Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Assegno di invalidità e reddito da lavoro sono cumulabili

Assegno di invalidità e reddito da lavoro sono cumulabili

Assegno di invalidità e reddito da lavoro sono cumulabili: sarà consentito dopo l'approvazione di un emendamento al decreto legge fiscale.

di The Wam

Dicembre 2021

Assegno di invalidità e reddito da lavoro sono cumulabili: l’emendamento correttivo al decreto legge fiscale è passato in Commissione Finanze del Senato il 30 novembre. Sarà quindi possibile cumulare l’assegno di invalidità (287 euro mensili), che viene concesso agli invalidi civili parziali (percentuale di invalidità tra il 74 e il 99%) con il reddito da lavoro. Ma fino a un massimo di 4.931 euro l’anno.

Assegno di invalidità e reddito da lavoro sono cumulabili: nonostante la Cassazione

La discussa circolare dell’Inps (messaggio numero 3495), quella che stabiliva che chi riceve l’assegno di invalidità non può prestare alcuna attività lavorativa, era stata emessa dopo due sentenze della Corte di Cassazione. L’Alta Corte stabiliva, in pratica, che «lo svolgimento dell’attività lavorativa a prescindere dal reddito dichiarato preclude il diritto al beneficio».

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Quella sentenza è stara resa operativa dall’Inps il 14 ottobre scorso. Innescando la comprensibile e decisa proteste delle organizzazioni a difesa dei diritti delle persone con disabilità.

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Assegno di invalidità e reddito da lavoro sono cumulabili: sanata una discriminazione

Che la decisione fosse ingiusta, penalizzante e discriminatoria c’era pochi dubbi.

Si pretendeva che un disabile parziale potesse vivere con 287 euro al mese, senza avere la possibilità di svolgere una qualsiasi attività lavorativa.

Assegno di invalidità e reddito da lavoro sono cumulabili: buon segnale per l’inclusione

Molto soddisfatto il ministro del Lavoro, Andrea Orlando, che sulla sua pagina Facebook ha scritto: «Manteniamo la promessa fatta e famiglie e associazioni che lottano per l’inclusione».

Per il presidente dell’associazione Fand «mai nulla di tanto imbarazzante e discriminatorio era stato fatto dai danni di una categoria di lavoratori poveri e disabili, di per sé già emarginati nel contesto sociale e professionale».

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Assegno di invalidità: la sospensione dell’Inps

Le due sentenze della Cassazione avevano “costretto” l’Inps a sospendere l’erogazione dell’assegno di invalidità a migliaia di disabili con redditi da lavoro.

L’emendamento (sostenuto dal Pd e dal Movimento 5 Stelle) specifica che «il requisito di inattività lavorativa è soddisfatto qualora l’invalido parziale svolga attività il cui reddito risulti inferiore a determinati limiti». Appunto, 4931 euro l’anno.

Assegno di invalidità: chi ne ha diritto

L’assegno di invalidità (tecnicamente: assegno mensile agli invalidi civile, da non confondere con l’assegno ordinario di invalidità), è una prestazione economica (a richiesta), che viene riconosciuta quando la riduzione della capacità lavorativa oscilla dal 74 al 99%. E viene concessa se si rientra entro determinati limiti di reddito.

L’assegno di invalidità viene concesso a cittadini che hanno tra i 18 e i 67 anni di età.

L’assegno mensile viene versato per 13 mensilità a partire dal primo giorno successivo alla presentazione della comanda.

Assegno di invalidità: importi e limiti

Per il 2021, questi sono stati gli importi e i limiti:

importo mensile dell’assegno di invalidità: 287,09 euro;

limite di reddito personale per avere diritto all’assegno di invalidità civile: 4.931,29 euro.

In condizioni particolari di reddito, l’importo dell’assegno di invalidità civile può essere incrementato su base mensile con la cosiddetta maggiorazione sociale.

Assegno di invalidità: i requisiti

Come detto l’assegno viene versato fino al compimento dei 67 anni di età, subito dopo l’assegno mensile di invalidità civile (o di assistenza), si trasforma in assegno sociale sostitutivo (la vecchia pensione sociale).

L’assegno sociale di invalidità civile può essere richiesto quando si è in possesso di questi requisiti:

Verrà dunque escluso dai requisiti il “mancato svolgimento dell’attività lavorativa”.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp