Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Bonus e Incentivi » Lavoro / Assunzioni donne: i settori con più benefici

Assunzioni donne: i settori con più benefici

Assunzioni donne: i settori con più benefici, quelli dove è stato riconosciuto lo sgravio contributivo (fino al 100%), vediamo come funziona.

di The Wam

Dicembre 2021

Assunzioni donne: il governo ha individuato i settori dove gli sgravi contributivi saranno più consistenti per favorire l’occupazione in rosa. Un risparmio notevole per migliaia di datori di lavoro.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su Invalidità e Legge 104 ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su Whatsapp, Telegram, Facebook, Instagram e YouTube.

La misura del governo, proposta dal ministero del Lavoro, ha puntato soprattutto su quei settori dove maggiore è la disparità salariale tra uomo e donna (ovvero oltre il 25%).

Assunzioni donne: gli incentivi

Gli incentivi all’assunzione sono previsti dall’articolo 4, commi 8 e 11 della Legge 92/2012 per il 2022. E fino alla fine del prossimo anno (2022) gli sgravi per i contributi saranno del 100% .

La norma riguarda sia le assunzioni a tempo indeterminato sua le assunzioni a termine. Ma anche quelle che sono state trasformate in indeterminato dopo un periodo a tempo, ovvero le stabilizzazioni.

Potrebbero essere interessati a questo sgravio contributivo i datori di lavoro (imprese e professionisti), ma anche le cooperative di lavoro.

Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su invalidità e legge 104 da questo gruppo Telegram. Informati anche su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo whatsapp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook . Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale YouTube

Assunzioni donne: sgravi anche per il part time

Lo sgravio contributivo per l’assunzione di donne comprende anche i rapporti di lavoro part time o le assunzioni a scopo di somministrazione lavoro.

Non possono accedere a questa agevolazione i contratti di lavoro domestico (colf e badanti) e intermittente (ovvero a chiamata).

Assunzioni donne: a chi spetta

Ma vediamo a chi spetta questo sgravio contributivo:

Grazie a un regolamento della Commissione europea (numero 800 del 6 agosto 2008), possono beneficiare dell’incentivo anche le donne (di qualsiasi età e prive di un impiego da 6 mesi) che hanno professioni o competenze in settori economici dove la disparità occupazionale e di genere è accentuata.

Assunzioni donne: i settori con l’agevolazione

Ogni anno il governo dovrà individuare i settori dove la disparità occupazione e di genere è superiore del 25% alla disparità media uomo donna calcolata nel 2020.

Per il 2020 i settori che rientrano in questa soglia sono 9:

Assunzioni donne: professioni con l’agevolazione

Le professioni restano invece 21, come nel 2021:

Assunzioni donne: cosa prevede lo sgravio contributivo

Ma cosa prevede questo sgravio?

La riduzione del 50% dei contributi previdenziali a carico del datore di lavoro.

Per ogni assunzione avrà questa durata:

Per le assunzioni che sono state effettuate tra il primo gennaio del 2021 e il 31 dicembre 2022 lo sgravio è del 100% dei contributi per il datore di lavoro. Con un limite massimo di 6000 euro.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp