Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Fisco e tasse / Aumenta la Tari 2023, dove si paga di più

Aumenta la Tari 2023, dove si paga di più

Aumenta la Tari 2023, dove si paga di più in Italia dopo che i Comuni hanno deciso di far lievitare l’imposta.

di The Wam

Maggio 2023

Aumenta la Tari 2023, sono molti i Comuni che hanno deciso di incrementare l’imposta per la raccolta dei rifiuti. (scopri le ultime notizie sul fisco e sulle tasse e poi leggi su Telegram tutte le news sui pagamenti dell’Inps. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp e nel gruppo Facebook. Seguici anche su su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE

Ricevi tutte le news sempre aggiornate su bonus e lavoro.

Gli aumenti riguardano tutto il Paese, da Nord a Sud (ma nel Mezzogiorno la situazione è peggiore). I rincari non risparmiano molti piccoli centri. Da quest’anno i Comuni avranno nuovi obblighi, sono stati imposti da Arera. Sono chiamati infatti a garantire la regolarità, la continuità e la sicurezza del servizio.

Scopri la pagina dedicata al fisco e alle tasse.

Ma si chiede di migliorare anche la qualità, in particolare:

Questi nuovi obblighi avranno inciso sugli aumenti? È probabile, ma non solo.

Vediamo dove e di quanto sarà aumentata la Tari, non si tratta di un elenco completo, ma di esempi indicativi che forniscono un quadro di quello che può verificarsi su tutto il territorio nazionale.

A Napoli gli aumenti sono del 20 per cento. Un incremento dei costi notevole per le famiglie. Il rincaro sarà fissato sull’ultima rata, avrà quindi un impatto sui cittadini a partire dal 2024.

Le tariffe saliranno anche a Torino, Perugia, Padova e Ancona.

Aumenta la Tari 2023: Perugia

Nel capoluogo umbro la giunta ha deciso di aumentare la Tari del 4,2 per cento per le utenze domestiche e del 4,7 per cento per le utenze non domestiche.

L’incremento serve a compensare l’aumento del servizio, costerà 49,9 milioni rispetto ai 48,9 dell’anno precedente. Un milione in più.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Aumenta la Tari 2023: Torino

A Torino l’aumento della Tari sarà più contenuto, l’1,20 per cento. Mentre a Padova la giunta ha deliberato un incremento per il 2023 del 3,63 per cento per le utenze domestiche e del 2,89 per cento per quelle non domestiche.

Bisogna ricordare che a Padova il servizio è già cresciuto del 7 per cento nel 2022. Rispetto al 2021 c’è dunque un aumento che supera il 10 per cento per le famiglie.

Un aumento più lieve è stato invece deciso ad Ancona, la Tari sarà più cara dello 0,6 per cento rispetto al 2022.

Aumenta la Tari 2023: nel Sud

È nel Sud comunque che la Tari pesa di più a carico delle famiglie. Gli aumenti dovrebbero essere generalizzati. Ma non solo, nella classifica delle città più costose per la raccolta dei rifiuti, ben nove su dieci sono del Mezzogiorno.

Il motivo è semplice e paradossale: la raccolta dei rifiuti è più cara nei Comuni dove è meno efficiente, in pratica dove il ciclo integrato dei rifiuti non è stato completato.

Va meglio a Roma, una città che certo non si distingue per la qualità del servizio. Ma nella Capitale il prezzo della raccolta è stato diminuito del 6,5 per cento nel 2022 (per le utenze domestiche) grazie al recupero dell’evasione fiscale legato alla Tari. Senza quell’intervento il costo della Tari sarebbe lievitato inevitabilmente anche a Roma.

In calo il costo per le utenze domestiche anche a Milano (meno 3,6 per cento rispetto allo scorso anno).

Aumenta la Tari 2023: andamento

La tassa sui rifiuti è cresciuta in Italia del 6,7 per cento tra il 2017 e il 2021 (media nazionale).

Lo studio è stato effettuato dal Servizio lavoro coesione e territorio della Uil. Sono stati valutati i costi di tutti i capoluoghi di provincia.

La progressione dei costi è stata questa:

Queste sono le città risultate più costose nel 2021:

Nelle città metropolitane è andata così:

Aumenta la Tari 2023, dove si paga di più
Nella foto tre bidoni per la raccolta differenziata

Aumenta la Tari 2023: rateizzazione

Abbiamo accennato ai nuovi obblighi per i Comuni decisi d a Arera. Tra questi anche la possibilità di una maggiore rateizzazione per gli utenti, soprattutto in questi casi:

Questa ulteriore rateizzazione può essere applicata a queste categorie di contribuenti:

Tra gli obblighi dei Comuni c’è anche quello che prevede in caso di importi sbagliati o di reclami da parte dei cittadini, di fornire risposta entro 30 giorni lavorativi

Sarà invece di 60 giorni lavorativi il limite per la verifica del bollettino e la rettifica delle somme che sono state addebitate.

Se si accerta un addebito sbagliato il rimborso non deve avvenire oltre i 120 giorni.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sul fisco e sulle tasse:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp