Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni » Previdenza e Invalidità / Assegno di vedovanza: dopo quanto tempo viene pagato

Assegno di vedovanza: dopo quanto tempo viene pagato

Tempi di erogazione per l’assegno di vedovanza: a chi spetta, quali sono gli importi e quando arriva il primo assegno? Ne parliamo in questo articolo.

di Carmine Roca

Maggio 2024

Quali sono i tempi di erogazione per l’assegno di vedovanza? Ne parliamo in questo articolo (scopri le ultime notizie sulle pensioni e su Invalidità e Legge 104. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Cos’è l’assegno di vedovanza?

L’assegno di vedovanza è quel contributo economico che va a integrare l’importo della pensione di reversibilità, nel caso in cui a ricevere la prestazione ai superstiti è una vedova inabile al lavoro o titolare di indennità di accompagnamento.

Dunque, l’assegno di vedovanza ha l’obiettivo di aiutare economicamente chi, oltre ad aver perso il coniuge titolare di pensione, si trova in difficili condizioni di salute.

A chi spetta l’assegno di vedovanza?

Per poterne beneficiare è necessario:

Sono esclusi dal diritto al trattamento i titolari di pensione di reversibilità a carico di una gestione speciale dei lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, coloni e mezzadri).

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Quando va richiesto l’assegno di vedovanza?

L’assegno di vedovanza deve essere richiesto nel momento in cui si inoltra la domanda per la pensione di reversibilità o, se necessario, una volta presentata la domanda di ricostituzione della pensione.

Per ricevere l’assegno di vedovanza è necessario presentare i seguenti documenti e le seguenti informazioni:

Quali sono i tempi di erogazione per l’assegno di vedovanza?

Ma quali sono le tempistiche per l’erogazione del primo assegno di vedovanza?

Purtroppo le tempistiche non sono definite. Tra il tempo impiegato per l’accoglimento della domanda e l’erogazione del primo assegno di vedovanza possono trascorrere anche un paio di mesi.

Ricordiamo, però, che l’assegno di vedovanza è retroattivo di 5 anni: significa che, quando l’INPS avrà accolto la domanda per la prestazione, il richiedente potrà ricevere anche gli arretrati degli ultimi 5 anni.

A quanto ammonta l’importo dell’assegno di vedovanza?

Per quanto riguarda l’importo dell’assegno di vedovanza, per il 2024, questo dipende dal reddito prodotto dal richiedente.

Con un reddito non superiore a 31.569,47 euro spetta un assegno di 52,91 euro al mese.

Se il reddito è compreso tra 31.569,47 euro e 35.413,24 euro, l’assegno di vedovanza avrà un importo mensile di 19,59 euro.

Oltre i 35.413,24 euro di reddito non spetta alcun assegno sulla pensione di reversibilità.

Quali redditi considerare per l’assegno di vedovanza?

Ai fini del calcolo del reddito personale vengono considerati tutti i redditi imponibili ai fini IRPEF del titolare della pensione di reversibilità.

Vengono inclusi pure i redditi di qualsiasi natura in cui sono compresi quelli esenti dalle imposte e quelli soggetti a ritenute alla fonte se superiori a 1.032,91 euro.

Sono esclusi i redditi derivanti da:

Tempi di erogazione per l’assegno di vedovanza
Tempi di erogazione per l’assegno di vedovanza: in foto una vedova anziana.

Faq su reversibilità e assegno di vedovanza

Gli eredi hanno diritto all’assegno di vedovanza?

Se il vedovo è deceduto senza aver percepito l’assegno di vedovanza pur avendone diritto, gli eredi possono fare domanda per la sua fruizione per il periodo di spettanza dell’emolumento non goduto da parte del defunto.

Come va presentata la domanda per la pensione di reversibilità?

È possibile presentare domanda di reversibilità all’INPS in questo modo:

Quali documenti allegare alla domanda per la pensione di reversibilità?

Alla domanda per la pensione di reversibilità vanno allegati diversi importanti documenti, quali:

Inoltre, se la domanda viene presentata dal coniuge separato con addebito, occorre allegare alla domanda anche la copia della sentenza di separazione legale.

Se la richiesta viene inoltrata dal coniuge divorziato, occorre allegare la copia della sentenza di divorzio, nel caso in cui c’è il coniuge superstite (qualora il pensionato abbia contratto nuovo matrimonio).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp