Assegno familiare per figli disabili: le maggiorazioni

Assegno familiare per figli disabili: vediamo quali sono le maggiorazioni previste dalla legge, come fare domanda e quali sono i requisiti necessari. La questione dell'accertamento obbligatorio e i ritardi per le visite causati dalla pandemia: cosa ha deciso l'Inps.

4' di lettura

L’assegno familiare per figli disabili prevedo delle maggiorazioni rispetto all’Anf (l’Assegno per nucleo familiare). Maggiorazioni che vengono riconosciute se in famiglia ci sono minorenni o maggiorenni inabili al lavoro.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

Vediamo meglio di cosa si tratta, quali sono i requisiti richiesti e come e a chi presentare la domanda. E come vedremo i tempi per la visita di accertamento (in particolare dopo la sospensione causata dalla pandemia).

Assegno familiare per figli disabili: requisiti

Partiamo dalla base. Gli assegni per il nucleo familiare vengono erogati dall’Inps in base a determinati requisiti a famiglie di lavoratori o pensionati. Requisiti che incidono anche sull’importo della prestazione economica.

L’entità dell’assegno familiare dipende:

  • dal numero di componenti del nucleo familiare;
  • dal reddito del nucleo familiare.

Da luglio 2021 e fino a marzo 2022, ci saranno degli aumenti per gli assegni familiari (ANF): 

  • 37,5 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari fino a due figli
  • 55 euro per ciascun figlio, per i nuclei familiari di almeno tre figli.

In questa pagina, invece, trovi le maggiorazioni previste per i figli con disabilità grazie all’assegno unico.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Assegno familiare per figli disabili: il reddito

Un breve riferimento al requisito del reddito. L’assegno familiare per figli disabili è una misura previdenziale a sostegno della famiglia. E quindi il reddito di riferimento è quello complessivo del nucleo familiare. Reddito prodotto l’anno precedente rispetto alla prestazione.

Vediamo cosa concorre a formare il reddito:

tutti i redditi di chi fa parte del nucleo familiare che sono soggetti all’Irpef;

i redditi di qualsiasi natura, compresi quelli esenti da imposte e quelli soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o a imposta sostitutiva se superiori a 1.032,91 euro.

Assegno familiare per figli disabili: redditi non conteggiati

Questi sono invece i redditi che non vengono conteggiati per il reddito complessivo del nucleo familiare:

  • Tfr (trattamento di fine rapporto) o eventuali anticipazioni;
  • rendite vitalizie erogate dall’Inail;
  • le indennità di accompagnamento;
  • sussidi per le famiglie;
  • le indennità di comunicazione per sordi;
  • le indennità speciali per ciechi;
  • gli indennizzi per danni irreversibili da vaccinazioni obbligatorie, trasfusioni e somministrazioni di emoderivati;
  • gli arretrati di cassa integrazione riferiti ad anni precedenti a quello di erogazioni;
  • le indennità di trasferta:
  • gli assegni di mantenimento.

Per le famiglia che hanno a carico più figli disabili il beneficio concesso sarà maggiore e sarà commisurato alla tipologia della disabilità.

Assegno familiare per figli disabili: accertamento Inps

Per accedere alle maggiorazioni previste per l’assegno familiare per figli disabili è necessario che la certificazione medica allegata alla domanda debba essere esaminata dall’Ufficio medico legale dell’Inps per valutare l’effettiva disabilità del minore o della persona maggiorenne.

Il riconoscimento del diritto ad avere la maggiorazione degli importi dell’assegno familiare per figli disabili è dunque vincolato al parere dell’Ufficio medico legale. La durata del beneficio non potrà superare la data di revisione che viene indicata nel verbale sanitario o dal responsabile sanitario di sede.

Solo se il minore è già stato valutato dall’Istituto non è più necessaria l’autorizzazione prima di presentare la domanda.

L’Inps ha fatto ricorso a questa revisione costante perché – come l’ente ha precisato nel messaggio numero 3604 del 4 ottobre 2019 – l’assenza di soglie minime per il riconoscimento della maggiorazione dell’assegno familiare figli disabili «comporta la possibilità di accedere al beneficio a una platea di soggetti molto più ampia», a prescindere dalla gravità dei singoli casi.

Questa «eccessiva variabilità» non avrebbe consentito all’Inps di valutare l’effettivo diritto agli assegni in misura maggiorata.

Assegno familiare per figli disabili: marcia indietro Inps (per pandemia)

Questa necessità di effettuare le visite di accertamento è però venuta meno in questi ultimi mesi a causa della pandemia. La sospensione delle visite ha provocato un intollerabile dilatarsi dei tempi di attesa per il rinnovo all’autorizzazione delle maggiorazioni per l’assegno familiare figli disabili.

Per questo motivo l’Inps è stata costretta a una parziale (e forse temporanea) marcia indietro, ha infatti previsto che «i minorati civili e le persone con handicap in possesso di verbali in cui sia prevista rivedibilità conservino tutti i diritti acquisti in materia di benefici, prestazioni e agevolazioni di qualsiasi natura».

«Il riconoscimento della maggiorazione degli importi – si legge nel messaggio Inps numero 754 del 22 febbraio 2021 – per l’assegno familiare figli disabili sarà accolta provvisoriamente, tra la data di scadenza del verbale rivedibile e il completamento dell’accertamento sanitario, in attesa dell’accertamento sanitario”.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie