Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Assegno di inclusione: sanzioni e decadenza

Assegno di inclusione: sanzioni e decadenza

Il nuovo sussidio anti povertà che sostituirà il Reddito di cittadinanza prevede delle sanzioni in presenza di determinate omissioni o dichiarazioni false. Vediamo nel dettaglio cosa è previsto in merito ad Assegno di inclusione e sanzioni.

di Romina Cardia

Agosto 2023

In quali casi è previsto Assegno di inclusione e sanzioni? Quali sono le sanzioni che verranno applicate? In quali casi decade il sussidio? (scopri le ultime notizie sul Rdc e sui bonus attivi in italia. Leggile gratis su WhatsAppTelegram e Facebook).

Assegno di inclusione e sanzioni

Vediamo subito quando si rischia l’Assegno di inclusione e sanzioni. Il decreto lavoro prevede che chiunque, per ottenere indebitamente l’Assegno di inclusione, rende o utilizza dichiarazioni o documenti falsi o omette informazioni dovute, è   punito con la reclusione da due a sei anni.

L’omessa comunicazione delle variazioni del reddito o del patrimonio, anche se provenienti da attività irregolari, e di altre informazioni dovute e rilevanti, è punita con la reclusione da uno a tre anni.

Alla condanna in via definitiva del beneficiario per i reati citati o per un delitto non colposo che comporti l’applicazione di una pena non inferiore a un anno di reclusione, consegue, l’immediata decadenza dal beneficio e il beneficiario è  tenuto  alla  restituzione  di  quanto  indebitamente  percepito.

Attenzione, quindi, perché non si tratta di semplici sanzioni ovvero multe da pagare, ma di rischiare il carcere.

Ricordiamo a questo punto a chi spetterà l’Assegno di inclusione e quali sono le caratteristiche della misura.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=lRuRk2A2fC8&w=560&h=315]

Cos’è l’Assegno di inclusione

La misura  che sostituirà il reddito di cittadinanza nel 2024, detta Assegno di inclusione,  è stata istituita con decreto legge 48 2023  e con la legge di conversione del decreto pubblicata in GU il 3 luglio 2023 Legge 85 2023,  in cui sono state introdotte alcune piccole modifiche

Si ricorda che la legge prevede 2 diversi strumenti di sostegno contro la povertà e l’esclusione sociale, al posto del RDC, con platee e orizzonte temporale diversi ovvero: 

I contributi economici saranno erogati dall’INPS su richiesta tramite la piattaforma telematica che sarà aggiornata prossimamente.

Per la gestione invece delle attività obbligatorie di orientamento, formazione e lavoro collegate agli assegni si prevede un nuovo sistema informatico “SIISL” condiviso con ministero, regioni, enti locali, ANPAL

Vediamo di seguito qualche dettaglio in più sull’Assegno di inclusione: a chi spetta, l’importo e le modalità di domanda e fruizione. 

Importo e durata

Il contributo economico dell’Assegno di inclusione consisterà in una 

Il contributo sarà erogato con la Carta di inclusione elettronica consentirà di fare prelievi e un bonifico per l’affitto.

L’assegno di inclusione durerà 18 mesi con stop di 1 mese e possibili rinnovi per ulteriori 12 mesi sempre con 1 mese di stop.

In caso di avvio di attività di lavoro l’assegno sarà cumulabile con i relativi redditi fino a 3000 euro annui, che andranno comunicati all’INPS.

Per i primi due mesi di variazione del reddito l’assegno è comunque garantito.

Sarà possibile richiedere Assegno di inclusione per persone disabili e Assegno Unico, ma le condizioni potrebbero essere un po’ diverse rispetto a chi percepisce solo AU. Differenti anche gli importi. Vediamo perché e quali sarebbero queste condizioni.

Requisiti: cittadinanza e ISEE

Il nuovo Assegno di inclusione, come detto è riservato ai nuclei familiari in cui siano presenti persone:

inserite in programma di cura e assistenza dei servizi socio sanitari territoriali certificato dalla pubblica amministrazione.

I richiedenti possono essere:

Non devono:

La famiglia dovrà:

Se il nucleo familiare è composto da persone tutte di età pari o superiore a 67 anni, o da altri familiari tutti in condizioni di disabilità grave o di non autosufficienza, la soglia di reddito familiare è fissata in 7.560 euro annui.

L’assegno sarà compatibile con la percezione di NASPI, DIS-COLL, Disoccupazione agricola.

Attenzione: non deve essere presente nella famiglia un componente che abbia rassegnato le dimissioni dal posto di lavoro (tranne che per giusta causa).

Scopriamo come funziona l’Assegno di inclusione per cittadini stranieri e quali documenti servono per richiederlo.

Scala di equivalenza

La scala di equivalenza prevista per l’Assegno di inclusione è la base di garanzia di inclusione per le fragilità che caratterizzano il nucleo familiare.

Il parametro della scala di equivalenza è pari a 1 ed è incrementato, fino a un massimo complessivo di 2,2 ulteriormente elevato a 2,3 in presenza di componenti in condizione di disabilità grave o non autosufficienza, così come puoi vedere dalla tabella sotto:

Assegno di inclusione minimo e massimo scala di equivalenzaCoefficienti aggiuntivi
Parametro 1 per nucleo con 1 soggetto fragile0,5 per ciascun altro componente con disabilità
Arriva a un massimo di 2,2, elevato a 2,3 in presenza di disabili gravi o non autosufficienti0,4 per ogni altro componente con età pari o oltre 60 anni
Non sono conteggiati i componenti che risiedono in strutture ospedaliere pubbliche e che interrompono la residenza in Italia per più di 4 mesi anche non continuativi nel periodo di 18 mesi0,15 per ogni minore, fino a 2
 0,10 per ogni minore oltre il secondo
Tabella con i parametri della scala di equivalenza per l’Assegno di inclusione

Sgravi per assunzioni e lavoro autonomo

Come per il Reddito di cittadinanza, restano gli sgravi per i datori di lavoro che assumano i percettori di Assegno di inclusione e le agenzie per il lavoro che facciano da tramite, e un contributo aggiuntivo per il beneficiario che intraprenda una attività lavorativa autonoma.

Il decreto prevede in particolare:

È previsto anche:

Per i casi in cui il percettore avvii una attività di lavoro autonomo o di impresa, oppure si associ a una cooperativa, può richiedere un beneficio aggiuntivo di 6 mensilità dell’assegno (massimo 3mila euro).  

Vediamo quali sono i corsi obbligatori che i beneficiari del Supporto per la formazione e il lavoro devono frequentare.

Assegno di inclusione e sanzioni
Assegno di inclusione e sanzioni. Nella foto: una donna pensierosa.

Obbligo di studio o lavoro – Offerta congrua

Come per il Rdc, i componenti del nucleo che percepiscono l’Assegno di inclusione, che siano   disoccupati, maggiorenni, non impegnati in corsi di studi, devono intraprendere il percorso di inserimento lavorativo previa registrazione al SIISL, il nuovo sistema informativo per l’inclusione sociale e lavorativa che trasmette i dati dal competente Centro per l’Impiego.   

I beneficiari dell’Assegno di inclusione tra i 18 e i 29 anni che non hanno adempiuto agli obblighi di istruzione, devono frequentare i corsi di istruzione per adulti di primo livello.  

Sono esonerati dall’obbligo di lavoro:

L’assegno decade in caso di   rifiuto della prima offerta di lavoro congrua cioè:

Solo nel caso in cui nel nucleo familiare siano presenti figli con età inferiore a quattordici anni, anche con genitori legalmente separati, l’offerta va accettata se il luogo di lavoro non eccede la distanza di 80 chilometri dal domicilio o raggiungibile nel limite temporale massimo di 120 minuti con i mezzi di trasporto pubblico.

L’assegno si sospende per il periodo di eventuali contratti di lavoro fino a 6 mesi e riprende al termine.

FAQ (domande e risposte)

Come verrà erogato l’importo dell’Assegno di inclusione?

L’importo dell’Assegno di inclusione verrà erogato mensilmente direttamente sulla Carta di inclusione. Il pagamento avverrà in automatico e senza la necessità di alcuna richiesta o procedura aggiuntiva.

Cosa potrò pagare con l’Assegno di inclusione?

L’Assegno di inclusione è pensato per aiutarti a coprire diverse spese essenziali. Potrai utilizzarlo per pagare beni e servizi necessari per la tua vita quotidiana, come ad esempio cibo, vestiario, affitto, utenze domestiche e altre necessità di base.

Ci sarà un limite di prelievo mensile con l’Assegno di inclusione?

Sì, potrai prelevare fino a massimo 100 euro al mese, così come è per adesso per il Reddito di cittadinanza. Tutto il resto dovrai pagarlo tramite movimenti tracciabili, quindi con pagamenti bancomat o bonifici bancari.

Come richiedere l’assegno di inclusione?

La richiesta dell’Assegno di inclusione va inoltrata all’INPS. È possibile presentare la domanda tramite il sito web dell’INPS o recandosi direttamente presso una delle sedi dell’ente. Nel modulo di richiesta, è fondamentale fornire tutte le informazioni necessarie e allegare la documentazione richiesta per comprovare la disabilità grave. Puoi farti aiutare anche da un CAF o da un patronato.

L’Assegno di inclusione ha una durata temporale?

Sì, l’Assegno di inclusione ha una durata di 18 mesi, ma è possibile rinnovare la richiesta al termine del periodo stabilito e ottenere il sussidio per altri 12 mesi, sempre rinnovabili.

In quali casi è possibile perdere il diritto all’Assegno di inclusione?

Il diritto all’Assegno di inclusione può essere perso nel caso in cui la situazione economica o familiare del richiedente cambi in modo significativo, superando i limiti previsti per ottenere il contributo. Inoltre, se il beneficiario non rispetta gli obblighi dichiarati nella domanda o non comunica tempestivamente eventuali cambiamenti, potrebbe perdere il diritto all’assegno.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno di inclusione:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp