Privacy
×
The wam
×
icona-ricerca
Home / Invalidità Civile » Previdenza e Invalidità / Ausili per disabili e protesi: cosa passa l’Asl? La lista

Ausili per disabili e protesi: cosa passa l’Asl? La lista

Ausili per disabili: quali passa l'Asl? Ecco l'elenco e la procedura per richiederli.

di Carmine Roca

Maggio 2022

Ausili per disabili e protesi: a chi spettano e cosa passa l’Asl? Vediamolo insieme in questo approfondimento (scopri le ultime notizie su bonus, Rem, Rdc e assegno unico. Leggi su Telegram tutte le news su Invalidità e Legge 104. Ricevi ogni giorno sul cellulare gli ultimi aggiornamenti su bonus, lavoro e finanza personale: entra nel gruppo WhatsApp, nel gruppo Telegram e nel gruppo Facebook. Scrivi su Instagram tutte le tue domande. Guarda le video guide gratuite sui bonus sul canale Youtube. Per continuare a leggere l’articolo da telefonino tocca su «Continua a leggere» dopo l’immagine di seguito).

Ausili per disabili: a chi spettano e quando?

Gli ausili per disabili e protesi gratuite spettano alla persona disabile alla quale è riconosciuta una percentuale di invalidità civile superiore a un terzo (34%).

Questi accessori servono a migliorare la qualità della vita del disabile, a compensare eventuali limitazioni funzionali (amputazioni, per esempio) o a correggere menomazioni o disabilità fisiche o intellettive causate da malattie o lesioni.

Con un’invalidità civile di almeno il 34%, il Sistema Sanitario Nazionale fornisce protesi, ortesi o ausili:

Acquista la nostra Guida più dettagliata sull’Invalidità Civile con oltre 150 pagine e le risposte a tutte le domande. Leggi gratis l’indice e il primo capitolo.

Aggiungiti al gruppo Telegram di news su invalidità e Legge 104 o a quello di WhatsApp ed Entra nella community di TheWam e ricevi tutte le news su WhatsApp, Telegram e Facebook. Scopri le ultime offerte di lavoro sempre aggiornate nella tua zona.

Ricevi subito la guida illustrata con tutte le agevolazioni per l’invalidità civile

Ausili per disabili: quali sono?

L’elenco degli ausili, degli ortesi e delle protesi è stato comunicato dal Ministero della Sanità il 27 agosto del 1999, con il Decreto numero 332. Oltre all’elenco ufficiale ci sono altre forniture che le singole regioni mettono a disposizione dei propri residenti.

Esistono dispositivi in serie, come i cateteri, i materassi antidecubito, i cuscini, che non hanno bisogno di personalizzazione, mentre altri dispositivi vengono realizzati appositamente per la persona disabile: scarpe ortopediche, plantari, rialzi, carrozzine classiche, leggere o elettriche e così via. Queste vengono assegnate dalle Asl in comodato d’uso.

Infine, alcuni dispositivi possono essere acquistati direttamente dall’Asl e forniti in comodato d’uso al disabile (montascale, ventilatori polmonari, apparecchi per l’alimentazione enterale…).

Ecco una tabella riepilogativa:

AUSILI PER DISABILIDESCRIZIONE
Dispositivi in serieNon hanno bisogno di personalizzazione (cateteri, materassi antidecubito, cuscini…)
Realizzati appositamente e ceduti in comodato d’uso alla persona disabilePlantari, scarpe ortopediche, rialzi, carrozzine elettriche, leggere, classiche…
Acquistati dall’Asl e ceduti in comodato d’uso alla persona disabileMontascale, ventilatori polmonari, apparecchi per l’alimentazione enterale…

Ausili per disabili: procedura per ottenerli

Per richiedere ausili, ortesi e protesi è necessario seguire una procedura che si compone di quattro fasi: prescrizione, autorizzazione, fornitura e collaudo.

La prescrizione spetta al medico specialista competente per la menomazione. Il paziente viene sottoposto a valutazione clinica, al termine della quale dovrà essere specificata l’indicazione del dispositivo prescritto, completo del codice ISO identificativo. Inoltre vanno precisati eventuali adattamenti necessari. Alla prescrizione segue un programma riabilitativo.

Il secondo passaggio è l’autorizzazione rilasciata dall’Asl di residenza. Viene verificato se il richiedente ha realmente diritto al dispositivo richiesto e se c’è corrispondenza tra la prescrizione medica e i dispositivi codificati del Nomenclatore.

Quindi si passa alla fornitura e al collaudo del dispositivo. Una volta fornito il dispositivo si avvia la fase di collaudo. Il fornitore dell’ausilio deve informare l’Asl entro tre giorni lavorativi dalla consegna. Il richiedente è invitato, entro 15 giorni, a presentarsi per il collaudo. Se è impossibilitato fisicamente a raggiungere la sede designata può richiedere di eseguire il collaudo a domicilio.

Ecco gli articoli preferiti dagli utenti su invalidità civile e Legge 104:

Ausili per disabili e protesi: cosa passa l'Asl? La lista
Ausili per disabili e protesi: cosa passa l’Asl? La lista

Entra nel gruppo WhatsApp e Telegram

Canale Telegram

Gruppo WhatsApp

1