Assegno di divorzio: lo perde l’ex che convive con un altro?

L'assegno di divorzio deve essere sospeso o annullato del tutto se l'ex avente diritto inizia la convivenza con un'altra persona? Sulla questione ci sono due recenti sezioni della Cassazione che fanno chiarezza in maniera definitiva. La differenza tra assistenza e compensazione. Due casi diversi una decisione quasi analoga.

4' di lettura

L’assegno di divorzio si perde se chi ne ha diritto inizia una nuova convivenza? Un punto assai dibattuto e spesso oggetto di controversie legali e che suscita polemiche, contestazioni, proteste.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Ebbene la Cassazione sembra aver definito il punto. Con una sentenza recente, la numero 32198 pubblicata venerdì 5 novembre 2021, l’Alta Corte precisa infatti che la scelta di andare a convivere con un nuovo compagno se non fa perdere del l’assegno di divorzio può incidere sull’ammontare dell’assegno.

Assegno di divorzio: le due componenti

Infatti con la nuova convivenza, così scrivono i giudici nell’ordinanza, ha una conseguenza immediata sull’assegno di divorzio: viene meno la componente assistenziale. Resta invece la componente compensativa, che deve essere valutata tenendo presenti diversi parametri:

  • la durata del matrimonio;
  • l’apporto dell’ex coniuge che riceve l’assegno nella realizzazione del patrimonio familiare;
  • la perdita di chance professionali (tutte quelle eventuali rinunce che sono state decise insieme all’ex coniuge e che hanno portato rinunce professionali durante il matrimonio).

I giudici della Cassazione hanno anche segnalato i modi più congrui per la liquidazione dell’assegno limitato alla sola componente compensativa (e quindi con l’esclusione di quella assistenziale, quella più direttamente legata a un eventuale disagio economico dell’ex più debole economicamente).

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Assegno di divorzio: l’accordo

Può essere versato per un periodo limitato di tempo. Ma deve essere deciso dopo un accordo raggiunto tra le parti. Con la collaborazione attiva non solo del giudice, ma anche degli avvocati e dei mediatori familiari.

L’obiettivo è quello di trovare la soluzione idonea agli interessi dei due ex coniugi.

Di recente, il primo ottobre, un’altra sentenza della Cassazione aveva confermato lo stesso principio. Anche se su basi parzialmente diverse.

Assegno di divorzio: l’altro caso

In quel caso, infatti, la convivenza tra l’ex coniuge e un altro uomo non poteva definirsi stabile. Lui trascorreva le notti dalla donna per poi passare il resto della giornata in compagnia del figlio avuto in una precedente relazione.

Assegno di divorzio: diritto a una vita dignitosa

Per i giudici in questo caso la donna ha diritto all’assegno di divorzio perché, anche paragonando la situazione economica dei due ex coniugi, la nuova relazione non può garantirle la possibilità di sostenere una vita dignitosa.

E dunque, se nel primo caso i giudici dell’Alta Corte hanno confermato l’assegno di divorzio, ma decurtandolo della parte “assistenziale”, nella seconda vicenda hanno scelto di lasciare invariato l’importo dell’assegno.

I magistrati hanno sottolineato come limitarsi a dormire con un altro uomo senza condividere stipendi, spese, problemi pratici, non può essere sufficiente per eliminare o ridurre l’assegno di divorzio. La donna, infatti, dovrà comunque ancora badare da sola a se stessa.

Assegno di divorzio: disagio economico e compensazione

I giudici della Supra Corte hanno anche specificato che l’assegno di divorzio deve essere riconosciuto quando si accerta che l’ex coniuge che ne ha diritto non abbia a disposizione né i mezzi adeguati, né la possibilità di procurarseli.

Anche in questa seconda vicenda i magistrati hanno sottolineato che il divorzio scioglie il matrimonio, ma non cancella quello che il rapporto tra i coniugi ha significato per le scelte di vite fatte da entrambi, ma anche – e soprattutto – per gli squilibri, eventuali, che si sono creati tra i due: chi ha fatto carriera e chi ha rinunciato aiutando in questo modo l’altro a costruirsi una posizione professionale ed economica.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie