Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico / Assegno temporaneo: sbloccato il pagamento con Rdc terminato

Assegno temporaneo: sbloccato il pagamento con Rdc terminato

INPS ha sbloccato alcuni pagamenti dell'assegno temporaneo per chi ha terminato l'Rdc. Vediamo di chi si tratta.

di The Wam

Dicembre 2021

Finalmente iniziano a sbloccarsi i pagamenti dell’assegno temporaneo relativi a chi ha terminato il reddito di cittadinanza (Rdc). Nei prossimi giorni saranno comunicate anche le date. Vediamo di chi si tratta.

Nell’articolo vedremo:

INDICE

Pagamento assegno temporaneo: sbloccata la ricarica per l’Rdc terminato

In questi giorni si sta sbloccando il pagamento dell’assegno temporaneo per chi ha terminato i diciotto mesi del reddito di cittadinanza. Questi beneficiari, al momento della scadenza del sussidio, hanno dovuto fare domanda per l’assegno temporaneo.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

La norma prevede infatti che il contributo per i figli sia riconosciuto in automatico a chi riceve l’Rdc. Però, nel mese successivo a quello della scadenza del sussidio, è necessario fare richiesta per l’assegno temporaneo se non si vuole perdere quella mensilità del contributo.

Facciamo un esempio pratico. Chi ha ricevuto la prima volta il reddito di cittadinanza a giugno del 2020, lo vedrà scadere a dicembre del 2021. Questo significa che nel mese di gennaio del 2022 non riceverà l’Rdc, ma potrà intanto fare domanda di rinnovo. Per non perdere l’assegno temporaneo di gennaio, dovrà anche fare richiesta all’INPS per ricevere il contributo.

Se poi da febbraio, la richiesta di rinnovo del reddito di cittadinanza sarà accettata, verrà garantita in automatico anche l’integrazione dell’assegno temporaneo. Insomma, la domanda serve solo per il mese in cui non si riceve l’Rdc.

Importo assegno temporaneo su reddito di cittadinanza: esempi di calcolo

Ecco come calcolare l’importo dell’assegno temporaneo, con e senza Rdc:

Calcolo quota minori Rdc

Per calcolare la quota minori dell’Rdc usa la scala di equivalenza. Il numero cambia per ogni famiglia e tiene presente le persone inserite nel nucleo familiare e quanti maggiorenni o minorenni ci sono.

La prima persona in famiglia vale “1”, ogni maggiorenne ha valore “0,4” e ogni minorenne “0,2”.

Ecco un esempio di calcolo

Quello di seguito è un esempio realizzato con una famiglia di quattro persone, 2 genitori e due figli, ISEE di 6500mila euro e reddito di cittadinanza mensile di 700 euro):

Requisiti assegno temporaneo: a chi spetta?

Il messaggio Inps n.2371 del 22 giugno 2021 elenca i requisiti per richiedere il contributo per i figli a carico:

    1. essere cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea, o suo familiare, titolare del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, ovvero cittadino di uno Stato non appartenente all’Unione europea in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o del permesso di soggiorno per motivi di lavoro o di ricerca di durata almeno semestrale;
    2. essere soggetto al pagamento dell’imposta sul reddito (IRPEF) in Italia;
    3. essere residente e domiciliato in Italia con i figli a carico fino al compimento del diciottesimo anno d’età;
    4. essere residente in Italia da almeno due anni, anche non continuativi, ovvero essere titolare di un contratto di lavoro a tempo indeterminato o a tempo determinato di durata almeno semestrale;
    5. Avere un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) in corso di validità inferiore a 50mila euro
    assegno temporaneo pagamento rdc terminato date

    Se hai delle domande sul pagamento dell’assegno temporaneo in arrivo oggi, scrivici su Instagram.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp