Traffico di auto rubate e sequestri: presa ad Avellino

Arrestata ad Avellino una 40enne accusata di sequestro di persona. Sullo sfondo un'inchiesta sul riciclaggio internazionale di auto rubate.

2' di lettura

Un uomo portato nei pressi di un cimitero e minacciato con una pistola. Sulla sfondo un traffico internazionale di auto rubate. Dettagli che emergono sull’inchiesta, per sequestro di persona, che ha portato all’arresto di una 40enne di origini gambiane fermata ad Avellino in una indagine della Procura di Bologna. La donna, difesa dagli avvocati Fabio Tulimiero e Giuseppe Giammarino, adesso ha potuto lasciare il carcere ed è ai domiciliari.

Sequestro di persona: arrestata ad Avellino

Il furto di un Range Rover a Brescia, nel luglio del 2019, aveva fatto scattare le indagini. Il ladro era stato fermato dalla Polizia a Milano. Dalle sue dichiarazioni è nata l’inchiesta sul riciclaggio di auto rubate fra Italia, Spagna, Francia e Africa, dove le macchine di lusso arrivavano per poi essere vendute a imprenditori e politici.

L’uomo arrestato, tornato ai domiciliari, ha raccontato di essere stato raggiunto a casa da tre persone di origine africana. I sequestratori, mostrandogli una pistola semi-automatica, lo avrebbero costretto a entrare in auto per poi portarlo in un edificio a pochi passi da un cimitero in provincia di Brescia. Era stato minacciato di morte e colpito al volto col calcio dell’arma. Al sequestro di persona, ha aggiunto il testimone, aveva partecipato anche la donna di origine gambiana. 

Sequestro di persona e riciclaggio di auto

I sequestratori non avevano creduto alla storia dell’arresto e pensavano che l’uomo volesse fregarli, magari rivendendo l’auto rubata per conto suo. Alla fine erano riusciti ad appurare che la ricostruzione era vera.

Riciclaggio di auto rubate: come funzionava il traffico di macchine di lusso

L’uomo rapito ha raccontato di aver trasportato altre volte le auto rubate fuori dall’Italia. Una volta a Parigi e in un’altra occasione Malaga dove l’affare non si era concretizzato. I rapporti li teneva proprio con la quarantenne gambiana. Il suo lavoro si limitava a quello di corriere. Gli investigatori ritengono che gli indagati contassero su appoggi fidati sia in Francia, che in Spagna e in Africa dove materialmente le auto arrivavano.

Grazie alle indagini sui telefoni i Poliziotti erano riusciti a identificare i quattro autori del sequestro di persona. Intanto uno di loro era stato ammazzato a colpi di pistola perché, durante una compravendita di droga, aveva tentato di fregare lo stupefacente a uno spacciatore. La donna, invece, aveva base proprio ad Avellino. Dove è stata arrestata. Ora, per lei, sono stati disposti i domiciliari, dopo l’istanza presentata dai suoi avvocati.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie