Assicurazione contro i furti in casa, costi e cosa rimborsa

Assicurazione contro i furti in casa: analizziamo nei dettagli le polizze che ci tutelano in caso di irruzione dei ladri nelle nostre abitazioni. Quanto costano, cosa viene rimborsato, e quando invece la copertura viene esclusa. La polizza contro le truffe agli anziani.

6' di lettura

L’assicurazione contro i furti in casa ha avuto un incremento nell’ultimo anno del 5%. Una crescita consistente e che racconta in modo evidente i timori di tanti italiani e il desiderio di proteggersi, non solo con sistemi di sicurezza sempre più elaborati, ma anche per gli eventuali danni.

L’assicurazione contro i furti in casa ha diverse tipologie. In particolare sul massimale previsto per il rimborso. Ma sono esclusi anche alcuni beni, mentre per altri viene chiesta una garanzia accessoria, in particolare per quelli particolarmente preziosi.

Del resto è anche ovvio: se in casa hai un quadro di Picasso l’assicurazione contro i furti non può essere da 10 euro al mese.

In questo articolo valutiamo i dettagli dell’assicurazione contro i furti in casa. Anche per farci un’idea di quello che prevede, se conviene e quando conviene.

Di solito le assicurazioni contro i furti in casa sono inserite in un pacchetto che riguarda la copertura della casa nel suo insieme.

Assicurazione contro i furti in casa: il massimale

In genere vengono esclusi dalla copertura assicurativa, o meglio richiedono una garanzia aggiuntiva, i gioielli e i preziosi (in particolare quelli di maggior pregio). In alcuni casi questa garanzia aggiuntiva è richiesta anche per le opere d’arte (come per l’esempio del Picasso, ma in realtà basta anche un’opera di pregio molto inferiore) e i pezzi di antiquariato.

In linea di massima il costo di una assicurazione contro i furti in casa varia tra 2 e 8 euro al mese. Il massimale previsto in questi casi è di 5mila euro.

E per i gioielli e i preziosi in genere?

Beh, come detto in questi casi la polizza prevede delle garanzie accessorie. La copertura per gioielli e preziosi varia tra 1 e 3 euro al mese e il massimale è di 2mila euro.

Solo voi potete sapere se è necessaria la garanzia aggiuntiva e se il massimale previsto è adatto a coprire l’eventuale danno causato da una irruzione dei ladri.

Per questo motivo è importante che il massimale incluso dall’assicurazione contro i furti in casa sia coerente con il valore dei beni che intendete assicurare.

Se li stimate troppo farete lievitare il costo della polizza. In caso contrario la copertura non sarà adeguata a coprire il danno subito.

La protezione della casa

Nella valutazione dei costi per la stipula di una assicurazione contro i furti in casa hanno un peso anche determinate peculiarità dell’abitazione.

Ossia: se ci sono muri esterni, se le coperture sono antincendio, se il tetto è stato realizzato in un determinato modo, se eventuali lucernari hanno la protezione di inferriate e così via.

Per lo stesso motivo se l’abitazione da assicurare è ai piani bassi di un edificio, la compagnia prima della stipula della polizza verificherà l’altezza dal suolo di finestre o balconi, la resistenza di porte e serrature e la presenza di inferriate alle finestre.

Insomma la verifica della presenza di precisi requisiti tecnici.

È questo un aspetto essenziale. Il motivo? In caso di furto se l’assicurazione dovesse verificare che quando i ladri hanno fatto irruzione nel vostro appartamento non c’erano i minimi requisiti di protezione, potrebbe ridurre il rimborso o negarlo del tutto.

È chiaro invece che se l’abitazione è dotata di sistemi di allarme il premio mensile potrebbe essere ridotto.

È altrettanto chiaro che se subite un furto e quell’allarme non era in funzione la copertura dell’assicurazione potrebbe essere tagliata.

Rimborso? Ma solo in caso di effrazione

Ma se decidete di dotarvi per maggiore tranquillità di una assicurazione contro i furti in casa, dovete far attenzione anche ad altri dettagli, che come vedrete sono tutt’altro che secondari.

Partiamo da un presupposto: l’assicurazione contro i furti in casa copre il danno solo se ci sono dei segni di effrazione.

Cioè qualcuno ha forzato una porta o una finestra.

Se il reato viene facilitato dalla distrazione di uno dei componenti della famiglia che abita on quell’appartamento il rimborso potrebbe non arrivare mai. Ossia: se qualcuno si allontana lasciando finestre o porte aperte scordatevi il rimborso.

Ma non solo. Abbiamo già accennato a preziosi e gioielli. Il rimborso di questi beni è coperto dall’assicurazione ma solo se vengono custoditi in una cassaforte e se, in caso di furto, quella cassaforte è stata forzata.

In pratica se lasciate i gioielli sul tavolo o se la cassaforte resta aperta, niente rimborso.

E se perdete le chiavi di casa? Beh, dovete affrettarvi a fare la denuncia e cambiare la serratura. L’assicurazione contro i furti in casa in queste circostanze è valida, ma solo per un breve periodo di tempo.

Se il ladro è un familiare niente rimborso

Se a commettere il furto è un familiare (fino al terzo grado), non ci sarà alcun rimborso. Esclusa dalla copertura anche i furti commessi da persone terze che abitano con la persona assicurata.

Se il furto viene commesso da un domestico il danno materiale sarà coperto dall’assicurazione, ma a una condizione: il collaboratore deve essere regolarmente assunto. Altrimenti rimborso addio.

Assicurazione contro le truffe agli anziani

Il rimborso non c’è anche quando il ladro si introduce con l’inganno nell’abitazione, senza quindi la necessità di forzare alcunché. Siamo quindi più prossimi alla truffa che al furto. Ma, in questo caso, se l’assicurato ha più di 65 anni, la copertura è totale.

Se il furto avviene mentre il proprietario è in casa, l’assicurazione copre il 25%. Se il ladro si introduce forzando i sistemi di sicurezza, in quel caso la copertura del anno è completa.

Conclusione

Beh, come abbiamo visto i limiti imposti dall’assicurazione contro i furti in casa sono molto stringenti. Si rischia di essere assicurati e di non avere il rimborso per una lunga serie di motivi.

Può convenire se avete dei beni da proteggere e se anche cassaforte e sistemi di allarme non vi fanno dormire tranquilli.

Ci sembra interessante la polizza contro le truffe agli anziani, altro reato in forte e costante aumento.

Se vuoi essere aggiornato sulle news e i video di TheWam usa questi link:

WhatsApp

https://thewam.net/redirect-lavoro.html

Facebook

Pagina > https://www.facebook.com/thewam.net/

Bonus > https://www.facebook.com/groups/bonuslavorothewam/

Lavoro > https://www.facebook.com/groups/offertedilavoroeconcorsi/

Pensioni/Invalidità > https://www.facebook.com/groups/pensioninewsthewam/

Assegno Unico > https://www.facebook.com/groups/assegnounicofigli/

Serie TV e Cinema > https://www.facebook.com/groups/CinemaeSerieTvthewam/

YouTube

https://www.youtube.com/c/RedazioneTheWam

Telegram

https://t.me/bonuselavorothewam

Instagram

https://www.instagram.com/thewam_net

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie