Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Pensioni / Aumento pensione marzo: quanti arretrati spettano e a chi

Aumento pensione marzo: quanti arretrati spettano e a chi

Aumento della pensione di marzo e arretrati: a chi spettano e come si calcolano? Vediamolo insieme in questo approfondimento.

di Carmine Roca

Febbraio 2023

Aumento della pensione di marzo e arretrati: ecco a chi spettano e chi non riceverà nulla (scopri le ultime notizie e poi leggi su Telegram tutte le news sulle pensioni e sulla previdenza. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Indice

Aumento della pensione di marzo e arretrati: per chi?

Aumento della pensione di marzo e arretrati: sarà tutto compreso nel cedolino di marzo visibile sul sito dell’INPS tra il 20 e il 21 febbraio.

Potete, però, già verificare l’importo della pensione, accedendo con una delle credenziali in vostro possesso – SPID, CIE, CNS – seguendo la procedura spiegata in questo nostro approfondimento.

Buone notizie, dunque, per chi è rimasto escluso dalla rivalutazione degli importi degli assegni a gennaio e febbraio.

Parliamo di coloro che percepiscono una pensione con un importo 4 volte superiore il trattamento minimo, ovvero oltre i 2.101,52 euro lordi al mese.

Riceveranno gli aumenti previsti, ma corrisposti a gennaio e gli arretrati delle quote di rivalutazione non pagate nei primi due mesi del 2023: lo ha comunicato l’INPS con la circolare numero 20 del 10 febbraio 2023.

Scopri la pagina dedicata a tutti i tipi di pensioni, sociali e previdenziali. Per qualsiasi dubbio o domanda sulle pensioni scrivici nel nostro gruppo Telegram.

In questa tabella è possibile verificare gli importi degli arretrati in arrivo a marzo. Ricordiamo che sulle pensioni fino a 2.625 euro lordi al mese è già calcolato il 2% di rivalutazione anticipata erogato nell’ultimo trimestre del 2022:

IMPORTI PENSIONEIMPORTI ARRETRATI A MARZO
2.500 euro225 euro
2.800 euro218 euro
3.000 euro232 euro
4.000 euro274 euro
4.500 euro243 euro
5.000 euro270 euro
5.500 euro261 euro
6.000 euro284 euro
Aumento della pensione di marzo e arretrati: tabella arretrati

Chi, invece, percepisce una pensione di importo inferiore a 2.101,52 euro lordi al mese ha già ricevuto l’aumento a gennaio, come riferito dall’INPS con la circolare numero 135 del 22 dicembre 2022, e non riceverà alcun aumento a marzo, tantomeno arretrati.

A marzo, dovrebbero essere ritoccati anche gli importi delle pensioni minime, già rivalutati del 7,3% (563 euro al mese), sulle quali spettano due mini-bonus introdotti dal Governo Meloni.

I pensionati che non hanno compiuto 75 anni riceveranno un assegno mensile da 571 euro; i pensionati che hanno già compiuto 75 anni, invece, riceveranno un assegno più corposo, pari a 597 euro al mese.

Aggiungiti al gruppo Telegram sulle pensioni e sulle notizie legate al mondo della previdenza. Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Aumento della pensione di marzo e arretrati: cos’è la rivalutazione?

Spiegato velocemente chi riceverà l’aumento della pensione di marzo e arretrati, è necessario chiarire cos’è la rivalutazione e come funziona.

Con rivalutazione (o perequazione) delle pensioni ci riferiamo all’adeguamento annuale degli importi dei trattamenti previdenziali e assistenziali, sulla base dell’inflazione registrata l’anno precedente.

A novembre 2022, quando il ministro Giorgetti ha firmato il decreto che ufficializzava la perequazione delle pensioni del 2023, il tasso di inflazione registrato in Italia era del 7,3%. A dicembre era salito all’8,1%, quindi non si escludono conguagli sulle pensioni già nel corso del 2023 o erogati a inizio 2024.

Aumento della pensione di marzo e arretrati: come funziona la rivalutazione?

La rivalutazione piena (100%) spetta soltanto sugli importi fino a 2.101,52 euro lordi al mese. Quindi, all’aumentare degli importi delle pensioni si abbassa la percentuale di rivalutazione spettante.

Dal 1° gennaio 2023, il Governo Meloni ha adottato il sistema di rivalutazione a sei fasce, tagliando gli aumenti previsti sulle pensioni d’oro, come si evince da questa tabella:

IMPORTO PENSIONIRIVALUTAZIONE
Pensioni fino a 2100 euro lordi al mese100%
Pensioni da 2101 euro a 2625 euro lordi al mese85%
Pensioni da 2626 a 3150 euro lordi al mese53%
Pensioni da 3151 a 4200 euro lordi al mese47%
Pensioni da 4201 a 5250 euro lordi al mese37%
Pensioni di importo superiore a 5250 euro lordi al mese32%
Aumento della pensione di marzo e arretrati: il nuovo sistema di rivalutazione
Aumento della pensione di marzo e arretrati
Aumento della pensione di marzo e arretrati: nella foto delle banconote arrotolate.

Aumento della pensione di marzo e arretrati: aumenti da 2.500 a 6.000 euro

Volendo fare degli esempi pratici dell’aumento delle pensioni previsto a marzo, possiamo dire che su un assegno da 2.500 euro spetta un incremento di circa 95 euro (comprensivi del 2% di rivalutazione anticipata); su una pensione da 3.000 euro è in arrivo un aumento di 116 euro al mese.

Sugli assegni da 4.000 euro saranno calcolati aumenti mensili da 137 euro al mese; sulle pensioni da 5.000 euro spettano aumenti di 135 euro al mese, mentre sulle pensioni da 6.000 euro sono in arrivo aumenti mensili da 142 euro.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti sulle pensioni:

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp