Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Assegno di inclusione » Bonus e Incentivi / Aumenti Assegno Unico 2024: simulazione con tabella

Aumenti Assegno Unico 2024: simulazione con tabella

Quali sono gli aumenti dell'Assegno Unico 2024? Scopriamolo insieme.

di Alda Moleti

Febbraio 2024

In questo articolo parleremo degli aumenti dell’Assegno Unico 2024 e vedremo quali sono gli importi aggiornati (scopri le ultime notizie sull’Assegno Unico e sui bonus attivi in Italia. Leggile gratis su WhatsApp, Telegram e Facebook).

Quali sono gli aumenti dell’Assegno Unico 2024?

Nel 2024 l’Assegno Unico Universale per figli a carico beneficerà di un incremento significativo grazie alla rivalutazione annuale. In basso trovi tutti i nuovi importi.

SCARICA LA TABELLA CON TUTTI GLI IMPORTI DEL 2024 DELL’ASSEGNO UNICO

L’aumento degli importi base diventa infatti effettivo solo quando viene emanata una specifica circolare dell’INPS (aggiunta precedentemente), che fornisce tempistica e importi esatti e che non è ancora arrivata.

Acquista la nostra Guida Completa sull’Assegno di Inclusione 2024 con risposte a oltre 100 domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Le nostre tabelle forniscono una panoramica dell’aumento previsto per l’Assegno Unico a partire da gennaio 2024, considerando sia l’importo base che le maggiorazioni.

La rivalutazione avrà un impatto rilevante anche sulle soglie ISEE, su cui si calcola l’ammontare del beneficio, ma la maggiorazione forfettaria per le famiglie con almeno 4 figli a carico rimarrà invariata a 150 euro.

Entra nella community, informati e fai le tue domande su Youtube e Instagram.

Tabella degli importi dell’Assegno Unico 2024

La tabella qui sotto fornisce una simulazione di come dovrebbero aumentare gli importi minimi e massimi spettanti come Assegno Unico nel 2024.

PERCETTOREIMPORTO MINIMO 2023IMPORTO MINIMO 2024IMPORTO MASSIMO 2023IMPORTO MASSIMO 2024
Minore54,10 euro57,02 euro189,20 euro199,41 euro
Maggiorenne27 euro28,14 euro91,90 euro96,86 euro
Tabella con importi Assegno Unico 2024

Quali sono le maggiorazioni dell’Assegno Unico 2024

Per quanto riguarda le maggiorazioni dell’Assegno Unico, anche alcune di queste subiranno una rivalutazione rispetto all’anno scorso. In dettaglio queste sono le maggiorazioni 2024:

Tabella con importi delle le maggiorazioni dell’Assegno Unico 2024

La rivalutazione annuale dell’Assegno Unico Universale incide su diverse maggiorazioni, con l’eccezione della maggiorazione forfettaria di 150 euro. Quest’ultima, stabilita dalla legge di Bilancio 2023, rimane invariata e si applica specificamente alle famiglie numerose con almeno 4 figli a carico.

Per una panoramica dettagliata su come le maggiorazioni saranno influenzate dalla rivalutazione 2024, vi invitiamo a consultare le tabelle riportate di seguito.

MAGGIORAZIONEIMPORTO MINIMO 2023IMPORTO MINIMO 2024IMPORTO MASSIMO 2023IMPORTO MASSIMO 2024
Figli successivi al secondo16,20 euro17,07 euro91,90 euro96,86 euro
Entrambi i genitori con reddito16,20 euro17,07 euro32,40 euro34,14 euro
Mamma under 2121,60 euro22,76 euro21,60 euro22,76 euro
Tabella con importi Assegno Unico 2024: le maggiorazioni

Nel caso di minori under 21 con disabilità, le maggiorazioni previste per l’Assegno Unico sono superiori e sono le seguenti.

DISABILITÀIMPORTO 2023IMPORTO 2024
Non autosufficienza113,50 euro119.62 euro
Grave102,70 euro108,24 euro
Media91,90 euro96,86 euro
Tabella con importi Assegno Unico 2024: maggiorazioni per figli con disabilità

Simulazione degli importi dell’Assegno Unico 2024

Dopo aver esaminato la teoria, è ora di illustrare con un esempio pratico il processo per calcolare gli importi dell’Assegno Unico per il 2023.

Consideriamo una famiglia con tre figli di 6 mesi, 2 anni e 8 anni. L’ISEE familiare per il 2024 ammonta a 15.000 euro e all’interno del nucleo familiare c’è un solo genitore che lavora.

A questa famiglia nel 2024 spettano circa 199,41 euro mensili di Assegno Unico per ogni figlio minorenne, più diverse maggiorazioni.

Per il bambino di 6 mesi, che non ha ancora compiuto un anno, è prevista una maggiorazione del 50% sulla sua quota, che consiste in un extra di 99, 705 euro. Di conseguenza, la famiglia riceverà 299,115 euro mensili di Assegno Unico per il più piccolo.

Poiché la famiglia ha 3 figli a carico, un ISEE inferiore ai 40.000 euro e il secondo figlio ha meno di 3 anni, si applica un’altra maggiorazione. Anche per il secondo figlio è previsto il 50% in più sulla sua quota, raggiungendo quindi 299,115 euro totali.

Sommando gli importi per i due figli minori, otteniamo 598,23 euro al mese. A questa cifra si aggiunge l’importo per il bambino di 8 anni, pari a 199,41 euro, portando il totale mensile dell’Assegno Unico a 797, 64 euro.

Inoltre, la famiglia ha diritto a una maggiorazione per chi ha più di due figli. Considerando l’ISEE, questa maggiorazione dovrebbe ammontare nel 2024 a circa 96,86 euro mensili.

In conclusione, considerando tutte le maggiorazioni applicabili, la famiglia presa ad esempio riceverà dall’INPS un totale di 894,5 euro di Assegno Unico al mese.

Aumenti-dellAssegno-Unico-2024-simulatore
Il risultato della simulazione degli importi dell’Assegno Unico.

FAQ: Domande frequenti sull’Assegno Unico

Quale IBAN va indicato quando si compila la domanda per l’Assegno Unico?

L’IBAN da indicare deve essere per forza intestato al richiedente dell’Assegno Unico. Nel caso di conto corrente cointestato, il richiedente deve essere uno degli intestatari. Inoltre, si deve fare attenzione al fatto che codice fiscale e nome/cognome del richiedente, indicati nella domanda, corrispondano a quelli registrati dalla banca e associati all’IBAN.

Nel caso la prestazione sia divisa tra i genitori e ognuno riceva il 50% dell’importo, si possono indicare due diversi IBAN. Anche in questo caso però gli IBAN devono corrispondere ad un conto (o una carta) intestato ai rispettivi titolari dell’Assegno Unico, cioè uno a un genitore e uno all’altro.

Solo se si presenta domanda di Assegno Unico in qualità di tutore è possibile indicare un IBAN diverso da quello del richiedente e usarne uno intestato al soggetto tutelato.

Come viene pagato l’Assegno Unico?

L’Assegno Unico può essere pagato su:

Solo i titolari di Reddito di cittadinanza non devono richiedere l’Assegno Unico. Se ne hanno diritto per loro la prestazione scatta in automatico e ricevono il pagamento sulla carta del Rdc.

Se a richiedere l’Assegno Unico è un figlio maggiorenne come avviene il pagamento?

Sempre nelle modalità indicate nella FAQ precedente. L’IBAN però deve per forza essere intestato o cointestato al figlio maggiorenne che richiede l’Assegno Unico.

Se il figlio diventa maggiorenne o supera i 21 anni nel mese di competenza, il mese viene pagato?

Si! Ad esempio, se un figlio compie 22 anni il 1° agosto 2023 e non si ha più diritto all’Assegno Unico per lui, la mensilità di agosto sarà comunque regolarmente pagata.

Quando richiedere l’Assegno Unico per ottenere gli arretrati?

L’Assegno Unico spetta dal mese successivo a quello della presentazione della domanda. Ad esempio, richiedendo l’Assegno Unico ad agosto, la prestazione spetta dal mese di settembre.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sull’Assegno unico:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp