Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Assegno familiari Anf 2023: quando si aggiornano

Assegno familiari Anf 2023: quando si aggiornano

Una recente circolare dell’INPS ha fornito i valori aggiornati per l’Assegno familiari Anf 2023. Scopri importi, nuovi limiti di reddito e chi può ancora presentare domanda.

di Romina Cardia

Giugno 2023

Chi può presentare domanda per Assegno familiari Anf 2023? Quali sono gli importi e i nuovi limiti di reddito? (scopri le ultime notizie su agevolazioni economiche e diritti per la famigliaLeggi su Telegram le novità su educazione, cura e salute dei figli, gravidanza, consigli per neo-mamme e relazioni familiari. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

L’Assegno familiare Anf 2023 non è più riconosciuto ai nuclei familiari con figli e orfanili, perché sostituito dall’Assegno Unico e Universale, insieme alle detrazioni per figli a carico (under 21) e ad altre prestazioni economiche a sostegno.

Vediamo quindi chi può presentare domanda per l’Assegno Anf e quali sono le novità introdotte con la circolare dell’INPS.

Indice

A chi spetta l’Assegno familiari Anf 2023 e la maggiorazione pensioni?

La Circolare INPS n. 28 del 14 marzo 2023 precisa che l’Assegno Anf 2023 interessa tutti i lavoratori esclusi dalla normativa per gli Anf, nonché tutti i soggetti per cui si applica la normativa delle quote di maggiorazione della pensione.

In particolare, quindi, riguarda:

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sulla famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Quali sono gli importi mensili dell’Assegno familiari Anf 2023?

Gli importi mensili spettanti con l’Assegno familiari Anf 2023 sono pari a:

Questi importi vengono corrisposti direttamente dall’INPS, dopo presentazione della domanda da parte degli interessati.

Ecco l’elenco dei Bonus giugno 2023 ancora attivi, a chi spettano e come richiederli.

Nel video sotto ti mostriamo le prossime date dei pagamenti INPS nel mese di giugno 2023:

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=wWB72ynSCQk&w=560&h=315]

Quali sono i nuovi limiti di reddito per l’Assegno familiari Anf 2023?

A partire dal 1° gennaio 2023, i limiti di reddito familiare per la cessazione o la riduzione dell’Assegno familiari Anf 2023 e le quote di maggiorazione pensione sono stati rivalutati in virtù del tasso di inflazione del 2022, pari all’1,5%.

I nuovi limiti di reddito mensili da considerare ai fini dell’accertamento della non autosufficienza economica e di conseguenza del diritto dell’Assegno familiare per l’anno 2023, sono i seguenti:

I nuovi limiti di reddito valgono anche in caso di richiesta degli assegni familiari per fratelli, sorelle e nipoti.

Leggi anche a chi spetta e come funziona Sport Bonus 2023, l’agevolazione dedicata allo sport e al benessere fisico.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Come presentare domanda per l’Assegno familiari Anf 2023?

Le domande per ottenere l’Assegno Familiare possono essere inoltrate all’Istituto:

Nella richiesta di Assegno possono essere inseriti, come familiari:

Bonus fino a 2.400 euro Ebiter: leggi tutto sul bonus per lavoratori del settore terziario, chi può richiederlo e come.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Assegno familiari Anf 2023
Assegno familiari Anf 2023: quando si aggiornano

Posso presentare domanda per Assegno familiari Anf se percepisco l’Assegno Unico?

No, non puoi presentare domanda per l’Assegno familiari Anf se hai figli e percepisci l’Assegno Unico.

A partire dal 1° marzo 2022, infatti, a norma del decreto legislativo 29 dicembre 2021 n. 230 è entrato in vigore l’Assegno Unico e Universale quale misura di sostegno economico alle famiglie con figli minori a carico e, a determinate condizioni, anche maggiorenni di età inferiore ai 21 anni.

Nell’ottica di riordinare, potenziare e semplificare le prestazioni a beneficio dei genitori, l’articolo 10 comma 3 del citato Decreto ha stabilito che, limitatamente ai nuclei familiari con figli e orfanili, a decorrere dal 1° marzo 2022 cessano di essere riconosciute le prestazioni di cui all’articolo 4 del Testo Unico delle norme concernenti gli assegni familiari, approvato con il decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1955, n. 797.

Pertanto, da tale data, nel caso in cui nel nucleo familiare sia presente almeno un figlio con età inferiore ai 21 anni, o un figlio con disabilità a carico, senza limiti di età, per il quale si ha diritto all’Assegno unico, non si potranno richiedere gli assegni familiari.

A seguito del compimento del ventunesimo anno di età dei figli, per i quali si ha diritto all’Assegno unico, si potrà presentare domanda per gli assegni familiari ma esclusivamente per soggetti diversi dai figli.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp