Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi / Assegno nucleo familiare e quello dei Comuni: requisiti, news e domande

Assegno nucleo familiare e quello dei Comuni: requisiti, news e domande

Scopriamo le differenza fra l'assegno nucleo familiare (ANF) e quello gestito dai Comuni, destinati alle famiglie con basso ISEE.

di The Wam

Agosto 2020

Scopriamo le differenza fra l’assegno nucleo familiare (ANF) e quello gestito dai Comuni, destinati alle famiglie con basso ISEE. Modalità di domanda, requisiti e link utili: tutto quello che c’è da sapere per chiedere le misure di sostegno al reddito. Gli importi aggiornati e a chi spettano.

Segui questa pagina dove, ogni giorno, aggiorniamo tutti i bonus, le agevolazioni fiscali e le guide per famiglie, liberi professionisti e imprese.

Indice:

  1. Assegno ANF e quello gestito dai Comuni

  2. I requisiti

  3. Gli importi

  4. Come avere l’assegno ANF e quello dei Comuni

Assegno ANF e quello gestito dai Comuni

Assegno nucleo familiare dei comuni: è riconosciuto dai Comuni a chi ha almeno tre figli. Nel 2020 prevede 145 euro per tredici mesi, pagati dall’Inps attraverso gli enti comunali. Le famiglie che lo richiedono devono avere anche patrimoni e redditi limitati.

Assegno ANF (assegno nucleo familiare): è riconosciuto ai lavoratori dipendenti, pensionati e assimilati. E’ una misura di sostegno dell’Inps per famiglie che rispettano i parametri di Isee.

I Requisiti

ASSEGNO ANF:

Il 70% del reddito della famiglia deve venire da lavoro dipendente o assimilato.

Concorrono a formare il reddito complessivo (qui, se non siete pratici, fatevi aiutare da un Caf o un commercialista):

  1. i redditi da lavoro dipendete ed assimilati compresi quelli a tassazione separata come le retribuzione arretrate di anni precedenti,

  2. l’indennità sostitutiva di preavviso,

  3. le liberalità di fine rapporto;

  4. gli altri redditi di qualsiasi natura assoggettabili a IRPEF come quelli di pensione, di lavoro autonomo, d’impresa, di partecipazione, di capitale;

  5. reddito di terreni e fabbricati, incluso quello dell’abitazione principale e dei fabbricati assoggettati a IMU;

  6. eventuali redditi esenti da imposta o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo di imposta o a imposta sostitutiva, solo se complessivamente superiori a €1.032,91.

L’anno di riferimento dei redditi da dichiarare è quello precedente alla data di inizio del periodo annuale della domanda e si calcola da luglio anno in corso a giugno dell’anno successivo.

ASSEGNO GESTITO DAI COMUNI:


Gli importi

ASSEGNO ANF: In queste tabelle, che potete leggere CLICCANDO SU QUESTO LINK, viene spiegato come cambia l’importo dell’assegno.

ASSEGNI FAMILIARI DEI COMUNI: Sono previsti 145,14 euro mensili (circolare 25 febbraio 2020, n. 31). Il diritto all’assegno termina il 1° di gennaio dell’anno in cui non ci sono più i requisiti economici richiesti per avere l’assegno.

Come avere l’assegno Anf e quello dei Comuni

Qui la guida aggiornata al 2020 per l’assegno Anf

Qui la guida aggiornata per l’assegno familiare dai Comuni

Altri link utili:

  1. Tutti i bonus di sostegno al reddito

  2. Tutti i bonus per le famiglie con basso reddito

  3. Come pagare meno tasse: tutti i bonus

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp