Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno Unico » Bonus e Incentivi » Contributi per famiglie / Assegno Unico ancora non pagato: quando viene sospeso

Assegno Unico ancora non pagato: quando viene sospeso

Ecco cosa fare se l'Assegno Unico viene sospeso e come verificare se l’INPS ha bloccato i pagamenti.

di Alda Moleti

Maggio 2023

Nell’articolo di oggi vedremo cosa fare se l’Assegno Unico viene sospeso e come verificare perché è successo (scopri le ultime notizie e poi Leggi su Telegram tutte le news sull’Assegno Unico. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Cosa fare se l’Assegno Unico viene sospeso: come verificare?

Se per qualche motivo non si ricevono gli importi spettanti di Assegno Unico è possibile che l’erogazione del beneficio sia stata sospesa da parte dell’INPS. In questo caso la prima cosa da fare è verificare se effettivamente è così.

Per farlo è necessario collegarsi al sito dell’INPS quindi effettuare una ricerca utilizzando la barra in alto con le parole “Assegno Unico”. Quando la voce appare tra i risultati è necessario cliccare su “Approfondisci” e poi su “Utilizza servizio” (per due volte di seguito).

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno Unico 2024. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

In seguito sarà necessario effettuare l’accesso all’area riservata con le proprie credenziali SPID, CIE (Carta d’Identità Elettronica) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi), poi si dovrà cliccare su “Consulta e gestisci le domande presentate”.

Qui, dopo aver inviato la domanda di Assegno Unico, si potrà visualizzare una di queste voci:

Aggiungiti al gruppo Telegram di news sull’Assegno Unico e i bonus per famiglia ed entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Cosa fare se l’Assegno Unico viene sospeso: quale può essere la causa?

Il beneficio dell’Assegno Unico può essere sospeso per varie motivazioni. In dettaglio può accadere per una di queste cause:

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=CKJI7Or8IEY&w=560&h=315]

Cosa fare se l’Assegno Unico viene sospeso: come risolvere il problema?

Nel caso in cui l’INPS sospenda l’erogazione dell’Assegno Unico, per una qualsiasi delle casistiche descritte nell’elenco del precedente paragrafo, eccetto l’ultima, cioè se una dei membri del nucleo è diventato percettore di Rdc, basta modificare la domanda.

Per farlo si deve sempre accedere alla pagina dell’Assegno Unico sul sito dell’INPS, quindi selezionare “Consulta e gestisci le domande presentate” e poi cliccare su “Modifica”. Le modifiche alla domanda possono riguardare tutti questi campi:

Maggiori informazioni sui campi da modificare sono contenute nel Messaggio INPS n. 1962 del 09-05-2022.

Per quanto riguarda la condizione di disabilità questa deve corrispondere a quanto dichiarato nell’ISEE. Quindi, se l’errore è nell’attestazione ISEE e non nella domanda, va compilata di nuovo la DSU per ottenere una nuova attestazione valida.

Cosa-fare-se-lAssegno-Unico-viene-sospeso-INPS
Il Messaggio INPS n. 1962 del 09-05-2022

Cosa fare se l’Assegno Unico viene sospeso perché si diventa percettori di Rdc?

Nel caso in cui l’Assegno Unico sia stato sospeso perché uno dei membri del nucleo è diventato percettore di Rdc la procedura è diversa. Ricordiamo infatti che i titolari di Rdc sono gli unici a non dover richiedere l’Assegno Unico, poiché questo viene erogato automaticamente dall’INPS, che versa gli importi sulla carta del Reddito di cittadinanza.

In questo caso però non c’è da preoccuparsi poiché tutto quello che bisogna fare è aspettare. Infatti non va modificata la domanda, ma sarà l’INPS che, in modo del tutto automatico, smetterà di versare l’Assegno Unico sull’IBAN selezionato e inizierà a corrispondere gli importi sulla carta Rdc.

A questo scopo ricordiamo che il calendario dei pagamenti dell’Assegno Unico è diverso per i percettori di Reddito di cittadinanza. Questi infatti ricevono gli importi a fine mese, dopo la regolare ricarica, ma le somme sono riferite al pagamento del mese precedente.

Ad ogni modo, è possibile verificare le disposizioni di pagamento dell’Assegno Unico accedendo al fascicolo previdenziale del cittadino. Per farlo basta collegarsi al sito dell’INPS e seguire le istruzioni che vi abbiamo fornito nel nostro articolo che spiega proprio come accedere al fascicolo previdenziale online.

Scopri la pagina dedicata all’Assegno unico per conoscere altri diritti e agevolazioni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno Unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp