Aumenti pensione, quanto cresce a gennaio? Prime cifre

Aumenti pensione: di quanto crescono gli importi a gennaio 2023? Ecco le prime cifre ufficiali.

5' di lettura

Aumenti pensione, quanto cresce a gennaio? Ecco le prime cifre (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Scopri di quanto aumenteranno le pensioni già a partire da ottobre e quali sono i trattamenti pensionistici che beneficeranno dell’aumento.

INDICE:

Aumenti pensione a ottobre: di quanto?

Aumenti pensione in arrivo a ottobre, per effetto della rivalutazione anticipata del 2% decisa dal Governo per fare fronte all’aumento del costo della vita.

La perequazione prevista, come ogni anno, dal 1° gennaio 2023 verrà in parte anticipata al 1° ottobre 2022 per contrastare l’inflazione e mettere al riparo il potere d’acquisto delle pensioni.

Nei cedolini di ottobre, novembre e dicembre, i pensionati italiani riceveranno qualche decina di euro in più: poca cosa rispetto all’aumento dei prezzi dei beni di prima necessità.

La rivalutazione anticipata del 2% va ad aggiungersi a uno 0,2%, che è la differenza tra il tasso provvisorio (1,7%) e il tasso definitivo (1,9%) della perequazione 2022. In totale, dunque, l’aumento degli assegni delle pensioni sarà del 2,2%.

Scopri la pagina dedicata a tutti i tipi di pensioni, sociali e previdenziali.

Ricordiamo, però, che non tutti i pensionati beneficeranno dell’aumento pensioni: sono esclusi dall’elenco i titolari di assegno sociale e pensioni di invalidità civile, oltre ai pensionati con assegni superiori a 2.692 euro al mese. Tutti loro riceveranno qualche euro in più soltanto a gennaio 2023.

La rivalutazione non si applica allo stesso modo per tutte le pensioni, ma si calcola in base alle fasce di reddito.

  • 100%, ovvero in misura piena, per le pensioni fino a 4 volte il trattamento minimo (corrispondente a 523,83 euro);
  • al 90% per le pensioni comprese tra 4 e 5 volte il trattamento minimo;
  • al 75% dell’inflazione per le pensioni oltre 5 volte il trattamento minimo.

Ecco a quanto dovrebbe ammontare la pensione minima nel 2023 e come funziona la proposta di Forza Italia per aumentare l’assegno sociale a 1000 euro.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Aumenti pensione a ottobre: esempi

Per fare un esempio dell’aumenti pensione, prendiamo in esame gli assegni di 1.000, 1.500 e 2.000 euro.

Chi percepisce una pensione di 1.000 euro al mese, riceverà un aumento di 22 euro al mese, per un totale di 66 euro fino a dicembre 2022.

I titolari di assegni mensili di 1.500 euro godranno di un aumento di 33 euro al mese, per un totale di 99 euro fino a fine anno.

Invece, chi percepisce una pensione di 2.000 euro al mese avrà un aumento mensile di 44 euro, per un totale di 132 euro fino al dicembre 2022.

Aumenti pensione a gennaio 2023: a quanto ammonta?

E l’aumenti pensione da gennaio 2023 a quanto ammonterà?

Una volta spiegato quanto accadrà agli assegni previdenziali (quasi tutti…) da ottobre a dicembre 2022, andiamo a vedere di quanti punti percentuali potrebbe essere la rivalutazione a partire dal 1° gennaio 2023.

In questo caso le ipotesi possibili sono due: un incremento del 2% o del 3% rispetto alla rivalutazione anticipata.

In pratica gli assegni potrebbero aumentare del 4,2% rispetto agli attuali (fino a settembre 2022) oppure del 5,2%, comportando un incremento del valore di tutti gli assegni, compresi quelli esclusi dalla rivalutazione anticipata.

Vediamo, allora, il possibile importo delle pensioni calcolando la rivalutazione del 2% prevista a partire dal 1° gennaio 2023 sugli importi già aumentati per effetto della perequazione anticipata a ottobre.

Aumenti pensione
Aumenti pensione: di quanto aumentano a gennaio 2023?

Quindi, per chi riceve una pensione di 1.000 euro al mese, già rivalutata a 1.022 euro a ottobre 2022, l’ulteriore aumento previsto dal 1° gennaio 2023 (2%) farà lievitare l’assegno di altri 20,44 euro, per un totale di 1.042,44 euro al mese.

Chi percepisce una pensione di 1.500 euro al mese, già incrementata di 33 euro a ottobre 2022, riceverà un aumento a gennaio 2023 di 30,66 euro, per un totale di 1.563,66 euro al mese.

Infine, chi è titolare di assegni di 2.000 euro al mese, già aumentati di 44 euro a ottobre 2022, godrà di un aumento a gennaio 2023 di 40,88 euro, per un totale di 2084,88 euro al mese.

Se, invece, consideriamo la rivalutazione del 3% a gennaio 2023, gli importi delle pensioni, a partire dal 1° gennaio, aumenteranno di:

  • 30 euro (più altri 22 euro da ottobre 2022, per gli assegni di 1.000 euro);
  • 45 euro (più altri 33 euro da ottobre 2022, per gli assegni di 1.500 euro);
  • 60 euro (più altri 44 euro da ottobre 2022, per gli assegni di 2.000 euro).

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie