i seguenti.

30 anni di contributi per:

Con 32 anni di contributi:

Con 36 anni di contributi:

Ape Sociale 2023 per le donne: cosa è previsto?

Per le donne è previsto un Bonus contributivo di uno o due anni, a seconda dei figli avuti, fino a un massimo di 2 anni di sconto (2 o più figli avuti).

Potranno andare in pensione con l’Ape Sociale con 28, 30 o 34 anni di contributi, a seconda della categoria di appartenenza.

Importo Ape Sociale 2023

L’importo della prestazione è pari al valore dell’assegno pensionistico maturato fino al momento della presentazione della domanda per l’Ape Sociale, ma in ogni caso non può essere superiore a 1.500 euro lordi al mese. Non è prevista la tredicesima.

Ape Sociale entro il 15 luglio
Ape Sociale entro il 15 luglio: in foto una donna sulla carrozzina fa domanda per l’Ape Sociale.

Faq sull’Ape Sociale

Quando è stata introdotta l’Ape Sociale?

L’Ape Sociale è un trattamento introdotto sperimentalmente il primo maggio del 2017, prorogato continuamente dai successivi governi e confermato per il 2024.

Posso lavorare mentre aspetto l’approvazione dell’Ape Sociale 2023?

No, non puoi lavorare mentre aspetti che l’INPS decida se hai i requisiti per ottenere l’Ape Sociale. Se accetti un lavoro, anche a tempo determinato o di collaborazione a termine, rischi di perdere l’accesso alla misura che permette il pensionamento anticipato.

Posso lavorare con l’Ape sociale nel 2023?

Sì, è possibile lavorare con l’Ape Sociale nel 2023, ma ci sono delle condizioni. La Legge 232/2016 consente di lavorare durante il periodo di Ape Sociale, purché il reddito che ne deriva non superi gli 8mila euro annui per un contratto dipendente o i 4.800 euro annui per un lavoro autonomo.

Cosa accade se supero il limite di reddito stabilito mentre beneficio dell’Ape sociale?

Se superi i limiti di reddito stabiliti dalla Circolare INPS 100/2017 durante il periodo in cui beneficio dell’Ape Sociale, perderai il diritto a questa misura. È importante notare che questi limiti si applicano solo ai redditi derivanti da attività lavorative intraprese dopo l’inizio del periodo di Ape Sociale.

Quali sono le differenze tra l’Ape Sociale e l’Opzione Donna?

L’Ape Sociale e Opzione Donna sono entrambe misure che consentono una certa flessibilità in uscita dal lavoro. Tuttavia, rispetto all’Opzione Donna, l’Ape Sociale risulta essere meno penalizzante per i lavoratori.

Come potrebbe cambiare l’Ape Sociale nel 2024?

La conferma strutturale dell’Ape sociale e l’estensione delle categorie che possono accedervi sono attualmente oggetto di discussione in vista della riforma del sistema previdenziale italiano. La ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali, Maria Elvira Calderone, non esclude l’introduzione di ulteriori forme di flessibilità, mirate a facilitare l’uscita dal mondo del lavoro.

Che ruolo avrà l’Osservatorio sulla spesa previdenziale nella riforma delle pensioni 2024?

L’Osservatorio sulla spesa previdenziale, attivato da un decreto firmato dalla ministra Calderone, avrà il compito di verificare l’andamento della spesa previdenziale e analizzare, a partire da questo aspetto, una possibile e strutturale riforma del sistema pensionistico. Dovrà stabilire le ulteriori forme di pensionamento anticipato compatibili con il bilancio dello Stato e avviare, sulla base di questa analisi, una discussione concreta con le parti sociali.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp