Coronavirus mondo: OMS, 100mila casi al giorno per 5 giorni. Austria, frontiere chiuse con l’Italia

Le notizie principali dal mondo sul contagio da coronavirus.



6' di lettura

Oggi mercoledì 3 giugno 2020: qual è la situazione nel resto del pianeta per l’emergenza coronavirus? Come ogni giorno siamo andati a spulciare sugli organi d’informazione più importanti (The Guardian, Washington Post, El Pais, El Mundo, Le Monde, Le Figaro, Clarin), per fornirvi un resoconto veloce sulla diffusione del contagio e su quello che sta accadendo.

I decessi noti nella pandemia di coronavirus sono passati oltre 380.000 mercoledì, con i dati della Johns Hopkins University che mostrano il bilancio attualmente pari a 380.250. Le infezioni confermate si avvicinano a 3,4 milioni, con 6.378.239 così audaci.

Questi sono i dieci paesi con il più alto numero di infezioni, secondo il tracker della Johns Hopkins University :

  1. Stati Uniti: 1.831.821
  2. Brasile: 555.383
  3. Russia: 423.186
  4. Regno Unito: 279.392
  5. Spagna: 239.932
  6. Italia: 233.515
  7. India: 207.191
  8. Francia: 188.450
  9. Germania: 183.879
  10. Perù: 170.039

Resocontò su America Latina

Gli esperti hanno espresso il timore che le due maggiori economie dell’America Latina stiano riaprendo le loro economie troppo in fretta poiché un numero record di decessi Covid-19 ha lasciato il Brasile pronto a sorpassare l’Italia come il paese con il terzo numero più alto di morti al mondo.

Martedì il Paese sudamericano ha registrato 1.262 morti – un nuovo record giornaliero – portando il suo bilancio ufficiale a 31.199, non molto meno dei 33.530 decessi registrati in Italia. Il Brasile ha registrato oltre 555.000 infezioni , seconde solo agli Stati Uniti.

Il Messico , nel frattempo, ha confermato la morte di 10.637 persone e quasi 100.000 casi, sebbene i funzionari ammettano che il numero reale sarà probabilmente molto più alto.

L’OMS riporta 100.000 nuovi casi al giorno per cinque giorni

L’ Organizzazione mondiale della sanità ha ricevuto segnalazioni di 100.000 nuovi casi di coronavirus ogni giorno negli ultimi cinque giorni, mentre l’epidemia cresce di ritmo in varie regioni del mondo, ha detto il direttore generale.

Tedros Adhanom Ghebreyesus ha anche affermato che l’OMS aveva ripreso gli studi sull’idrossiclorochina, un farmaco contro l’artrite che era stato usato per trattare i pazienti con Covid-19, dopo aver esaminato i dati degli studi che apparentemente avevano dimostrato che era pericoloso.

Il Pakistan registra il più grande aumento in un solo giorno di nuove infezioni

Il Pakistan ha registrato il più grande aumento di un giorno nelle infezioni da coronavirus mercoledì, quando un quarto politico è morto dopo essere risultato positivo al virus.

Mian Jamshed Kakakhel, che era membro di un’assemblea provinciale nel nord-ovest, è morto mercoledì, riferisce l’Associated Press. La sua morte arriva il giorno dopo che due legislatori sono morti in diversi ospedali dopo essere risultati positivi al coronavirus.

Finora, quattro legislatori pakistani sono morti a causa del coronavirus nel paese, secondo l’agenzia di stampa americana.

L’Austria termina i controlli alle frontiere terrestri, ad eccezione dell’Italia

I controlli di ingresso alle frontiere terrestri in Austria , introdotti a causa della pandemia di coronavirus, saranno eliminati da giovedì, ad eccezione di quelli al confine con l’ Italia , ha annunciato il ministro degli Esteri austriaco.

“Da domani non ci saranno più controlli per entrare in Austria”, ha dichiarato Alexander Schallenberg in una conferenza stampa, secondo AFP. I controlli sul confine italiano saranno nuovamente valutati la prossima settimana, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa francese, aggiungendo che Vienna stava considerando la possibilità di consentire l’ingresso da regioni italiane in cui i dati relativi alle infezioni sono bassi.

L’Austria ha dichiarato che il mese scorso avrebbe aperto i suoi confini – chiuso a metà marzo – con tutti i paesi, tranne l’ Italia e la Slovenia , a metà giugno.

La Svezia supera la Francia per Covid-19 morti pro capite

Il numero di decessi pro capite a causa dell’epidemia di coronavirus in Svezia ha ormai superato quello della Francia , poiché il paese ha anche registrato un aumento massiccio delle infezioni dovuto al rilascio di statistiche precedentemente trattenute da un laboratorio di test di Stoccolma.

Secondo l’ultimo aggiornamento dell’agenzia di sanità pubblica, altre 74 persone sono morte a causa di Covid-19 in Svezia, portando il bilancio delle vittime totale a 4.542. Con 450 morti per Covid-19 per 1 milione di persone, significa che la Svezia ha ora un tasso di mortalità per coronavirus più elevato rispetto alla Francia, che ha registrato 443 morti per virus per 1 milione di abitanti, secondo quanto riportato sul sito Web Worldometers .

Lo sgradito aumento della Svezia nella classifica del coronavirus di mercoledì è arrivato dopo che il suo principale epidemiologo, Anders Tegnell, a cui è stato attribuito il merito di aver ideato la strategia di scoppio leggero del suo paese, ha ammesso che “c’era ovviamente un potenziale di miglioramento in ciò che abbiamo fatto”.

Germania, limitazioni su viaggi verso Gran Bretagna

La Germania continuerà a mettere in guardia contro i viaggi non essenziali in Gran Bretagna, mentre il Regno Unito mantiene le sue regole di quarantena di 14 giorni , nonostante rimuova i marciapiedi per i viaggi verso il resto dell’Europa. Il ministro degli Esteri, Heiko Maas, ha annunciato l’intenzione di eliminare gli avvisi di viaggio per 30 paesi, tra cui la Gran Bretagna, dal 15 giugno.

Le morti in Brasile hanno superato i 30.000

Oggi in Brasile sono stati registrati 1.262 decessi Covid-19 – portando il bilancio totale delle vittime del paese a 31.199 – ma il presidente continua a minimizzare la pandemia. I dati sono stati annunciati martedì sera dal ministero della salute brasiliano, che ha anche affermato che il numero di casi di coronavirus è aumentato a 555.383, secondo solo agli Stati Uniti. Il paese sudamericano è sul punto di sorpassare l’Italia, dove sono stati registrati 33.530 decessi, come il paese con il terzo numero più alto di decessi.

L’India è ancora “molto lontana” dal picco – esperto del governo

L’India è ancora lontana dal picco dell’epidemia di coronavirus, secondo un esperto del governo.

Mercoledì il paese ha superato 200.000 infezioni, ha detto il ministero della Sanità, e si prevede che arriverà peggio. I casi sono saliti di 8.909 rispetto al giorno precedente in uno dei picchi di un giorno più alti, portando il conteggio a 207.615. Altre sei nazioni, dagli Stati Uniti, alla Gran Bretagna e al Brasile , hanno un carico di lavoro più elevato.

Paesi Bassi, il 5% della popolazione ha sviluppato anticorpi

Uno studio sui donatori di sangue nei Paesi Bassi ha scoperto che circa il 5,5% di loro ha sviluppato anticorpi contro il nuovo coronavirus, ha affermato oggi la società di donazioni di sangue Sanquin. Lo studio, condotto tra 7000 donatori tra il 10 e il 20 maggio, fornisce un’indicazione di quale percentuale della popolazione olandese potrebbe aver già avuto la malattia. Uno studio simile in aprile ha mostrato anticorpi nel 3% dei donatori di sangue olandesi.

“Ciò dimostra che oltre il 90% dei nostri donatori non è ancora stato in contatto con il virus, supponendo che quasi tutte le persone che sono state infettate sviluppino anticorpi”, ha detto il capo ricercatore di Sanquin, Hans Zaaijer, all’emittente pubblica olandese NOS. “Siamo a miglia di distanza da uno scenario di immunità alla mandria.”

Lufthansa annuncia una perdita nel primo trimestre di € 2,1 miliardi

Lufthansa ha annunciato che subirà una ristrutturazione “di vasta portata” poiché ha registrato oggi una perdita netta nel primo trimestre di € 2,1 miliardi (£ 1,9 miliardi / $ 2,3 miliardi), martellata dalla pandemia di coronavirus, riferisce AFP .

“Il traffico aereo globale si è arrestato in modo virtuale negli ultimi mesi. Ciò ha avuto un impatto senza precedenti sui nostri risultati trimestrali. In considerazione della ripresa molto lenta della domanda, ora dobbiamo adottare misure di ristrutturazione di vasta portata per contrastare ciò “, ha dichiarato l’ amministratore delegato Carsten Spohr in una dichiarazione .

Oltre al crollo del numero di passeggeri, l’ammortamento di alcuni beni aziendali ha intaccato la linea di fondo. Il calo dei prezzi del carburante nel frattempo è costato alla compagnia aerea € 950 milioni perché aveva coperto i suoi acquisti con contratti a prezzi molto più alti.

Entra nel gruppo di WhatsApp e ricevi due volte al giorno - 13:30/20:30 - le notizie più importanti senza spam!