Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico / Assegno Unico, battaglia vinta! Aumento ai vedovi: requisiti

Assegno Unico, battaglia vinta! Aumento ai vedovi: requisiti

Assegno Unico e maggiorazione per genitori vedovi. Fino a qualche mese fa, la situazione delle famiglie monogenitoriali (vedovi e vedove) era davvero triste. Come aveva denunciato l'associazione Una Buona Idea, circa un milione di famiglie stava perdendo soldi sull'Assegno Unico. Ora, per fortuna, la situazione è cambiata in meglio. Scopri i dettagli nell'approfondimento.

di Imma Duni

Febbraio 2023

Assegno Unico e maggiorazione per genitori vedovi. Fino a qualche mese fa, la situazione delle famiglie monogenitoriali (vedovi e vedove) era davvero triste. Come aveva denunciato l’associazione Una Buona Idea, circa un milione di famiglie stava perdendo soldi sull’Assegno Unico. Ora, per fortuna, la situazione è cambiata in meglio. Scopri i dettagli nell’approfondimento. (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Assegno Unico e maggiorazione per genitori vedovi: quali sono le novità?

Fino a poco tempo fa le famiglie monogenitoriali a causa della morte di uno dei coniugi, perdevano anche i pochi soldi dovuti per la maggiorazione dell’Assegno Unico.

Come aveva denunciato l’associazione Una Buona Idea, circa un milione di famiglie italiane non hanno potuto usufruire di questo piccolo aumento dovuto all’inflazione. Una situazione incresciosa che necessitava di essere risolta, se non altro per una questione di civiltà.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

E così, per fortuna, è stato. Ci sono novità sull’Assegno Unico e la maggiorazione per genitori vedovi.

La maggiorazione dell’Assegno Unico, da adesso, spetta anche ai genitori vedovi, nell’anno della morte dell’altro genitore lavoratore. Lo chiarisce l’INPS nel messaggio numero 724 del 17 febbraio 2023. La somma sarà riconosciuta in automatico per tutte le istanze presentate dal primo gennaio 2022 in poi, senza necessità di presentare una domanda integrativa.

Ecco cosa dice il messaggio dell’INPS:

Nel caso in cui entrambi i genitori siano titolari di reddito da lavoro, è prevista una maggiorazione per ciascun figlio minore pari a 30 euro mensili. Tale importo spetta in misura piena per un ISEE pari o inferiore a 15.000 euro. Per livelli di ISEE superiori, esso si riduce gradualmente secondo gli importi indicati nella tabella 1, fino ad annullarsi in corrispondenza di un ISEE pari a 40.000 euro. Per livelli di ISEE superiori a 40.000 euro la maggiorazione non spetta“.

Ricapitolando, quindi, la maggiorazione dell’Assegno Unico varia in questo modo:

Fino a qualche giorno fa questa maggiorazione non spettava alle famiglie con un genitore vedovo.

I chiarimenti sono stati forniti dal messaggio INPS, numero 724/2023, che finalmente ha tenuto conto della maggiore fragilità dei nuclei con un genitore vedovo.

Da adesso in poi l’aumento sarà riconosciuto anche nei casi di genitori vedovi, se la morte dell’altro genitore lavoratore si è verificata nell’anno in cui è riconosciuto l’Assegno Unico.

Le stesse regole verranno applicate anche per le annualità future. Se la morte del genitore lavoratore avviene nel corso dell’annualità di fruizione dell’Assegno Unico, non fa venir meno la maggiorazione, che verrà riconosciuta fino alla nuova annualità.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Assegno Unico e maggiorazione per genitori vedovi: quali sono gli aumenti?

In un articolo dettagliato, avevamo già parlato di coloro che avrebbero ricevuto meno soldi sull’Assegno Unico.

L’INPS aveva iniziato a tagliare gli importi dell’assegno unico proprio a quelle famiglie che ne hanno più bisogno, ovvero quelle monogenitoriali.

Circa un milione di famiglie monogenitoriali in Italia ha subito un taglio anche di 54 euro sull’assegno unico.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Assegno Unico, battaglia vinta! Aumento ai vedovi_ requisiti
Assegno Unico, maggiorazione per vedovi: in foto una vedova al cimitero.

L’INPS all’epoca spiegò che questo stava accadendo perché la maggiorazione era dovuta solo se entrambi i genitori erano titolari di reddito di lavoro, con un ISEE familiare non superiore ai 15 mila euro annui.

Visto che era assurdo che venissero punite proprio le famiglie che hanno maggiore bisogno, il provvedimento è stato modificato e le famiglie monogenitoriali con un genitore vedovo, sono rientrate nell’aumento.

Ma di quali aumenti si tratta? Ecco una tabella che li descrive dettagliatamente:

 figlio minorennePer famiglie con 2 o più figli, da 1 a 3 anniFiglio da 18 a 21 anni a caricoFigli disabili maggiorenniFiglio minore dopo il secondoMaggiorazione per nucleo con entrambi genitori lavoratoriMaggiorazione famiglie con 4 o più figliMaggiorazione madre sotto i 21 anni
FasceImporti mensili in euro 
Da 0 a 15.000  da 175 euro a 196fino a 262,50 euroda 85,0 a 91,80 euro175,0 a 187 euro85,0 (+8%=91,80 euro)da 30 a 32,40 euroda 100 a 108 euroda 20 a 21,60 euro
Da 15.000 a 20.000da 159,5 a 173,85 eurofino a 225 euroda 77,6 a 90 euro159,5 a 172,26da 76,3 a 90 euroda 26,3 a 28,40 euroda 100 a 108 euroda 20 a 21,60 euro
Da 20.000 a 25.000 da 149,5 a 162,95fino a 187,50 euroda 72,8 a 78,62 euroda 149,5 a 161,46da 70,6 a 76,24 euroda 23,9 a 25,81 euroda 100 a 108 euroda 20 a 21,60 euro
Da 25.000 a 30.000da 139,5 a 152,05 eurofino a 150 euroda 68,0 a 114,24 euroda 139,5 a 150,66 euroda 65,1 a 70,30da 21,5 a 23,22 euroda 100 a 108 euroda 20 a 21,60 euro
Da 30.000 a 35.000da 129,5 a 141,12fino a 112,50 euroda 63,2 a 68,25 euroda 129,5 a 139,86 euroda 59,5 a 64,26 euroda 19,1 a 20,62 euroda 100 a 108 euroda 20 a 21,60 euro
Da 35.000 a 40.000da 74,5 a 81,20 eurofino a 75 euroda 36,8 a 39,74 euroda 74,5 a 80,46 euroda 25,9 a 27,97 euroda 5,9 a 6,37 euroda 100 a 108 euroda 20 a 21,60 euro
Oltre 40.000da 50 a 54,50 euro0da 25 a 27 euroda 50 a 54 euroda 15 a 16,2 euro 0da 100 a 108 euro
Tabella aumenti Assegno Unico

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Assegno Unico, battaglia vinta! Aumento ai vedovi_ requisiti
Assegno Unico, maggiorazione per vedovi: in foto una vedova al cimitero.

Assegno Unico e maggiorazione per genitori vedovi: come fare domanda

Secondo il sito dell’INPS e la comunicazione ufficiale data dall’ente previdenziale, si prevede che da marzo 2023 coloro che avranno fatto domanda di Assegno Unico da gennaio 2022 a febbraio 2023, beneficeranno dell’erogazione d’ufficio della prestazione da parte dell’INPS, senza dover presentare una nuova domanda.

Il rinnovo del documento ISEE, invece, è obbligatorio per stabilire la somma esatta dell’Assegno Unico spettante.

Potranno invece presentare la domanda coloro che non hanno mai fruito dell’Assegno unico e quanti hanno, prima del 28 febbraio 2023, trasmesso una domanda che non è stata accolta o che non è più attiva. Le domande possono essere presentate tramite:

Per quanto riguarda la decorrenza della prestazione si ricorda che – per le domande presentate entro il 30 giugno 2023 – l’Assegno unico è riconosciuto a decorrere dal mese di marzo del medesimo anno.

Tutti i dettagli li trovi in questo articolo.

Abbiamo così visto, nei dettagli, l’Assegno Unico e maggiorazione per genitori vedovi.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp