Del Gaudio confessa: ho massacrato la mia Brigida e non so perché

2' di lettura

Il gip ha convalidato l’arresto dell’atripaldese Roberto Del Gaudio, 65 anni, che domenica ha ucciso la moglie Brigida De Maio, di 64 anni. La donna è stata massacrata con trenta colpi al petto, inferti con una “sgorbia da falegname”. L’omicidio si è verificato a Torino, nell’appartamento della coppia, in Corso Orbassano. Il giudice per le indagini preliminari, Luca Fidelio, ha disposto per l’indagato la custodia cautelare in carcere.

Venite, ho ucciso Brigida

Subito dopo il feroce delitto, in un lago di sangue, Del Gaudio ha chiamato la polizia: “Ho colpito la mia Brigida con un oggetto appuntito, credo di averla uccisa”. Agli agenti intervenuti, e che lo hanno trovato accasciato su una sedia, tramortito dalla sua stessa inaudita violenza e ricoperto dal sangue della moglie, ha aggiunto: “Non ce la facevo più, assumo psico farmaci”.

Psicosi paranoide

Nel corso dei rilievi all’interno dell’abitazione, gli investigatori hanno trovato una serie di documenti che certificano lo stato di salute del 65enne atripaldese, da tempo in cura presso il dipartimento di salute mentale di Torino. La prognosi è di psicosi paranoide.

Nel corso dell’udienza di convalida dell’arresto, Roberto Del Gaudio ha ammesso di aver colpito ripetutamente la moglie con la sgorbia, senza un motivo: “Non so perché l’ho fatto, non c’è stata alcuna lite”.

Taciturno, riservato, ma gentile

Il 65enne originario di Atripalda era un uomo taciturno. Con gli altri condomini parlava poco. Si limitava a buongiorno e buonasera. Per i vicini era “eccessivamente riservato”. Ma era comunque un uomo tranquillo, gentile.

Nulla lasciava presagire la tragedia. Che si è verificata poco dopo le 14,30. Si è scagliato senza un perché contro la moglie, impugnando una limetta per modellismo. Ha infierito con brutalità sul suo corpo. Poi ha avvisato il 112.

Brigida, una bella donna. Molto riservata

Roberto Del Gaudio è un ferroviere in pensione. Da qualche tempo usciva poco. In casa hanno trovato di tutto: era diventato un accumulatore seriale. Forse un altro indizio della sua patologia. Passava il tempo a fare piccoli lavoretti tra le mura domestiche. Utilizzando tra l’altro anche lo strumento con il quale avrebbe poi ucciso sua moglie.

Nell’appartamento di Corso Orbassano 255, al settimo piano, abitava con la moglie da più di 40 anni. Brigida De Maio era infermiera. I vicini la descrivono come una bella donna, alta e magra. Anche lei, come suo marito, molto riservata.

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su Google | Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie