L’Assegno unico cambia per pensioni, Naspi e maggiorenni

L'Assegno unico cambia per pensioni, Naspi e maggiorenni. Una panoramica sulle novità dell'Inps su domande e importi.

4' di lettura

Dopo i primi mesi di erogazione dell’Assegno unico l’Inps sta aggiustando il tiro e ha sentito la necessità di pubblicare un documento ufficiale per fare alcune precisazioni sulla gestione delle domande e sull’erogazione degli importi (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

I cinque casi pratici proposti dall’ente previdenziale nel recentissimo messaggio ufficiale incidono sull’Assegno unico percepito da genitori lavoratori, coppie separate, percettori di pensioni, di Naspi. Sono interessante anche famiglie dove ci sono (o ci saranno) figli maggiorenni.

In questo articolo spiegheremo in cosa cambierà l’approccio dell’Inps a questo tipo di domande e daremo le informazioni necessarie per non farsi trovare impreparati.

Assegno unico, maggiorazione per genitori lavoratori

Ai genitori che siano entrambi percettori di redditi da lavoro spetta una maggiorazione di 30 euro al mese per ogni figlio.

L’incremento spetta anche ai percettori di Naspi, Dis-Coll e pensione. Più nello specifico i redditi compatibili sono:

  • Redditi da lavoro dipendente (anche stagionale);
  • Redditi da pensione;
  • Redditi da lavoro autonomo;
  • Redditi d’impresa;
  • Redditi agrari;
  • Indennità di disoccupazione Naspi e Dis-Coll;
  • Redditi da lavoro estero ma a patto che la residenza fiscale sia in Italia.

Evidenziamo, infine, che la maggiorazione sull’Assegno unico non spetta se nucleo è composto da un solo genitore.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Trova lavoro: ecco le aziende che assumono in Italia. Scopri tutte le offerte aggiornate.

Assegno unico, separazione e responsabilità genitoriale

L’Assegno spetta al 100% al genitore che ha in via esclusiva la responsabilità genitoriale (stabilita dal giudice).

Lo stesso vale se il giudice, in seguito a separazione (di fatto, legale o divorzio), abbia disposto che a usufruire dei contributi pubblici debba essere un solo genitore.

In questi due casi al momento della domanda si dovrà selezionare l’erogazione dell’Assegno unico a un solo genitore.

In tutti gli altri casi si presuppone che la responsabilità genitoriale sia condivisa, per questo l’Assegno spetta in pari misura a entrambi i genitori.

In caso di genitori solo conviventi le cose cambiano ulteriormente.

Assegno unico, figli che diventano maggiorenni

Se un figlio diventa maggiorenne mentre si percepisce l’Assegno unico ci sono due strade che è possibile seguire:

  1. Il figlio maggiorenne, se rispetta i requisiti, può richiedere di ricevere l’assegno facendo una domanda autonoma;
  2. Se si decide di non destinare i soldi ai figli va fatta un’integrazione alla domanda, entro il 28 febbraio dell’anno successivo, per dichiarare che ci sono le condizioni per ricevere l’Assegno unico fino ai 21 anni. In questo caso sarà come fare una nuova domanda (compresa di istruttoria, attesa nei pagamenti e recupero di arretrati).

Assegno unico, figli non conviventi

L’Assegno spetta per i figli maggiorenni anche se non sono conviventi, ma a patto che siano a carico dei genitori.

In questo caso va dimostrato il requisito del «carico» e per farlo va dichiarato che due anni prima rispetto alla domanda (2020 in caso si faccia domanda quest’anno) il figlio non abbia percepito un reddito complessivo lordo maggiore di 4.000 euro.

Ricordiamo che, in caso di figli con disabilità, cade sia il requisito anagrafico che quello reddituale.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

L'Assegno unico cambia per pensioni, Naspi e maggiorenni
L’Assegno unico cambia per pensioni, Naspi e maggiorenni
Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie