Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Assegno di invalidità, dopo quanto tempo c’è la revoca

Assegno di invalidità, dopo quanto tempo c’è la revoca

Assegno di invalidità, dopo quanto c'è la revoca e scatta quindi la restituzione degli importi già erogati?

di The Wam

Agosto 2022

Assegno di invalidità, dopo quanto tempo c’è la revoca: ovvero quando scatta la decorrenza per la restituzione degli importi ricevuti? (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Leggi le ultime novità sui prossimi pagamenti della pensione di invalidità di settembre, sull’esclusione degli invalidi dall’aumento delle pensioni a ottobre e sullo sconto relativo alle bollette per anziani e invalidi civili.

Indice

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro e informati sui diritti delle persone invalide e la Legge 104

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Molto spesso gli assistiti si sono ritrovati a restituire somme importanti all’Inps perché tra la revoca della prestazione assistenziale (per il venire meno dei requisiti sanitari) e l’effettiva sospensione del versamento degli importi è trascorso un determinato periodo di tempo.

Quello che ci chiediamo in questo articolo è quando si perde in concreto il diritto al trattamento e quindi da quando bisogna calcolare gli importi accreditati dall’Inps nel caso l’istituto non sospenda l’erogazione del trattamento.

Su questo tema potrebbe interessarti sapere cosa succede se l’Inps sbaglia il conteggio, o se l’assegno di invalidità è cumulabile con la rendita Inail. Ma anche a chi spetta l’integrazione al minimo dell’assegno di invalidità.

Assegno di invalidità: requisiti

Ricordiamo quali sono i requisiti fondamentali per avere diritto a una assegno agli invalidi civili:

Scopri la pagina dedicata alla pensione di invalidità e le agevolazioni collegate.

Si ha diritto a questo trattamento anche se si sta svolgendo una attività lavorativa. Ma il reddito non deve superare la cifra che è stata stabilita nei requisiti.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Assegno di invalidità: importo

L’importo attuale (anche questo si aggiorna di anno in anno, collegato al tasso di inflazione) è di 291,98 euro al mese (per 13 mensilità).

L’Inps lo eroga dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda. Dopo i 67 anni, quando si è raggiunto il requisito anagrafico per la pensione di vecchiaia, l’assegno di invalidità diventa assegno sociale (468,11 euro per il 2022).

Assegno di invalidità: requisito sanitario

Ovviamente il diritto a ricevere questa prestazione assistenziale scatta solo dopo aver superato la visita della Commissione medico legale che accerta i requisiti sanitari. Ovvero indica la percentuale di riduzione della capacità lavorativa della persona con disabilità. Se la percentuale è pari o superiore al 74% si può presentare la domanda all’Inps per ricevere l’assegno di invalidità.

Assegno di invalidità: requisito socioeconomico

Ma oltre al requisito sanitario, come abbiamo visto, è fondamentale anche quello socioeconomico (la misura è indirizzata a persone con disabilità che si trovano in difficoltà economica).

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Per questo motivo, nell’istanza, la persona interessata dovrà fornire anche queste informazioni:

Assegno di invalidità: domanda

La domanda per ottenere l’assegno di invalidità può essere presentata in due modi:

Assegno di invalidità: quando c’è la revoca

Ma veniamo al dunque. Per quali motivi può essere revocata l’erogazione dell’assegno di invalidità. La risposta è semplice: quando viene meno anche uno solo dei requisiti richiesti per averne diritto.

E quindi:

Assegno di invalidità: dopo la visita

Ed è proprio su questo terzo caso che ci soffermiamo, quando dal verbale della visita di revisione viene stabilito che la persona con invalidità non ha più i requisiti necessari per avere diritto all’assegno assistenziale: da quando bisogna calcolare la revoca della misura?

La legge è piuttosto chiara in proposito: dal giorno della consegna del verbale all’assistito l’erogazione dell’importo non è più dovuta.

Il che significa che se si continua a ricevere l’accreditamento dell’assegno di invalidità i soldi devono essere tutti restituiti a partire da quando si è ricevuto l’esito del verbale e cioè da quando l’assistito è venuto a conoscenza della perdita del requisito sanitario.

Assegno di invalidità: conclusione

Questa procedura è valida per tutti gli altri trattamenti assistenziali erogati dall’Inps a favore di persone con disabilità.

La cosa importante da ricordare è questa: il verbale che attesta la perdita dei requisiti sanitari è di per sé una documentazione ritenuta già sufficiente, non ci sarebbe quindi bisogno di nessun’altra comunicazione. Per questo la richiesta di restituzione degli importi da parte dell’Inps, dopo che la persona interessata è stata informata, può ritenersi legittima.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1