Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Assegno sociale per casalinghe se il marito lavora?

Assegno sociale per casalinghe se il marito lavora?

Si ha diritto all'assegno sociale per casalinghe quando il coniuge lavora e ha un reddito? Lo vediamo insieme in questo articolo.

di The Wam

Aprile 2022

Si ha diritto all’assegno sociale per casalinghe quando il coniuge lavora e ha un reddito? Vediamolo insieme in questo articolo, provando a capire in quali circostanze si ha diritto alla misura di sostegno (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unicoLeggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Assegno sociale per casalinghe: come funziona

Le casalinghe che non hanno un contratto lavorativo e non percepiscono alcuna retribuzione, pur occupandosi della casa, rientrano nella categoria dei contribuenti “casalinghi“.

Per questi ultimi l’INPS mette a disposizione un fondo specifico e cui iscriversi e versare contributi a importo libero a fini pensionistici.

Inoltre, per chi non ha versato o non versa contributi è possibile ricorrere alla misura di sostegno economico dell’assegno sociale per casalinghe.

È possibile ottenerlo se sussistono i seguenti requisiti:

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Che succede se il coniuge lavora

Come abbiamo visto, quindi, l’assegno sociale per casalinghe è una misura correlata alla situazione reddituale, ma il reddito a cui far riferimento non è solo quello personale.

Viene quindi spontaneo chiedersi: che succede quando il coniuge ha un contratto professionale e percepisce una retribuzione?

Se la persona che vuole richiedere l’assegno sociale per casalinghe è sposata, ha diritto al contributo solo se il reddito di entrambi i coniugi risulta inferiore al doppio dell’assegno sociale, quindi circa 800 euro mensili.

Per esempio: se una casalinga non lavora, ma suo marito ha un reddito (da pensione o da lavoro), pari a 900 euro al mese, non avrà diritto all’assegno sociale.

Ti ricordiamo, in ogni caso, che puoi rivolgerti a un patronato i cui uffici potranno aiutarti a effettuare un calcolo completo e specifico della tua situazione reddituale e a trovare eventuali altri contributi di cui poter beneficiare.

Speriamo di aver fatto un po’ di chiarezza, ma se hai ancora dubbi su come funziona l’assegno sociale per casalinghe non esitare a scriverci su Instagram.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp