Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Pensioni / Aumento pensioni di invalidità: quando, esclusi, spetta a chi lavora?

Aumento pensioni di invalidità: quando, esclusi, spetta a chi lavora?

Tutto quello che c'è da sapere sull'emendamento approvato nel Decreto bilancio

di Andrea Fantucchio

Luglio 2020

L’aumento per le pensioni di invalidità al 100% sarà realtà. Il Decreto Rilancio è in fase di conversione di legge e proprio lì dentro è presente l’emendamento che cita l’incremento stabilito da una sentenza della Corte Costituzionale. (Qui l’elenco di chi può ricevere l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario 2020)

Sommario:

Cosa ha stabilito la sentenza

La Consulta ha stabilito che l’attuale pensione di invalidità, fissata a 285,66 euro, è insufficiente e anti-costituzionale. Non garantisce infatti un trattamento adeguato (sanitario e non solo) a chi è affetto da una invalidità totale. Il tetto è stato alzato a 514 euro purché si rispettino due parametri fondamentali.

I requisiti per accedere all’aumento

Ricordiamo che la sentenza, pur essendo storica, impone infatti una limitazione molto stringente rispetto alla platea di chi potrà accedere all’aumento. Nello specifico si deve:

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Qui abbiamo spiegato chi, purtroppo, per il momento sarà trattato come un “disabile di serie B” e non riceverà la pensione.

Quando entrerà in vigore la misura?

Giorgia Meloni, presidente di Fratelli d’Italia, ha annunciato che dal 1 agosto entrerà in vigore l’aumento delle pensioni di invalidità. Se il governo non si fosse mosso, infatti, probabilmente sarebbe stato necessario aspettare la pubblicazione in gazzetta ufficiale della sentenza e poi avviare l’iter per le nuove disposizioni relative alle pensioni.

Quanti soldi sono stati destinati al provvedimento

Nel Decreto è stato chiarito che, per venire incontro alla necessità di aumentare le pensioni di invalidità, il Ministero del lavoro e delle politiche sociali hanno istituito un fondo che avrà in dotazione, inizialmente, 46 milioni di euro per garantire la copertura finanziaria al provvedimento.

Chi prende la pensione di invalidità può lavorare?

La misura di sostegno è compatibile con l’attività lavorativa purché il guadagno, che deriva dal lavoro svolto, non contribuisca a superare la soglia di reddito prevista per prendere la misura di sostegno. Nello specifico, nel 2020, il limite di reddito per beneficiare della pensione per invalidi civili è di 16.982,49 euro.

Entra nel gruppo whatsapp

Entra nel nostro gruppo whatsapp e ricevi articoli su offerte di lavoro, bandi, guide legate alle nuove misure di agevolazione per privati e famiglie. Per entrare clicca qui. Sul gruppo si riceveranno solo i link utili, per domande specifiche usare SOLO la mail [email protected]. Risponderemo appena possibile.

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1