Applicazioni per risparmiare: ecco quelle davvero utili

Applicazioni per risparmiare: la tecnologia può dare una grande mano a mettere da parte un piccolo tesoretto. Una panoramica introduttiva sulle app utili.

3' di lettura

Applicazioni per risparmiare: la tecnologia può dare una grande mano a mettere da parte un piccolo tesoretto da utilizzare in caso di imprevisti o per soddisfare un desiderio. Qualche consiglio (Consulta anche le nostre guide per risparmiare sulle tasse).

Indice:


(Leggi anche la nostra pagina speciale sui bonus). (Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati) (Qui la pagina riservata ai concorsi) (Qui il link al nostro canale youtube con le video-guide)

Applicazioni per risparmiare: partire dal conto corrente

A proposito di applicazioni per risparmiare non si possono non citare quelle di N26 e Hype. In entrambi i casi si parla di aprire un conto corrente: tuttavia, tra le funzionalità offerte dagli istituti bancari c’è anche quella di stabilire degli obiettivi di risparmio.

In pratica, si imposta la cifra che si vuole mettere da parte e in quanto tempo si intende raggiungere l’obiettivo: ci penserà l’app del conto corrente a fare il resto. In tal modo, quasi senza accorgersene, si può riuscire a mettere da parte anche un bel gruzzoletto.

Tuttavia, bisogna sottolineare che nella versione a zero spese dei conti offerti da N26 e Hype, gli “spazi” dedicati a questo tipo di risparmio sono limitati (solo due). Ci si può munire comunque di un “salvadanaio” intelligente anche senza aprire un conto corrente molto più agile grazie a Revolut: tra l’altro, grazie all’app britannica è possibile muovere i passi nel mondo dell’investimento che, se fatto con criterio e prudenza, fa rima con risparmio.

Applicazioni per risparmiare. Una panoramica introduttiva (Foto di QuinceCreative per Shutterstock)
Applicazioni per risparmiare. Una panoramica introduttiva (Foto di QuinceCreative per Shutterstock)

Come risparmiare soldi

Le applicazioni per risparmiare non bastano senza un po’ di disciplina: tra i consigli che si danno generalmente a chi ha intenzione di cominciare a mettere da parte qualcosa quello di attuare la regola del 50-30-20.

In sostanza, bisogna utilizzare il 50% del proprio reddito mensile per le spese impellenti, necessarie e improrogabili (breve termine), il 30% per svago e tempo libero (medio termine) e, infine, il 20% per il risparmio (lungo termine).

Un altro consiglio che si dà spesso è quello di destinare il 20% del proprio reddito mensile al risparmio e il 10% all’investimento. Spesso, però, tra un’esigenza e l’altra non si riesce a rispettare questo principio: i programmi di micro-risparmio di N26, Hype e Revolut offrono una soluzione in questo senso. Tuttavia, anche sul fronte del micro-investimento, Hype e Revolut si fanno trovare pronti: infatti, danno la possibilità ai propri clienti di investire piccolissime somme in bitcoin, oro e molti altri prodotti finanziari.

Potrebbero interessarti:


  1. Carta acquisti, assegno maternità, Bonus asilo nido: guida

  2. Calcolo Naspi e pagamento: la guida completa

  3. Nuovo reddito di emergenza e Rdc: sono compatibili?

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie