Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità » Salute / Assegno di incollocabilità, a chi spetta e importi

Assegno di incollocabilità, a chi spetta e importi

Assegno di incollocabilità, a chi spetta e importi: vediamo quando scatta il riconoscimento del sussidio per chi non è più collocabile al lavoro.

di The Wam

Febbraio 2022

L’assegno di incollocabilità è una prestazione economica che viene erogata agli invalidi per infortunio sul lavoro o per malattia professionale che non possono usufruire dell’assunzione obbligatoria perché non sono più in grado di lavorare. (aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Il sostegno viene garantito dall’Inail e l’importo è di 263,27 euro mensili.

Assegno di incollocabilità e rendita diretta

L’importo dell’assegno viene pagato ogni mese insieme alla rendita diretta per l’inabilità permanente ed è rivalutato ogni anno sulla base della variazione dei prezzi al consumo.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

L’assegno di incollocabilità viene versato a partire dal mese successivo a quello in cui è stata presentata la domanda. Viene erogato all’assistito fino al raggiungimento dell’età pensionabile. Il sussidio non concorre alla formazione del reddito complessivo lordo imponibile ai fini dell’Irpef.

Scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube.

Assegno di incollocabilità: requisiti

Chi è titolare della rendita diretta può ottenere l’assegno di incollocabilità se rientra in questi requisiti:

Assegno di incollocabilità: erogazione

L’assegno di incollocabilità Inail viene erogato ogni mese insieme alla rendita:

Assegno di incollocabilità: domanda

Il titolare della rendita vitalizia che rientra nei requisiti per accedere al beneficio dell’assegno di incollocabilità può inoltrare la domanda alla sede territorialmente competente dell’Inail:

La domanda deve comprendere:

Assegno di incollocabilità: accertamento medico

Il Centro medico legale dell’Inail, dopo l’accertamento dei requisiti amministrativi, provvederà poi a verificare quelli sanitari.

Dopo la visita di accertamento della capacità globale, se si verifica una chiara situazione che rende impossibile o inopportuno il collocamento dell’assistito in qualsiasi attività lavorativa, l’ufficio Inail acquisirà dal Centro per l’Impiego competente, la certificazione di incollocabilità dell’assicurato e l’avvio dell’iter amministrativo per l’assegno.

Assegno di incollocabilità: malattie professionali

Vi ricordiamo, in conclusione, che una patologia per essere definita professionale deve avere un nesso causale diretto tra il rischio professionale e la malattia.

Il più alto numero di malattie professionali si registrano nei settori dell’edilizia e dell’agricoltura, o dove i lavoratori entrano in contatto con agenti cancerogeni i cui effetti sono visibili sono dopo decenni.

Altri fattori di rischio sono legati alla organizzazione del lavoro:

Esistono poi rischi legati prevalentemente al lavoro d’ufficio. Sono scarsi per gravità, ma importanti per il numero di casi registrati:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1