Armi dall’Est Europa: fermo non confermato per l’irpino indagato

Armi dall'Est Europa: fermo non confermato per l'irpino indagato
1' di lettura

Non confermato il fermo per l’irpino, G.S., finito al centro di un’inchiesta su un traffico transazionale di armi che partivano dall’Est Europa e arrivavano in Campania. L’indagato, assistito dagli avvocati Attilio Panagrosso e Isidoro Bizzarro, sarà sottoposto all’obligo di firma. La sua posizione, come chiarito dalla difesa, era marginale rispetto alle accuse contestate.

La ricostruzione degli inquirenti

Per la Procura partenopea le armi provenivano dall’Europa dell’Est. L’associazione avrebbe avuto contatti per comprare e poi piazzare i prodotti sul territorio. Le armi arrivavano dall’Est Europa, passando per l’Austria. Revolver e pistole avevano un costo che si aggirava sui 2500 euro a pezzo.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie