Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno di inclusione » Bonus e Incentivi / Assegno di inclusione: dove vedere l’importo

Assegno di inclusione: dove vedere l’importo

Dove vedere l'importo dell'Assegno di inclusione? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Marzo 2024

In questo articolo vedremo dove vedere l’importo dell’Assegno di inclusione e come controllare il saldo disponibile sulla carta (scopri le ultime notizie sul Rdc e sui bonus attivi in italia. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Dove vedere l’importo dell’Assegno di inclusione?

L’Assegno di inclusione (Adi) rappresenta un’innovativa forma di supporto lanciata nel 2024, successivamente alla fine del Reddito di cittadinanza. Questo aiuto è pensato per le famiglie che comprendono almeno un minore, una persona disabile, anziani oltre i 60 anni o soggetti in condizioni di vulnerabilità sociale assistiti dai servizi sociali.

Per accedere a tale sostegno è indispensabile rispettare determinate fasce di reddito, elencate nel nostro articolo di approfondimento sui requisiti dell’Adi.

Gli importi dell’Assegno di inclusione sono erogati mensilmente attraverso la Carta di inclusione, una carta prepagata fornita da Poste Italiane, che permette acquisti diretti, prelievi limitati e un bonifico mensile destinato al pagamento dell’affitto.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno di Inclusione 2024 con risposte a oltre 100 domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Come controllare il saldo della Carta di inclusione

Al momento, è possibile verificare il saldo e visualizzare l’elenco delle transazioni della Carta di inclusione attraverso due metodi semplici e accessibili.

Per un accesso immediato alle informazioni del conto, la carta può essere utilizzata presso qualsiasi ATM Postamat, basta inserirla e scegliere l’opzione relativa al credito residuo.

In alternativa, il servizio di lettura telefonica costituisce una soluzione ideale per chi non ha accesso a un ATM Postamat o preferisce un contatto più personale. Chiamando il numero verde 800.666.888 da un telefono fisso in Italia è possibile accedere al servizio senza costi aggiuntivi. Per le chiamate da telefono cellulare o dall’estero, il servizio è raggiungibile al numero +39.06.4526.6888, con costi variabili a seconda del piano tariffario dell’operatore telefonico.

Ad ogni modo, è probabile che in futuro sia attivato anche il servizio di verifica online del saldo della Carta di inclusione, analogamente a quanto accaduto per il Reddito di cittadinanza. Trovate maggiori informazioni sull’utilizzo della Carta di inclusione, nell’informativa di Poste Italiane, che potete scaricare cliccando sul pulsante di download qui sotto.

Come conoscere l’importo dell’Assegno di inclusione e la data di pagamento

In ogni caso, se quello che vi interessa non è verificare il saldo presente sulla carta, ma conoscere l’importo che vi sarà accreditato per la mensilità di marzo 2024 o per qualsiasi altra rata, potete verificare questa informazione nel vostro fascicolo previdenziale.

Questa piattaforma online fornisce un servizio su misura, permettendo ad ogni utente di consultare informazioni precise relative alle proprie prestazioni previdenziali e di assistenza, incluse le date di pagamento dell’Adi.

Come accedere al fascicolo previdenziale online

Per ottenere informazioni sui pagamenti dell’Assegno di inclusione è necessario visitare la pagina del fascicolo previdenziale sul sito dell’INPS. Una volta selezionato il pulsante “Utilizza lo strumento“, si potrà accedere al proprio dossier utilizzando le proprie credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), CIE (Carta d’Identità Elettronica) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi).

dove-vedere-limporto-dellAssegno-di-inclusione-fascicolo
In foto, lo screen del fascicolo previdenziale del cittadino sul sito dell’INPS.

Navigando nella sezione “Prestazioni” e successivamente in “Pagamenti” all’interno del menu laterale, si potrà visualizzare lo storico dei pagamenti con tutti i dettagli degli importi erogati e le date di accredito stabilite dall’INPS, comprese quelle relative all’Assegno di inclusione di marzo 2024.

Quali sono gli importi accreditati sulla Carta di inclusione?

L’Assegno di inclusione si suddivide in due quote, cioè due contributi distinti:

  1. La quota A, destinata a integrare il reddito familiare, viene determinata in base alla composizione del nucleo familiare e al suo reddito.
  2. La quota B, dedicata alle famiglie che vivono in un’abitazione in affitto, ha l’obiettivo di offrire un sostegno per il pagamento del canone di locazione mensile.

Per esplorare in dettaglio le somme che possono essere assegnate, è utile consultare l’articolo dedicato agli importi dell’Adi. In ogni caso sia gli importi della quota A che della quota B vengono accreditati sulla Carta di inclusione.

Come usare la Carta dell’Assegno di inclusione

L’INPS ha definito chiaramente le limitazioni sull’uso della Carta di inclusione, specificando quali tipi di spese non sono permesse con i fondi dell’Assegno di inclusione. In particolare, con gli importi dell’Adi non è consentito:

FAQ: Domande frequenti sull’Assegno di inclusione

Cosa è cambiato per l’Assegno di inclusione a giugno 2023?

A giugno 2023 sono state introdotte alcune modifiche all’Assegno di inclusione. È importante tenere presente che, a partire dal 1° gennaio 2024, l’Assegno di inclusione prenderà il posto del Reddito di cittadinanza. Le modifiche riguardano l’obbligo per il percettore attivabile al lavoro di accettare la prima offerta congrua di lavoro.

Chi può beneficiare dell’Assegno di inclusione se ha più di 60 anni?

Le persone che hanno superato i 60 anni di età, hanno un ISEE di massimo 9.360 euro e rispettano i requisiti di reddito e patrimoni, possono beneficiare dell’Assegno di inclusione.

Ci sono differenze tra la Pensione di Cittadinanza e l’Assegno di inclusione?

Le differenze sostanziali tra la Pensione di Cittadinanza e l’Assegno di inclusione riguardano il calcolo degli importi spettanti. Per il resto i requisiti di età e le condizioni economiche restano pressoché invariati.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno di inclusione:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp