Aumento pensioni e rivalutazione nel 2021: guida alle cifre

Aumento pensioni 2021: cosa dice il documento del Mef? Come incide la rivalutazione della pensione: ne parliamo in questa guida con una tabella degli importi.

3' di lettura

Aumento pensioni 2021: ci sarà davvero? In cosa consisterà? Le cifre, poi, possono far parlare di un incremento significativo? Facciamo il punto. (A questa pagina tutte le news sulle pensioni)

Indice:


(Leggi anche la nostra pagina speciale sui bonus). (Nel gruppo Telegram contenuti speciali su offerte di lavoro e bonus) (Nel gruppo whatsapp offerte di lavoro, incentivi e concorsi sempre aggiornati) (Qui la pagina riservata ai concorsi) (Qui il link al nostro canale youtube con le video-guide)

Aumento Pensioni 2021: le ultime notizie

E’ stato pubblicato, come ogni anno, il decreto del Ministero di Economia e Finanza di novembre, dove viene affrontato anche il tema dell’aumento delle pensioni per il 2021. Il tasso di inflazione, per il 2021, è dello 0,0%, mentre la variazione fra 2019 e 2020 è dello 0,1%. In cosa si traducono questi fattori? Un aumento di 1-2 euro lordi mensili e un conguaglio che, in media, corrisponde a 20 euro.

Si parla di inflazione quando si registra un aumento complessivo di diversi capitoli di spesa, non solo in certi settori, e l’unità di moneta (esempio un euro) consente di comprare un numero inferiore di beni o servizi.

Rivalutazione pensioni 2021

Spesso, quando si parla di pensioni, sentiamo parlare di perequazione attraverso rivalutazione. Un accostamento di parole che può confondere e non poco. Che succede, in sostanza?

In Italia esiste un meccanismo di adeguamento periodico che permette di garantire, ai pensionati, un tenere di vita adeguato e costante (secondo parametri fissati), rispetto a fattori come l’inflazione.

Aumento pensioni in arrivo a dicembre (foto di Free-Photos per Shutterstock)
Aumento pensioni: cosa aspettarsi per il 2021 (foto di Free-Photos per Shutterstock)

Aumento pensioni e rivalutazione: la tabella

Ecco una tabella che aiuta a fare chiarezza sul funzionamento della rivalutazione. Come è facile vedere, una rivalutazione al al 100%, piena per così dire, agisce solo per chi ha un assegno di importo inferiore a 4 volte il trattamento minimo (circa 515 euro).  

Importo inferiore a 4 volte il trattamento minimo100%
Importo superiore a 4 volte ma inferiore a 5 volte il trattamento minimo77%
Importo superiore a 5 volte ma inferiore a 6 volte il trattamento minimo52%
Importo superiore a 6 volte ma inferiore a 8 volte il trattamento minimo47%
Importo superiore a 8 volte ma inferiore a 9 volte il trattamento minimo45%
Importo superiore a 9 volte il trattamento minimo40%

Un utile esempio, per capire in cosa si traducono queste cifre, lo offre Money.it. Spiega come per un importo, tra 4 e 5 volte più basso del trattamento minimo, la rivalutazione è del 77%. In soldoni, quindi, dal 1 gennaio 2020 i pensionati riceveranno un aumento dello 0,385% anziché dello 0,308%. Su un importo di 2.500,00€ nel 2019, ci sarà un aumento di 2 euro riconosciuto a gennaio.

Potrebbero interessarti:

  1. Pagamento pensioni Inps calendario novembre: cedolino oggi?

  2. Pagamento pensioni e aumento: come usare bene il cedolino

  3. Pensione di invalidità più ricca in arrivo. I requisiti

Gruppo WhatsApp offerte di lavoro, bonus, concorsi e news

Ricevi ogni giorno gratis i migliori articoli su offerte di lavoro, bandi, bonus, agevolazioni e attualità. Scegli il gruppo che ti interessa:

  1. Telegram - Gruppo esclusivo

  2. WhatsApp - Gruppo base

Seguici anche su YouTube | Google | Gruppo Facebook | Instagram



Come funzionano i gruppi?
  1. Due volte al giorno (dopo pranzo e dopo cena) ricevi i link con le news più importanti

  2. Niente spam o pubblicità

  3. Puoi uscire in qualsiasi momento: la procedura verrà inviata ogni giorno sul gruppo

  4. Non è possibile inviare messaggi sul gruppo o agli amministratori

  5. Il tuo numero di cellulare sarà utilizzato solo per inviarti notizie