I vaccini AstraZeneca e Johnson e Johnson anche ai 50enni

I vaccini AstraZeneca e Johnson e Johnson anche ai 50enni, la valutazione spetta all'Aifa, ma la decisione è stata sollecitata dal commissario Figliuolo. La scelta è necessaria per non rallentare la campagna vaccinale. Gli studi dalla Gran Bretagna rassicurano che non ci sono problemi e lì sono state inoculate 21 milioni di dosi.

3' di lettura

I vaccini AstraZeneca e Johnson e Johnson saranno somministrati anche ai 50enni e non più solo agli over 60. L’agenzia di controllo del farmaco in Italia, l’Aifa, prepara il via libera e del resto l’Ema (l’ente regolatorio europeo) non ha mai posto un limite di età.

Il motivo è chiaro: se non si allarga la platea dei cittadini che possono ricevere questi due vaccini adenovirus la campagna vaccinale potrebbe subire un rallentamento notevole.

Terminata la vaccinazione degli over 60, resteranno nei depositi milioni di dosi del vaccino AstraZeneca e Johnson e Johnson inutilizzati.

Le dosi in Italia

In Italia ad oggi sono state distribuite 24,7 milioni di dosi (quelle somministrate sono ovviamente meno), di queste oltre 6,5 sono di AstraZeneca, 336mila di Johnson&Johnson.

Vacanze in mascherina, ma sarà un’estate migliore

Nel frattempo però si deve correre per mettere in sicurezza anche la fascia di età tra i 50 e i 60 anni. E se si vuole raggiungere l’80% di immunizzati entro la metà di settembre non si può perdere tempo.

L’Unione Europea fa causa ad AstraZeneca, ma ha già perso

Ricordiamo che il limite di età per l’uso di AstraZeneca e Johnson e Johnson era stato imposto dall’Aifa per dei rari casi di trombosi che sono stati più frequenti tra le persone con meno di 60 anni.

La decisione di Figliuolo

La decisione è stata in parte anticipata dallo stesso commissario Figluolo.

«AstraZeneca – ha dichiarato il generale che ha riorganizzato la campagna vaccinale italiana – è un vaccino consigliato per determinate classi, l’Ema dice che va bene per tutti. E probabile che in quella che si chiama rolling review, cioè la revisione dovuta all’esperienza durante le vaccinazioni di massa, si possa raccomandare AstraZeneca su una classe inferiore dei 60».

L’esempio inglese

Si stanno ora facendo le valutazioni con il Cts, l’Aifa, Consiglio Superiore della Sanità e l’Istituto Superiore della Sanità. La base sono gli studi più recenti effettuati in Gran Bretagna, dove sono state somministrate 21 milioni di dosi di vaccino AstraZeneca con un numero infinitesimale di effetti collaterali.

Variante indiana, casi in Italia. Allerta altissima

«Fare i vaccini – ha continuato Figliuolo – vuol dire salvarsi e se ci vacciniamo in fretta riapriamo anche lo sport. Presto vaccineremo gli atleti che devono partire per le Olimpiadi e anche questo è un segno dell’Italia che riparte».

Anche il ministro Speranza, qualche giorno fa, ha aperto all’uso per i 50enni di AstraZeneca e Johnson e Johnson. Al momento non è stata fissata ancora una riunione per la decisione ufficiale.

Qui trovi notizie sul covid, le vaccinazioni, le ordinanze e i decreti

Il Lazio ha già fatto sapere che aprirà la somministrazione dei due vaccini ai 50enni, ma per ora su base volontaria. Altre Regioni chiedono invece una decisione ufficiale da parte del commissario.

Per gli esperti la decisione di iniettare anche ai 50enni AstraZeneca e Johnson e Johnson è una scelta opportuna.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie