Aumento degli stipendi 2023, quanti soldi col piano Meloni?

Aumento degli stipendi 2023. Scopri quanti soldi in più sono previsti e come cambierà l'importo dell'Iva sugli alimenti.

4' di lettura

Aumento degli stipendi. Scopriamo insieme in questo articolo di quanto dovrebbero salire gli importi dal gennaio 2023 (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Nei prossimi paragrafi approfondiremo nel dettaglio anche quando dovrebbero essere registrati questi aumenti insieme al taglio dell’Iva previsto per i beni alimentari.

Indice

Aumento degli stipendi: di quanto?

Il governo Meloni prevede un aumento stipendio nel 2023. Non ci sarà una revisione dei contratti. Semplicemente verrà applicato il taglio al cuneo fiscale sul lavoro.

Scopri la pagina dedicata alle offerte di lavoro e ai diritti dei lavoratori.

Durante il suo discorso programmatico alle Camere, Giorgia Meloni ha spiegato di voler ridurre la pressione fiscale del 5 per cento a famiglie e imprese che, per i lavoratori, si tradurrebbe come un aumento dei soldi in busta paga.

Anche in questo caso la riduzione fiscale sarebbe dedicata solo ai lavoratori che conseguono un reddito da lavoro annuo lordo entro i 35mila euro. È logico che gli aumenti non saranno uguali per tutti. Chi guadagna di più, e a oggi paga più tasse, otterrà un beneficio maggiore: il tutto sarà proporzionato all’importo del proprio stipendio o salario.

Questo intervento però sarà graduale. Il governo non può infatti intervenire in modo netto e diretto con una misura così importante. Il taglio delle tasse quindi, dovrebbe essere progressivo.

L’operazione che invece potrebbe arrivare subito è la proroga della decontribuzione al 2 per cento ideata dal governo Draghi che, al momento, resterà in vigore solo fino al 31 dicembre prossimo (valido da luglio 2022 fino a fine anno, tredicesima compresa ndr). Tuttavia, solo per questo intervento, servono circa 3,5 miliardi di euro da inserire nella prossima legge di bilancio.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

NUOVA DATE 200 EURO. RDC SOSPESO, INPS: IL MOTIVO 🙄

Aumento degli stipendi: super deduzioni

L’esecutivo di centrodestra è poi al lavoro per definire un piano di super deduzioni dedicate solo alle imprese.

Si parla di tagli alle imposte per chi crea nuova occupazione o rinnova i contratti di lavoro rispetto al triennio precedente registrando un aumento.

Aumento degli stipendi: la situazione della zona Euro

Attualmente il valore della pressione fiscale su un lavoratore dipendente senza figli a carico è del 46,5 per cento: il 24 per cento è a carico delle imprese mentre il restante 22,5 lo deve versare il lavoratore.

Nell’area euro l’importo del cuneo fiscale è circa di cinque punti percentuali in meno, pari al 41,4 per cento. Con la riforma annunciata dal governo quindi, l’Italia si uniformerebbe alla media europea sul costo fiscale del lavoro.

Oggi l’Italia è il quinto Paese europeo per percentuale di pressione fiscale sul lavoro in Europa dopo a Belgio, Germania, Austria e Francia.

Aumento degli stipendi 2023, quanti soldi col piano Meloni?
Aumento degli stipendi 2023, quanti soldi col piano Meloni?

Aumento degli stipendi e taglio dell’Iva

Sempre durante la discussione sulle linee programmatiche al Parlamento, la Presidente Meloni ha annunciato la volontà di ampliare la lista dei prodotti che rientrano tra i beni primari con una tassazione Iva più bassa.

A causa dell’inflazione infatti, fare la spesa non è più così tanto scontato per molte famiglie italiane. L’intenzione del governo è quindi quella di varare, già dalla prossima legge di bilancio, l’abbassamento dell’Iva al 5 per cento per prodotti alimentari come carne e pesce.

Sempre nel maxi provvedimento che andrà approvato nelle prossime settimane poi, è probabile che l’esecutivo taglierà molti bonus e incentivi dato che, la stessa Meloni, li ha definiti come “utili solo ai fini delle campagne elettorali”.

Potrebbero interessarti anche:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie