Aumento pensione, stipendi, assegno unico nel 2023: le cifre

Aumento pensione, stipendi e assegno unico nel 2023: ecco le cifre dei nuovi importi per effetto della perequazione.

10' di lettura

Aumento pensione, stipendi, assegno unico e trattamenti assistenziali: scopri tutti gli aumenti previsti con la rivalutazione nel 2023 (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unicoLeggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

INDICE:

Aumento pensione nel 2023 e non solo: capiamo perché

Aumento pensione, ma non solo. Sarà un 2023 più ricco per tutti.

In alcuni articoli di The Wam.net, vi avevamo già anticipato la notizia dell’aumento pensione; ora faremo il punto della situazione, mostrandovi tutti gli aumenti effettivi, grazie anche a delle tabelle riassuntive che vi aiuteranno ad avere più chiara la situazione.

L’aumento pensione previsto per il 2023 saranno applicati per far fronte al caro prezzi dovuto alla forte inflazione degli ultimi 12 mesi. Per quanto riguarda le pensioni, queste sono adeguate ogni anno in base ai prezzi registrati nell’anno precedente, grazie al meccanismo della perequazione.

Ricordiamo che, al momento, il tasso di inflazione – quello a cui si fa riferimento per la rivalutazione – si attesta all’8%. Sarà questo l’aumento che verrà applicato all’importo attuale. La percentuale verrà applicata anche all’assegno unico e alle varie misure assistenziali erogate a favore delle famiglie e delle persone in difficoltà.

Scopri la pagina dedicata a tutti bonus attualmente attivi e disponibili.

Per quanto riguarda gli stipendi, invece, è già in corso il taglio del cuneo fiscale, un tema che sembra accomunare i vari partiti in questa campagna elettorale che porta alle elezioni previste per settembre 2022. Vedremo più avanti se sarà confermato o meno anche per il 2023.

Intanto, ricordiamo anche che un aumento anticipato e parziale delle pensioni è previsto per l’ultimo trimestre del 2022. Con il Decreto Aiuti bis, infatti, si è stabilito che ai trattamenti di tipo previdenziale – e non a quelli di tipo assistenziale come l’invalidità civile – verrà applicato un primo aumento pari al 2,2%.

Non è tanto, come ti abbiamo spiegato in questo approfondimento, ma a gennaio 2023 verrà aggiunta la percentuale che permetterà di portarle a un aumento dell’8%.

Come ti dicevamo, per i trattamenti assistenziali non è stato previsto un aumento anticipato nella prima bozza del Decreto Aiuti ma, a quanto pare, questa specifica non è più presente nel testo definitivo. Vedremo a settembre cosa verrà deciso in merito.

Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Aumento pensione nel 2023

Dal gennaio 2023 è previsto un aumento pensione. Sono compresi in questo aumento tutti i trattamenti di tipo previdenziale.

Come ti abbiamo spiegato nel precedente paragrafo, le pensioni gioveranno di un aumento anticipato già a partire da ottobre 2022 e fino a dicembre 2002.

L’aumento previsto è del 2,2%. Ciò vuol dire che, a gennaio 2023, questa percentuale verrà decurtata dal tasso di rivalutazione che verrà accertato per il 2023, che al momento è dell’8%. Se dovesse essere confermato, avremo quindi un ulteriore aumento del 6%.

Ricordiamo però che l’aumento è del 100% della rivalutazione solo per le pensioni che non superano 4 volte il trattamento minimo, mentre sopra questa soglia – ma comunque entro le 5 volte il trattamento minimo – è del 90% del tasso.

Se l’importo della pensione è 5 volte superiore al trattamento minimo, la pensione viene rivalutata al 75%. In sintesi, nel 2023 le pensioni dovrebbero aumentare del:

  • 6% sotto un importo di circa 2.100 euro;
  • 5,4% sopra i 2.100 euro ma sotto i 2.600 euro;
  • 4,5% sopra i 2.600 euro

Nella tabella che segue, però, ti mostriamo alcuni esempi pratici per farti capire come verrà applicato l’aumento in base a quanto detto in merito alle percentuali:

Importo attuale pensionePercentuale anticipata da ottobre a dicembre 2002Importo rivalutato fino a fine 2022Percentuale applicata da gennaio 2023Importo rivalutato nel 2023
524,35 euro (trattamento minimo)2,2%557,34 (+11,99 euro)6%590,78 (+33,44 euro)
1.000 euro2,2%1.022 euro (+22 euro)6%1.083,32 euro (+61,32 euro)
2.000 euro2,2%2.044 (+44 euro)5,4%2.154,37 euro (+110,37)
3000 euro2,2%3.066 (+66 euro)4,5%3.203,97 (+137,97 euro)
Tabella con le previsioni dell’aumento pensione da ottobre a dicembre 2022 e da gennaio 2023

Come vedi, le pensioni che otterranno gli aumenti più corposi sono quelle più alte. È vero che anche il trattamento minimo avrà un aumento di 44 euro mensili, ovvero di 572 euro annui (per 13 mensilità), ma dalle nostre pagine non smetteremo mai di denunciare la necessità di una vera e propria riforma strutturale delle pensioni, in modo da permettere una vita dignitosa ai pensionati, soprattutto agli invalidi.

Intanto dai un’occhiata a come andare in pensione con:

Aumento pensione invalidità e trattamenti assistenziali nel 2023

Aumento pensione. È previsto anche un aumento pensione invalidità: i titolari delle prestazioni assistenziali, esclusi dall’elenco dei beneficiari della rivalutazione anticipata, godranno della piena rivalutazione all’8% da gennaio 2023, insieme ai titolari dell’assegno sociale.

Vediamo nel dettaglio tutti gli aumenti dei trattamenti assistenziali con la percentuale dell’8%:

Trattamento assistenzialeImporto attualePercentuale applicata da gennaio 2023Importo rivalutato nel 2023
Assegno sociale468,11 euro8%505,55 euro (+37,44 euro)
Pensione di invalidità civile291,98 euro8%315,33 (+23,35)
Pensione ciechi civili assoluti non ricoverati    310,48 euro8%335,31 euro (+24,83 euro)
Pensione ciechi civili assoluti ricoverati287,09 euro8%310,05 euro (+22,96)
Pensione ciechi civili parziali287,09 euro8%310,05 euro (+22,96)
Pensione invalidi civili totali287,09 euro8%310,05 euro (+22,96)
Pensione sordomuti287,09 euro8%310,05 euro (+22,96)
Assegno mensile invalidi civili parziali287,09 euro8%310,05 euro (+22,96)
Indennità mensile frequenza minori287,09 euro8%310,05 euro (+22,96)
Indennità accompagno ciechi civili assoluti             938,35 euro8%1.013,41 euro (+75,06 euro)
Indennità accompagno invalidi civili totali522,10 euro8%563,86 euro (+41,76 euro)
Indennità comunicazione sordomuti258,82 euro8%279,52 euro (+20,70 euro)
Indennità speciale ciechi ventesimisti231,79 euro8%250,33 euro (+18,54 euro)
Indennità drepanocitosi o talassemia major515,58 euro8%556,82 euro (+41,24)
Ipovedenti gravi (Decimisti) con solo assegno a vita213,08 euro8%230,04 euro (+17,04 euro)
Tabella con gli aumenti dei trattamenti assistenziali previsti per il 2023

Come vedi, partendo da importi bassi e in alcuni casi molto bassi, gli aumenti dei trattamenti assistenziali saranno di una manciata di euro. E qui torniamo a quanto abbiamo detto poco sopra: ci attendiamo una riforma delle pensioni che tenga davvero conto dei reali bisogni degli invalidi.

Scopri come avere la pensione di invalidità 2022, quali sono tutti gli importi previsti per le prestazioni destinate agli invalidi civili, come richiedere gli arretrati per la pensione di invalidità civile.

Non solo aumento pensione: aumento stipendi e rinnovo contratti

Aumento pensione e non solo: si ipotizza anche un aumento stipendi, nel 2023. Si ipotizza perché, al contrario della rivalutazione delle pensioni, non è un intervento definito perfettamente dal legislatore.

Negli ultimi mesi, il governo Draghi è intervenuto in più occasioni per sostenere il potere d’acquisto dei salari, prima introducendo il bonus 200 euro e poi tagliando il cuneo fiscale prevedendo un uno sgravio contributivo che, sommato a quello già introdotto dalla legge di Bilancio 2022, riduce del 2% la quota dei contributi dovuta dal dipendente.

Tuttavia, il bonus contributivo che si applica per le retribuzioni inferiori a 35mila euro l’anno, è in vigore solamente nel 2022.

In questo caso, quindi, se non si interverrà sugli stipendi, nel 2023 questi potrebbero essere paradossalmente più bassi. Tutto dipenderà quindi da cosa deciderà di fare il nuovo governo con la legge di Bilancio 2023.

C’è da dire, però, che nei loro programmi elettorali, tutti i partiti hanno dato ampio spazio al taglio delle tasse sugli stipendi, quindi sembrano esserci buone possibilità anche per l’aumento delle retribuzioni, dal prossimo anno.

A questo si aggiunge il fatto che sono già previsti diversi rinnovi di contratto che aspettano solo di essere firmati, i quali garantiranno un aumento ai lavoratori dei settori interessati.

Passiamo adesso a un altro aumento molto atteso, che è quello dell’assegno unico per figli fiscalmente a carico.

In proposito leggi perché non è visibile il pagamento del bonus 200 euro sull’Rdc di agosto, come funziona per il prelievo dei 200 euro sul reddito di cittadinanza e quali sono le prossime date di pagamento del bonus 200 euro su Rdc. Leggi anche se il bonus 200 euro su Rdc va speso tutto e come funziona per la possibilità di risparmiarlo.

Aumenti dell’importo e dei limiti di reddito dell’assegno unico

Non solo aumento pensione: anche l’assegno unico beneficerà dell’inflazione, con un aumento che porterà il suo importo base da 175 auro a 190 euro al mese per figlio, se l’inflazione verrà confermata all’8%.

L’aumento è confermato nella relazione tecnica allegata al Decreto Aiuti bis, con il quale per il 2022 sono state tagliate le risorse destinate all’assegno unico, visto che a farne richiesta sono state meno persone rispetto a quanto previsto.

Tuttavia, per il 2023 le risorse vengono lasciate invariate, proprio perché è atteso un aumento degli importi.

Ad aumentare non saranno solo gli importi dell’assegno unico, ma anche i limiti di reddito entro cui beneficiarne.

Ad oggi, per avere diritto all’importo massimo dell’assegno unico, bisogna avere un Isee inferiore a 15mila euro. Dal 2023, l’importo salirà leggermente, arrivando a poco più di 16mila euro.

Aumento pensione, stipendi, assegno unico nel 2023: le cifre.

Tra le novità, ricordiamo che, dal 2023, non sarà più necessario fare domanda di rinnovo per l’assegno unico per tutti coloro la cui situazione economica e familiare non subirà cambiamenti rispetto al 2022, come ti abbiamo spiegato in questo approfondimento.

La domanda va rinnovata solo nel caso in cui dovesse cambiare l’Isee, ci fosse la nascita di un nuovo figlio o uno dei figli beneficiari diventasse maggiorenne.

Nella tabella che segue, ti mostriamo gli aumenti previsti per gli importi dell’assegno unico. Non avendo ancora bene chiare quali saranno tutti i nuovi limiti di reddito, lasciamo quelle attive al momento.

Leggi le tabelle con tutti gli importi dell’assegno unico, controlla se ti stanno pagando tutte le maggiorazioni dell’assegno universale, vedi come funziona per chi è disoccupato e come cambiano le cifre dell’assegno unico con i figli con disabilità

Riformuleremo la tabella nuovamente nel momento in cui avremo ufficialità dei nuovi limiti reddituali, ma gli importi aumentati saranno comunque quelli che ti riportiamo.

Dovranno solo essere ridistribuiti per fasce di reddito:

IseePer ogni figlio minore fino a 2Figlio da 18 a 21 anni a carico (purché studenti o in servizio civileFigli disabili a carico oltre 21 anniFiglio minore dopo il secondoMaggiorazione per nucleo con entrambi genitori lavoratoriMaggiorazione nucleo Con 4 o più figliMaggiorazione madre sotto i 21 anni
FasceImporti mensili in euro 
Da 0 a 15.000  175,0 (+8%=189 euro)85,0 (+8%=91,80 euro)85,0 (+8%=91,80 euro)85,0 (+8%=91,80 euro)30 (+8%=32,40 euro)100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Da 18.000 a 18.100159,5 (+8%=211,14 euro)77,6 (+8%=90,01 euro)77,6 (+8%=90,01 euro)76,3 (+8%=90,01 euro)26,3 (+8%=82,40 euro)100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Da 20.000 a 20.100  149,5 (+8%=161,46 euro)72,8 (+8%=78,62 euro)72,8 (+8%=78,62 euro)70,6 (+8%=76,24 euro)23,9 (+8%=25,81 euro)100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Da 22.000 a 22.100139,5 (+8%=150,66 euro)68,0 (+8%=114,24 euro)68,0 (+8%=114,24 euro)65,1 (+8%=70,30 euro)21,5 (+8%=23,22 euro)100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Da 24.000 a 24.100129,5 (+8%=139,86 euro)63,2 (+8%=68,25 euro)63,2 (+8%=68,25 euro)59,5 (+8%=64,26 euro)19,1 (+8%=20,62 euro)100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Da 35.000 a 35.10074,5 (+8%=80,46 euro)36,8 (+8%=39,74 euro)36,8 (+8%=39,74 euro)25,9 (+8%=27,97 euro)5,9 (+8%=6,37 euro)100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Da 37.000 a 37.10064,5 (+8%=69,66 euro)32,0 (+8%=34,56 euro)32,0 (+8%=34,56 euro)23,1 (+8%=24,94 euro)3,5 (+8%=3,78 euro)100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Oltre 40.00050,0 (+8%=54 euro)25 (+8%=27 euro)25 (+8%=27 euro)15 (+8%=16,2 euro)  0100 (+8%=108 euro)20 (+8%=21,60 euro)
Tabella con gli importi attuali dell’assegno unico per fascia di reddito e le previsioni di aumento per il 2023

Aumento pensione e non solo. Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nei gruppi offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie