Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico » Bonus e Incentivi / Assegno Unico dal 14 febbraio: ecco per chi

Assegno Unico dal 14 febbraio: ecco per chi

Il pagamento dell’Assegno Unico dal 14 febbraio 2023 è rivolto a chi attende gli arretrati. Scopri tutti i dettagli.

di Chiara Del Monaco

Febbraio 2023

In questo approfondimento vediamo a chi arriverà l’Assegno Unico dal 14 febbraio 2023 e quali sono le ultime novità sui pagamenti (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Sono iniziate le lavorazioni dei primi pagamenti di febbraio per chi ha diritto all’Assegno Unico Universale. In particolare, si tratta degli arretrati del mese scorso destinati ad alcune famiglie.

L’accredito dell’Assegno Unico dal 14 febbraio 2023, ossia il prossimo martedì, è rivolto alle persone che per qualche motivo non hanno ricevuto il pagamento dei mesi scorsi e che non ricevono il Reddito di cittadinanza.

Nei prossimi paragrafi spieghiamo nel dettaglio a chi spetta questo accredito, come controllare la data precisa e quali sono le ultime novità sui pagamenti del contributo per famiglie.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Ricordiamo che le date di accredito cambiano da persona a persona e vanno controllate periodicamente sul fascicolo previdenziale del cittadino, area riservata del sito INPS, accessibile tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

Indice

Assegno Unico dal 14 febbraio 2023: a chi arriverà

Il mese di febbraio è iniziato da pochi giorni e proprio di recente sono cominciate anche le prime lavorazioni per l’Assegno Unico. In particolare, è in arrivo un pagamento dell’Assegno Unico dal 14 febbraio 2023. Ma a chi spetta?

Le famiglie che potrebbero ricevere un accredito dell’Assegno Universale dalla prossima settimana non percepiscono il Reddito di cittadinanza e vedono questa disposizione di pagamento sul fascicolo previdenziale del cittadino.

Nello specifico, il pagamento è destinato a chi aspetta la mensilità arretrata di gennaio 2023. Un’altra ipotesi, inoltre, è che l’accredito sia riferito ai conguagli, in quanto da marzo 2023 cominceranno le nuove elaborazioni dell’Assegno Unico, con tutte le novità della legge di bilancio.

Invece, per gli arretrati destinati ai percettori di Rdc, bisogna aspettare ancora qualche giorno. Generalmente, i pagamenti arrivano dopo la ricarica di metà mese del Reddito di cittadinanza.

Per sapere se anche tu riceverai l’Assegno Unico dal 14 febbraio 2023, ti consigliamo di monitorare il fascicolo previdenziale del cittadino, una sezione specifica del sito INPS di cui ti parleremo meglio nel prossimo paragrafo.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Nel video di seguito, elenchiamo tutti i pagamenti INPS previsti a febbraio 2023.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Assegno Unico dal 14 febbraio 2023: come controllare il pagamento

Nel paragrafo precedente abbiamo spiegato che il pagamento dell’Assegno Unico dal 14 febbraio 2023 riguarda i beneficiari che hanno fatto domanda del contributo per famiglie e non ricevono il Reddito di cittadinanza. Inoltre, questo accredito fa riferimento alla mensilità arretrata di gennaio 2023.

Quella dal 14 febbraio non è l’unica data prevista finora: infatti, anche il 10 febbraio 2023 dovrebbe arrivare l’arretrato di gennaio per chi non lo ha ricevuto.

Visto che le date cambiano da persona a persona e nei prossimi giorni ne usciranno sicuramente altre, potrebbe essere utile capire come si controllano le disposizioni di pagamento dell’Assegno Unico.

Il modo più veloce ed efficace è sicuramente il fascicolo previdenziale del cittadino, una sezione dell’area riservata dell’INPS, alla quale si può accedere solo tramite le credenziali digitali SPID, CIE o CNS.

Una volta autenticati con l’identità digitale, è necessario scrivere nella barra di ricerca “fascicolo previdenziale del cittadino” ed entrare nella pagina dedicata. A questo punto, si deve cliccare sul menu in alto alla pagina e selezionare la voce Prestazioni e poi quella Pagamenti. Da qui, bisogna selezionare l’anno di riferimento, quindi 2023, e la prestazione di interesse, cioè l’Assegno Unico.

In questo modo, è possibile consultare tutti i dettagli sui prossimi pagamenti dell’Assegno Unico, dall’importo al mese di riferimento.

Altrimenti, chi preferisce seguire una procedura più tradizionale, senza l’utilizzo del computer, può affidarsi a un CAF (Centro di Assistenza Fiscale) o telefonare al Contact Center Multicanale dell’INPS ai numeri 803 164 (da rete fissa gratuitamente) oppure 06 164 164 (da rete mobile a pagamento).

Leggi le tabelle con tutti gli importi dell’assegno unico, controlla se ti stanno pagando tutte le maggiorazioni dell’assegno universale, vedi come funziona per chi è disoccupato e come cambiano le cifre dell’assegno unico con i figli con disabilità.

Assegno Unico dal 14 febbraio 2023: nella foto un calendario con la data del 14 febbraio segnata in rosso.

Assegno Unico dal 14 febbraio 2023: ultime novità sui pagamenti

Finora abbiamo scoperto che sono in arrivo due pagamenti degli arretrati dell’Assegno Universale, e cioè dal 10 e dal 14 febbraio 2023. Scopri anche gli altri pagamenti INPS di febbraio 2023.

Come anticipato nei paragrafi precedenti, le date non sono uguali per tutti e per questo è sempre consigliabile monitorare le disposizioni di accredito di ciascun beneficiario.

Inoltre, nei prossimi giorni si attendono anche altri aggiornamenti da parte dell’INPS sia per quanto riguarda altre date degli arretrati sia per quanto riguarda la mensilità di febbraio. In particolare, in base alle tempistiche dei mesi scorsi, gli accrediti dovrebbero seguire questo ordine:

Queste finestre temporali riguardano i cittadini che hanno fatto domanda tramite il sito dell’INPS. Invece, le famiglie che ricevono l’integrazione dell’Assegno Unico sulla carta Rdc seguono tempistiche differenti.

Nello specifico, dopo la ricarica di metà mese del Reddito di cittadinanza (dal 16 febbraio 2023) si attendono gli arretrati dell’Assegno Unico riferiti ai mesi precedenti a gennaio 2023. Ricordiamo che l’accredito dell’Assegno su Rdc fa sempre riferimento al mese precedente.

Infatti, dopo la ricarica ordinaria del Reddito di cittadinanza (quindi dal 28 febbraio 2023) si attende il pagamento della mensilità riferita a gennaio 2023.

Inoltre, il mese di febbraio è importante per alcune famiglie in particolare, e cioè coloro che hanno inoltrato il modulo Rdc Com Au all’INPS per integrare le informazioni sul proprio nucleo familiare. Proprio a fine mese, questi beneficiari hanno diritto al conguaglio per gli importi sbagliati erogati nei mesi scorsi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp